Ci­ne­ma

Corriere della Sera - Io Donna - - Cinema - Di Pao­lo Me­re­ghet­ti

dram­ma­ti­co A sor­pre­sa, Pe­dro Al­mo­dó­var ab­ban­do­na lo sti­le ba­roc­co e fiam­meg­gian­te che lo ha re­so po­po­la­re per un rac­con­to con­trol­la­to e “mi­ni­ma­li­sta”, in cui le sue tra­di­zio­na­li eroi­ne su­bi­sco­no i col­pi del de­sti­no (spro­fon­dan­do nel do­lo­re e nel­la de­pres­sio­ne) in­ve­ce di af­fron­tar­li con l’ener­gia che co­no­scia­mo. Al cen­tro del film è Ju­lie­ta, ma­dre pri­ma fe­li­ce e poi in­fe­li­ce, quan­do una tem­pe­sta le por­ta via il ma­ri­to ma­ri­na­io e il sen­so di colpa le al­lon­ta­na la fi­glia. Tut­to que­sto è rac­con­ta­to dal re­gi­sta at­tra­ver­so con­fron­ti suc­ces­si­vi che met­to­no la protagonista di fron­te al­le scel­te di una vi­ta (fat­te o su­bì­te, sem­bra non im­por­ta­re). E che la co­strin­go­no a fa­re i con­ti con il do­lo­re, su­bì­to, ar­re­ca­to o so­lo te­sti­mo­nia­to. Si sen­te l’in­fluen­za dei rac­con­ti di Ali­ce Mun­ro cui il re­gi­sta si è li­be­ra­men­te ispi­ra­to. So­prat­tut­to si no­ta que­sto cam­bio di pas­so, ver­so un ci­ne­ma che non vuo­le più mo­stra­re la fac­cia al­le­gra e spen­sie­ra­ta di una ge­ne­ra­zio­ne sem­pre pron­ta a ri­met­ter­si in pie­di ma, piut­to­sto, ri­flet­te­re su quel­lo che il do­lo­re può por­ta­re in ter­mi­ni di espe­rien­za e di ma­tu­ra­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.