CHI TRAMA CON­TRO IL PRE­MIER?

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 1 -

ci so­no po­li­ti­ci che più di al­tri si pre­sta­no a es­se­re de­scrit­ti a tinte fo­sche. Al­le vol­te non è col­pa lo­ro: è che li di­se­gna­no co­sì. E ai gior­na­li­sti pia­ce da mo­ri­re fan­ta­sti­ca­re e fa­re die­tro­lo­gie quan­do si pre­sen­ta sul­la sce­na un sog­get­to dal qua­le si pos­so­no trar­re in­fi­ni­ti spun­ti com­plot­ti­sti­ci. Un gran­de clas­si­co del­la ca­te­go­ria di cui si sta par­lan­do è il sem­pi­ter­no Mas­si­mo D’Ale­ma, al qua­le si at­tri­bui­sce il vi­zio di far ca­de­re se­gre­ta­ri di par­ti­to e lea­der del­la coa­li­zio­ne. L’ex pre­mier vie­ne ac­cu­sa­to di ogni ne­fan­dez­za an­che quan­do è in­no­cen­te co­me un bam­bi­no. Ma ades­so c’è chi sta per su­pe­rar­lo in fa­ma: Da­rio Fran­ce­schi­ni. Il mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li è di­ven­ta­to il prin­ci­pa­le in­di­zia­to del­le tra­me con­tro Mat­teo Ren­zi. Di lui han­no scrit­to che, gra­zie all’ami­ci­zia con il pre­si­den­te del­la Re­pub­bli­ca Sergio Mat­ta­rel­la, si pre­pa­ra a pren­de­re il po­sto del pre­mier di­mis­sio­na­rio nel ca­so in cui al re­fe­ren­dum do­ves­se­ro vin­ce­re i “No”. Ma si è an­che scrit­to che Fran­ce­schi­ni ha det­to a Ren­zi di non ab­ban­do­na­re palazzo Chi­gi nell’even­tua­li­tà di una scon­fit­ta re­fe­ren­da­ria, in mo­do da te­ner­lo lì in­de­bo­li­to e au­men­ta­re co­sì il suo po­te­re. Ora, sic­co­me per­si­no nel­la stram­pa­la­ta po­li­ti­ca ita­lia­na esi­ste una lo­gi­ca, o il mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li trama per far an­da­re via il pre­mier e so­sti­tuir­si a lui, o la­vo­ra per la­sciar­lo in sel­la, per quan­to ac­ciac­ca­to. In­som­ma, o è ve­ra la pri­ma ipo­te­si o è ve­ra la se­con­da. Op­pu­re, più rea­li­sti­ca­men­te, so­no fal­se en­tram­be...

mme­li@rcs.it

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.