È una for­tu­na che il gran­de suc­ces­so sia ar­ri­va­to quan­do i miei fi­gli era­no già gran­di­cel­li: so­no riu­sci­ta a fa­re la mam­ma con più tran­quil­li­tà e lo­ro han­no avu­to me­no pro­ble­mi

Corriere della Sera - Io Donna - - Una Di Noi - Se­ven Si­sters, Il se­gre­to di He­le­na. sfu­ma­tu­re di gri­gio: giardino de­gli in­con­tri se­gre­ti). se Cor­rie­re del­la Se­ra Il Uli­sHe­le­na Il se­gre­to di Set­te So­rel­le

tra­sfor­me­rà in un se­rial tv – di set­te sta­gio­ni – la sa­ga del­le è la se­con­da vi­ta di Lu­cin­da. Che ha debuttato nei pri­mis­si­mi an­ni No­van­ta con il co­gno­me da ra­gaz­za, Ed­monds, scri­ven­do li­bri di buon suc­ces­so sen­za mai ar­ri­va­re all’enor­me po­po­la­ri­tà di que­sti an­ni. Il se­gre­to? «Una pau­sa, chia­mia­mo­la di ri­fles­sio­ne. Un pe­rio­do in cui ho con­ti­nua­to a scri­ve­re sen­za pub­bli­ca­re. An­che ro­man­zi di ge­ne­ri di­ver­si dal­le sto­rie di don­ne che scri­vo di so­li­to: un gial­lo, un dram­ma do­me­sti­co, e una love sto­ry mol­to per­so­na­le». Quel­la sto­ria co­sì per­so­na­le, do­ve ha in­se­ri­to det­ta­gli pre­si di­ret­ta­men­te dal­la sua vi­ta, ora vie­ne pub­bli­ca­ta in Ita­lia, sem­pre da Giun­ti, con il ti­to­lo Ri­ley ha ri­scrit­to 100 pa­gi­ne, ma la strut­tu­ra del li­bro è quel­la di un de­cen­nio fa.

Quan­do non era an­co­ra na­ta la sua azien­da edi­to­ria­le a con­du­zio­ne fa­mi­lia­re - il se­con­do ma­ri­to Ste­phen, co­no­sciu­to tra­mi­te gli an­nun­ci per cuo­ri so­li­ta­ri di un quo­ti­dia­no, è il suo agen­te, la fi­glia mag­gio­re di lui la sua as­si­sten­te - Lu­cin­da con­si­de­ra­va co­mun­que i suoi li­bri co­me fi­gli: «Fran­ca­men­te non so se sia una coin­ci­den­za che ab­bia sem­pre im­pie­ga­to no­ve me­si a scri­ver­li».

Non usa la ta­stie­ra ma detta tut­to a un re­gi­stra­to­re, sen­za tor­na­re sui suoi pas­si fi­no al­la fi­ne: do­po la pri­ma ste­su­ra fat­ta co­sì di get­to, co­min­cia a cor­reg­ge­re. Ma quel­lo che im­pe­gna più tem­po è la do­cu­men­ta­zio­ne: le sue sto­rie, che si muo­vo­no con tan­ta fa­ci­li­tà dal pas­sa­to al pre­sen­te e vi­ce­ver­sa, ri­chie­do­no set­ti­ma­ne pas­sa­te in bi­blio­te­ca a do­cu­men­tar­si, viag­gian­do in In­dia e Nor­ve­gia, ri­cer­che sul com­po­si­to­re Grieg e sull’ar­chi­tet­to che co­struì il Cri­sto di Rio de Ja­nei­ro. È l’an­ti E.L. Ja­mes di Cin­quan­ta

