“HO IM­PA­RA­TO DAL­LE ORSOLINE A ES­SE­RE AU­DA­CE” La co­mi­ca più sfron­ta­ta d’Ame­ri­ca sve­la il suo se­gre­to. E non è l’uni­ca sor­pre­sa. “Odio le mar­ce nu­zia­li, ma vor­rei es­se­re cor­teg­gia­ta co­me nel Me­dioe­vo” di­ce Au­brey Pla­za, ora suo­ra-stre­ga in una co­me­dy ba­sa­ta

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Parks and Re­crea­tion, ma­tri­mo­nio da sbal­lo di Ales­san­dra Ve­ne­zia, foto di Ni­no Muñoz on­li­ne: Troo­pers. Mi­ke & Da­ve: un Fun­ny Peo­ple).

Au­brey pla­za ti strin­ge la ma­no e ti scru­ta, ti vi­vi­se­zio­na: può ispi­rar­si a chiun­que per uno dei suoi per­so­nag­gi, sfron­ta­ti e di­si­ni­bi­ti... Ha un ani­mo sov­ver­si­vo, è ir­ri­ve­ren­te, cu­rio­sa e de­ci­sa: a 13 an­ni ha ca­pi­to che sa­reb­be di­ven­ta­ta un’at­tri­ce co­mi­ca, e co­sì è sta­to. Pa­dre por­to­ri­ca­no, ma­dre an­glo-ir­lan­de­se, è sta­ta edu­ca­ta in una scuo­la cat­to­li­ca se­ve­ra e tra­di­zio­na­le - nel col­le­gio del­le Orsoline di Wil­ming­ton, nel De­la­ware - ma og­gi si but­ta nei ruo­li più spu­do­ra­ti e non c’è bat­tu­ta che non pos­sa pro­nun­cia­re, sce­na im­ba­raz­zan­te da cui si ti­ri in­die­tro. No­ta al gran­de pub­bli­co per il ruo­lo del­la sta­gi­sta April Lud­ga­te nel­la se­rie tv vie­ne dal ci­ne­ma in­di­pen­den­te e de­ve la sua po­po­la­ri­tà so­prat­tut­to ai fan so­no me­mo­ra­bi­li le sue per­for­man­ce su You­Tu­be e nel­la se­rie in­ter­net In - com­me­dia gio­va­ni­le sco­stu­ma­ta su dro­ghe, al­cool e ses­so con An­na Ken­drick, Zac Efron e Adam DeVi­ne - im­per­so­na Ta­tia­na, una fe­sta­io­la sfre­na­ta. Il plot è un clas­si­co del ge­ne­re ( gran­di noz­ze al­le Ha­waii “vi­va­ciz­za­te” da fe­steg­gia­men­ti sel­vag­gi) e ma­te­ria­le idea­le per Au­brey, en­tu­sia­sta del lin­guag­gio-ve­ri­tà e del­lo hu­mour al­la Judd Apa­tow (che, non a ca­so, nel 2009 l’ha di­ret­ta in

Au­brey Pla­za, 32 an­ni. Lan­cia­ta dal­la se­rie tv

Le ce­ri­mo­nie nu­zia­li ispi­ra­no spes­so sto­rie biz­zar­re. Ai par­ty so­no più sca­te­na­ti i ra­gaz­zi o le ra­gaz­ze? Le ra­gaz­ze. Pe­rò de­vo­no dis­si­mu­lar­lo... L’av­ven­tu­ra di Mi­ke & Da­ve co­min­cia con un an­nun­cio su un si­to di in­con­tri. Lei li ha mai usa­ti? Mai, non ne so nien­te. Per­ché non ha mai pro­va­to? So­no vec­chia scuo­la: mi pia­ce­reb­be es­se­re cor­teg­gia­ta co­me nel Me­dioe­vo. Fra ca­va­lie­ri e co­raz­ze, sten­dar­di e ca­val­li im­piu­maz­za­ti? No, ma­ga­ri fra pra­ti di fio­rel­li­ni bian­chi... Il suo per­so­nag­gio, Ta­tia­na, è un ti­po po­co ri­tro­so: c’è qual­co­sa che lei ri­fiu­te­reb­be di fa­re sul­lo scher­mo? No, pro­prio no. E poi in un film co­me que­sto tut­to è con­ces­so: sta a te for­za­re le con­ven­zio­ni e ar­ri­va­re a es­se­re quan­to più paz­za puoi. Da Quat­tro ma­tri­mo­ni e un fu­ne­ra­le a Due sin­gle a noz­ze e Le ami­che del­la spo­sa, il te­ma nu­zia­le è la ri­cet­ta idea­le per com­me­die di suc­ces­so. Le han­no mai fat­to pen­sa­re al suo ma­tri­mo­nio idea­le?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.