COM’È DEFILATA LA MAM­MA DI NO­LE

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore / 1 -

il fo­ro ita­li­co a mag­gio è uno dei po­sti più bel­li al mon­do, ma la si­gno­ra bion­da se­du­ta al mio fian­co pa­re­va non ac­cor­ger­se­ne. Non ave­va oc­chi che per il ten­ni­sta a po­chi pas­si da lei: il nu­me­ro uno No­vak Djo­ko­vic, che lei chia­ma­va No­le, in­co­rag­gian­do­lo con pa­ro­le in­com­pren­si­bi­li, pa­le­se­men­te in ser­bo e ol­tre­tut­to det­te a bas­sa vo­ce. Djo­ko­vic sta­va in­cre­di­bil­men­te per­den­do il pri­mo set 6- 0 con­tro il bra­si­lia­no Bel­luc­ci, one­sto atle­ta che il pubblico di­ver­ti­to in­ci­ta­va chia­man­do­lo Mo­ni­ca; e ap­pa­ri­va del tut­to im­pos­si­bi­le che in quel fra­stuo­no sen­tis­se le pa­ro­le che la si­gno­ra bion­da mor­mo­ra­va in­sie­me con il ma­ri­to. En­tram­bi era­no al­ti e sot­ti­li: lun­ghi. Ve­sti­ti con in­con­grui pi­le da al­ta mon­ta­gna: pra­ti­ca­men­te da sci (fa­ce­va fred­di­no, pe­rò in­som­ma...). Un so­spet­to mi era ve­nu­to, nel ve­de­re Djo­ko­vic che ogni tan­to get­ta­va un’oc­chia­ta qua­si ver­go­gno­sa nel­la no­stra di­re­zio­ne, sal­vo esul­ta­re al­la fi­ne quan­do le co­se era­no rien­tra­te nel lo­ro cor­so na­tu­ra­le e il nu­me­ro uno ave­va vin­to age­vol­men­te gli al­tri due set. A un cer­to pun­to non ho re­si­sti­to ma per evi­ta­re gaf­fes l’ho pre­sa al­la lar­ga: «Sor­ry ma­dam, whe­re’re you from?», da do­ve vie­ne si­gno­ra? Lei ha sor­ri­so e ha ri­spo­sto: «Yes, he’s my son»; sì, è mio fi­glio. Ave­va uno sguar­do tal­men­te ca­ri­co di or­go­glio, che la mia do­man­da era dav­ve­ro su­per­flua.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.