“HO UN’IDEA PER FER­MA­RE TRUMP” Re­ci­ta in quat­tro lin­gue, ap­pe­na può va a tro­va­re le pian­te che “co­no­sce” e an­che sul mon­do che lo cir­con­da Vig­go Mor­ten­sen ha prin­ci­pi mol­to chia­ri. E il suo ul­ti­mo per­so­nag­gio gli as­so­mi­glia: an­che lui ha avu­to la ten­ta­zio

Corriere della Sera - Io Donna - - C’è Un Attore Nel Bosco - Di Ales­san­dra Ve­ne­zia, foto di Tho­mas Lai­sné de­gli anelli On the Road. Cap­tain Fan­ta­stic Il signore Big Love Si­li­con Val­ley),

Giù la ma­sche­ra: chi di noi non ha mai pre­so una cotta per Vig­go Mor­ten­sen? Sa­rà per quel­la fos­set­ta, gli zi­go­mi da eroe del fu­met­to, o gli oc­chi co­lor ac­cia­io? Sen­za tra­scu­ra­re, na­tu­ral­men­te, lo spi­ri­to zen, e l’in­te­gri­tà pro­fes­sio­na­le. È un at­to­re che da an­ni cer­ca la sua ve­ri­tà: era Ara­gorn in

e poi, con la stes­sa con­vin­zio­ne, Sig­mund Freud, o il poe­ta Wil­liam S. Bur­rou­ghs di Re­ci­ta in in­gle­se, spa­gno­lo, da­ne­se, fran­ce­se e ara­bo. Non se­gue nes­su­na mo­da e non in­se­gue nes­sun so­gno ame­ri­ca­no. Scri­ve da sem­pre poe­sie, di­pin­ge, suo­na il pia­no e - per ca­pi­re il mon­do - leg­ge i gior­na­li di quat­tro Pae­si di­ver­si. Ti at­trae an­che quan­do par­la di bo­schi e fo­re­ste, al­be­ri pian­te e se­mi, e si il­lu­mi­na: il suo af­fla­to bo­ta­ni­co al­lo­ra di­ven­ta me­ta­fo­ra e riflette una fi­lo­so­fia di vi­ta, la sua. Og­gi, col suo ul­ti­mo film, (scrit­to e di­ret­to da Matt Ross, un at­to­re che ab­bia­mo vi­sto nel­le se­rie tv e ci re­ga­la il per­so­nag­gio di Ben Ca­sh, un pro­fes­so­re di col­le­ge che de­ci­de di vi­ve­re coi sei fi­gli nel­le ter­re in­col­te del Pa­ci­fic Nor­th­we­st, un’esi­sten­za pri­mor­dia­le, im­mer­so nel­la na­tu­ra, lon­ta­no dal­la so­cie­tà cor­rot­ta e ma­la­ta. Vi­vo­no tut­ti in­sie­me in tee­pee (ti­pi­che ten­de in­dia­ne), pe­sca­no, cac­cia­no, sca­la­no roc­ce, si eser­ci­ta­no nel­le ar­ti mar­zia­li, leg­go­no, stu­dia­no, di­scu­to­no, ri­fiu­ta­no ogni for­ma di ca­pi­ta­li­smo e fe­steg­gia­no la na­sci­ta di Noam Chom­sky piut­to­sto che quel­la di Ge­sù. L’at­to­re cin­quan­ta­set­ten­ne, che vi­ve a Ma­drid con l’at­tri­ce Ariad­na Gil, ar­ri­va all’in­ter­vi­sta con un’aria se­re­na, e va­ga­men­te stra­paz­za­ta: camicia a ri­ghe az­zur­re e giac­ca di tweed gri­gio scu­ro (a Los An­ge­les at­tual­men­te ci so­no 40 gra­di) e ri­spon­de a ogni do­man­da con com­men­ti lun­ghi e ge­ne­ro­si. Si con­ce­de, in­som­ma, sen­za ri­te­gno: dif­fi­ci­le credere che sia un at­to­re, an­zi un di­vo, a Hol­ly­wood. Si iden­ti­fi­ca un po­co con que­sto suo ul­ti­mo per­so­nag­gio di na­tu­ri­sta ta­glia­to fuo­ri dal­la so­cie­tà dei con­su­mi? Cer­ti aspet­ti di Ben mi so­no fa­mi­lia­ri. Ho vis­su­to per an­ni nel nord dell’Ida­ho in una ca­sa nel bel mez­zo di una fo­re­sta. Non era un tee­pee e ave­vo elet­tri­ci­tà e te­le­fo­no,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.