Del­la ma­ter­ni­tà mi sor­pren­do­no i tem­pi lun­ghi. Ci vo­glio­no ore per es­se­re pron­ti pri­ma di usci­re di ca­sa, per la pre­ci­sio­ne un’ora e 40 mi­nu­ti, e quan­do fi­nal­men­te so­no pron­ta, mi sen­to esau­sta e mi di­co: so­no ko non si esce più

Corriere della Sera - Io Donna - - Voglia Di Leggerezza - Da­ma­ges In viag­gio con una rock­star ri­de). ri­de) Cat­ti­vi vi­ci­ni 2,

I tem­pi lun­ghi. Ci vo­glio­no ore per es­se­re pron­ti pri­ma di usci­re di ca­sa, per la pre­ci­sio­ne un’ora e 40 mi­nu­ti, e quan­do fi­nal­men­te so­no pron­ta, mi sen­to esau­sta e mi di­co: so­no ko non si esce più, non ce la fac­cio. Tut­ti i cli­ché più ba­na­li in pro­po­si­to so­no ve­ri! Co­me rea­gi­sce al­la man­can­za di son­no? Caf­fè, caf­fè e caf­fè. For­te e con­cen­tra­to. Bob­by, il suo com­pa­gno, co­me se la ca­va con pan­no­li­ni e bi­be­ron? È stu­pen­do, ha già un fi­glio di 21 an­ni, quin­di per lui è un’espe­rien­za già vis­su­ta. Per me non è co­sì sem­pli­ce. E il no­me Roc­co, co­me l’ha scel­to? Mi è sem­pre pia­ciu­to, mi sem­bra dav­ve­ro bel­lo. Par­lia­mo del suo: un tem­po quan­do lo ve­de­vo stam­pa­to su un po­ster pen­sa­vo su­bi­to a un dram­ma, a un hor­ror o a un th­ril­ler, ades­so in­ve­ce mi di­co: c’è Ro­se Byr­ne, fac­cia­mo­ci due ri­sa­te. Co­me è suc­ces­so? Tut­ta col­pa di Judd Apa­tow. Do­po

vo­le­vo fa­re qual­co­sa di più di­ver­ten­te: quel­la se­rie tv era sta­ta un’espe­rien­za fan­ta­sti­ca, ma an­che co­sì se­ria… Ho co­min­cia­to a pre­sen­tar­mi a pro­vi­ni per ruo­li più leg­ge­ri e ho avu­to for­tu­na: mi han­no of­fer­to la par­te del­la pop star in

con Rus­sell Brand. Amo i co­mi­ci e la lo­ro ca­pa­ci­tà di tro­va­re hu­mor in ogni co­sa, de­ve es­se­re la mia na­tu­ra au­stra­lia­na ( trop­po pre­sto per di­re se so­no una bra­va ma­dre, ma cre­do che de­vi sem­pre man­te­ne­re una buo­na do­se di spi­ri­to, spe­cie quan­do sei di­strut­ta, tra­vol­ta da mil­le co­se da fa­re: se non hai sen­so dell’hu­mor, co­me sug­ge­ri­sce fi­ni­sci ma­le. Le ra­gaz­ze del film san­no di­ver­tir­si ai par­ty. E lei? Da­te­mi una can­zo­ne qual­sia­si di Ste­vie Won­der, e fa­te­mi bal­la­re. Con Ste­vie tut­to va a me­ra­vi­glia. In Cat­ti­vi vi­ci­ni 2 era cir­con­da­ta da ra­gaz­ze e ra­gaz­zi gio­va­nis­si­mi. Co­me si sen­ti­va? Se­th Ro­gen e io con­ti­nua­va­mo a chie­der­ci: che ha det­to, co­sa vo­le­va di­re? Ca­pi­va­mo a ma­la­pe­na la me­tà del­le lo­ro espres­sio­ni. È un mon­do nuo­vo, una ge­ne­ra­zio­ne di­ver­sa. Se pe­rò par­lia­mo di mo­da - un ba­ro­me­tro in­fal­li­bi­le - è un’al­tra sto­ria: io so­no cre­sciu­ta ne­gli an­ni No­van­ta, av­vol­ta da top che la­scia­no l’om­be­li­co sco­per­to e tu­ni­che grun­ge, e ades­so so­no tor­na­ti in vo­ga. Le ra­gaz­ze sul set por­ta­va­no tut­te Dr. Mar­tens da uo­mo e top, tan­to che mi so­no det­ta: il cer­chio si chiu­de! Dell’Au­stra­lia le man­ca­no le ri­sa­te e i suoi ca­ri. Che al­tro? Ol­tre al sen­so dell’umo­ri­smo? Il caf­fè, ( il caf­fè au­stra­lia­no. Cos’ha di co­sì spe­cia­le? In Au­stra­lia sia­mo dei ve­ri in­ten­di­to­ri di caf­fè, ol­tre che de­gli ac­ca­ni­ti con­su­ma­to­ri. Da noi il caf­fè è una co­sa mol­to se­ria. Sul caf­fè non si scher­za. Non lo sa­pe­va?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.