L’ELE­GAN­ZA DEL TI­TA­NIO Po­chi san­no la­vo­ra­re que­sto ma­te­ria­le po­ve­ro ep­pu­re prezioso. Che non am­met­te er­ro­ri. Il risultato? Mo­ni­li sem­pre ad al­to tas­so di ri­co­no­sci­bi­li­tà

Corriere della Sera - Io Donna - - Storie Di Moda - Di Vir­gi­nia Ric­ci

Al­cu­ni ac­ces­so­ri esi­go­no at­ten­zio­ne, al­tri la of­fro­no. Se i pri­mi s’im­pon­go­no sul­lo sti­le del­la per­so­na, al­tri esi­bi­sco­no in­ve­ce la pro­pria bel­lez­za per ma­gni­fi­ca­re quel­la di chi li por­te­rà. In­dos­san­do un cer­to ti­po di gio­iel­li, que­sto con­cet­to è su­bi­to chia­ro: mo­ni­li scul­to­rei e di mae­sto­sa gran­dez­za crea­ti non per na­scon­de­re, ma per esal­ta­re ogni per­so­na­li­tà. Que­stio­ne di do­vu­ta bel­lez­za, cer­to, ma so­prat­tut­to di “flui­di­tà”. Quell’este­ti­ca ar­mo­nio­sa pri­va­ta di qual­sia­si or­pel­lo ca­ra a Car­lo Tra­glio, pre­si­den­te di Vher­nier, mar­chio di gio­iel­le­ria na­to nel 1982 e da lui ac­qui­si­to nel 2001. Im­pren­di­to­re de­ter­mi­na­to che, in ma­te­ria, ha tut­to da in­se­gna­re: «Quan­do un og­get­to è flui­do, è com­ple­to: in lui non c’è più nien­te da ag­giun­ge­re. Un’idea­le di per­fe­zio­ne che, per un oc­chio al­le­na­to, è ap­pli­ca­bi­le a ogni cam­po».

Qui so­pra, la­vo­ra­zio­ne del ti­ta­nio con fre­sa dia­man­ta­ta. In al­to, spil­la in ti­ta­nio, ma­dre­per­la, dia­man­ti e cri­stal­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.