“SO­LO IO POS­SO SAL­VA­RE UN PER­SO­NAG­GIO DAL RI­DI­CO­LO” Di­men­ti­ca­te la Ju­liet­te Bi­no­che mi­ni­ma­li­sta. Nell’ul­ti­mo film l’at­tri­ce cam­bia re­gi­stro per in­ter­pre­ta­re un’eroi­na ro­man­ti­ca. Che ha tut­ti i vez­zi di un mon­do che lei co­no­sce, la bor­ghe­sia

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Jean-Fra­nçois Ro­bert An­ti­go­ne lia Dan­no, te in­gle­se al­lu­re Si­gno­ri­na GiuFilm Blu Pa­zien- Ma Lou­te

Ju­liet­te bi­no­che è una di quel­le at­tri­ci a cui ba­sta “sta­re lì” per sug­ge­ri­re qual­co­sa al­lo spet­ta­to­re. Se poi si stia im­pe­gnan­do dav­ve­ro o se sia so­lo me­ri­to di quel­la sua - mix di pel­le lu­mi­no­sa e sor­ri­so un po’ al­la Gio­con­da - che le per­met­te a 52 an­ni di in­ter­pre­ta­re ven­ten­ni co­me (a tea­tro) o la (in tv) re­sta un mi­ste­ro. Di si­cu­ro non è una che ri­fiu­ta le no­vi­tà. Se di lei ri­cor­da­te so­prat­tut­to gli sguar­di del i si­len­zi di o la lie­ve e la­co­ni­ca pre­sen­za nel (Oscar co­me mi­glior at­tri­ce non pro­ta­go­ni­sta), in di Bru­no Du­mont, al ci­ne­ma dal 25 ago­sto, la ve­dre­te co­me mai pri­ma: di­ver­ten­te, ec­ces­si­va, per­si­no - a trat­ti - grot­te­sca. Il film è am­bien­ta­to nel nord del­la Fran­cia all’ini­zio del No­ve­cen­to, Ma Lou­te è il so­pran­no­me di un gio­va­ne del po­sto, pe­sca­to­re co­me il re­sto del­la sua biz­zar­ra fa­mi­glia; al­tret­tan­to biz­zar­ra la ric­ca e bor­ghe­se fa­mi­glia Van Pe­te­ghem, quel­la di Bi­no­che. Tra li­ti do­me­sti­che e stra­ne spa­ri­zio­ni c’è an­che spa­zio per una man­cia­ta di sen­ti­men­ti. Era­va­mo abi­tua­ti al­le sue in­ter­pre­ta­zio­ni mi­ni­mal. Che co­sa è suc­ces­so? So­no tor­na­ta al pri­mo amo­re. Mio pa­dre era un mi­mo e usa­va mol­to le ma­sche­re. Da bam­bi­na lo imi­ta­vo. Avrei vo­lu­to es­se­re co­me lui, mi pia­ce­va far ri­de­re la gen­te. Co­sì co­pia­vo i suoi sket­ch e li ri­pe­te­vo da­van­ti agli ami­ci. Ero estro­ver­sa, e an­che il mio mo­do di re­ci­ta­re lo era. Poi a scuo­la di tea­tro ho im­pa­ra­to a la­vo­ra­re sull’in­te­rio­ri­tà, a mo­stra­re i sen­ti­men­ti “da den­tro”... Pe­rò de­vi an­che far­li usci­re, ogni tan­to. Con­ti­nue­rà su que­sta stra­da, ora che si è ri­cor­da­ta che le pia­ce? So­no sem­pre sta­ta aper­ta a ogni espe­rien­za, non fac­cio pia­ni. Cre­do

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.