LA LEG­GE NON FA LE DON­NE AU­TO­NO­ME

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 1 - Mme­li@rcs.it

in que­ste ele­zio­ni am­mi­ni­stra­ti­ve si è vo­ta­to ap­pli­can­do una leg­ge del 2012 che pre­ve­de la co­sid­det­ta dop­pia pre­fe­ren­za di ge­ne­re, so­stan­zial­men­te per fa­vo­ri­re l’asce­sa del­le don­ne, spes­so pe­na­liz­za­te in po­li­ti­ca. In pra­ti­ca la nor­ma con­si­ste in que­sto: non si pos­so­no scri­ve­re i no­mi di due can­di­da­ti del­lo stes­so ses­so sul­la sche­da. Va­le sia per gli uo­mi­ni che per le don­ne, ma tu­te­la so­prat­tut­to que­ste ul­ti­me, vi­sto che i ma­schiet­ti in po­li­ti­ca la fan­no da pa­dro­ni. Non è la pri­ma vol­ta che ciò av­vie­ne: a Ro­ma, per esem­pio, nel 2013 si era già vo­ta­to con la nuo­va nor­ma­ti­va. Gra­zie al­la dop­pia pre­fe­ren­za di ge­ne­re so­no ap­pro­da­te nei con­si­gli co­mu­na­li mol­te don­ne. E al­tre ne ar­ri­ve­ran­no con i bal­lot­tag­gi, tra­mi­te il pre­mio di mag­gio­ran­za ri­ser­va­to a chi vie­ne elet­to sin­da­co. Ma sal­vo ra­re ec­ce­zio­ni - Ma­ria­stel­la Gel­mi­ni e Ma­ra Car­fa­gna per For­za Ita­lia, Pao­la Con­cia per il Par­ti­to de­mo­cra­ti­co e, ov­via­men­te, le espo­nen­ti del Mo­vi­men­to 5 stel­le, tra le qua­li ci so­no ben due can­di­da­te a sin­da­co di cit­tà im­por­tan­ti co­me To­ri­no e Ro­ma - per la mag­gior par­te dei ca­si le don­ne si so­no qua­si to­tal­men­te ap­pog­gia­te agli uo­mi­ni per riu­sci­re nel­la lo­ro im­pre­sa. Già, c’è chi ce l’ha fat­ta per­ché ha il ma­ri­to mi­ni­stro e chi per­ché si è mes­sa sot­to la pro­te­zio­ne dei go­ver­na­to­ri lo­ca­li o dei co­sid­det­ti si­gno­ri del­le tes­se­re, che quan­do ci so­no ele­zio­ni lo­ca­li, ri­spun­ta­no co­me i fun­ghi. Il che di­mo­stra che, ahi­mè, non ba­sta una leg­ge a fa­re dell’Ita­lia un Pae­se di don­ne au­to­no­me.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.