al­le sce­ne di ses­so pre­fe­ri­sce i fla­sh­back sul­le vi­cen­de fa­mi­lia­ri dei per­so­nag­gi. Qual­che me­se fa di­ce­va al che non avreb­be mai vin­to un pre­mio im­por­tan­te ma ades­so cor­re da fa­vo­ri­ta ver­so il Ban­ca­rel­la. Ama le so­rel­le Bron­të («Ve­ni­va­no pub­bli­ca­te con pseu­do­ni­mi ma­schi­li, in­te­res­san­te, no?»), la scrit­tri­ce del­la sua vi­ta è Edi­th Whar­ton, cre­de nei vec­chi e ca­ri club del li­bro an­che per­ché è di­ven­ta­ta au­tri­ce di bestsel­ler gra­zie a un club del li­bro bri­tan­ni­co (con la bre­xit - da lei for­te­men­te av­ver­sa­ta - l’ha in­tri­sti­ta pro­fon­da­men­te « per le con­se­guen­ze e per l’aspet­to uma­no: ab­bia­mo det­to al mon­do che ab­bia­mo or­ro­re dei pro­fu­ghi. E poi, fac­cio un esem­pio: la mia as­si­sten­te, sen­za cui non riu­sci­rei a la­vo­ra­re, è te­de­sca. Ora la espel­le­re­mo? O (peg­gio an­co­ra, sot­to un cer­to aspet­to) le di­re­mo che può re­sta­re per­ché è col­ta, par­la le lin­gue, vie­ne da un Pae­se ric­co? Cac­ce­re­mo so­lo chi vie­ne da Pae­si po­ve­ri? È que­sta la Gran Bre­ta­gna che vo­glia­mo? Le co­se che non fun­zio­na­no si ag­giu­sta­no, non si sfa­scia­no».

Ha uno hu­mour dis­sa­cran­te che la por­ta a con­si­de­ra­re, lei che è ir­lan­de­se, il mi­to Joy­ce «un genio che in

ha fi­ni­to per ar­ro­to­lar­si su se stes­so al pun­to da spa­ri­re con la te­sta fic­ca­ta den­tro il suo stes­so se­de­re». Am­met­te: «È una for­tu­na che il gran­de suc­ces­so sia ar­ri­va­to quan­do i miei fi­gli era­no già gran­di­cel­li, so­no riu­sci­ta a fa­re la mam­ma con più tran­quil­li­tà e lo­ro han­no avu­to me­no pro­ble­mi». Nean­che ades­so de­le­ga a qual­cu­no del suo staff riu­nio­ni sco­la­sti­che e/o ap­pun­ta­men­ti dal den­ti­sta. De­gli an­ni pas­sa­ti a pen­sa­re che nes­su­no l’avreb­be più pub­bli­ca­ta ri­cor­da: «Non mi so­no mai fat­ta pro­ble­mi, mai avu­to com­ples­si sul ge­ne­re di sto­rie che scri­vo, sto­rie di don­ne, sto­rie d’amo­re: è più dif­fi­ci­le scri­ve­re di una don­na che fa il bucato ri­spet­to a un gran­de ro­man­zo sto­ri­co dai to­ni epi­ci, per­ché la quo­ti­dia­ni­tà - se rac­con­ta­ta in mo­do non sin­ce­ro - suo­na su­bi­to fal­sa».

Le ha fat­to effetto ri­leg­ge­re

per­ché la pro­ta­go­ni­sta, ex bal­le­ri­na clas­si­ca co­me lei, vi­ve a Lon­dra con ma­ri­to e fi­gli, ma ere­di­ta dal pa­dri­no una gran­de te­nu­ta a Ci­pro che na­scon­de se­gre­ti del suo pas­sa­to: «E il pas­sa­to non è mai dav­ve­ro pas­sa­to, lo di­ce­va Faul­k­ner e non c’è nul­la di più ve­ro». Quan­do la sa­ga del­le sue

ispi­ra­ta al mi­to del­le Pleia­di sa­rà fi­ni­ta, quan­do scri­ve­rà l’ul­ti­ma pa­ro­la del set­ti­mo ro­man­zo, «mi pren­de­rà il pa­ni­co, è un mo­men­to inim­ma­gi­na­bi­le per me og­gi per­ché quel­le so­rel­le mi par­la­no dav­ve­ro, mi rac­con­ta­no le lo­ro sto­rie, co­me fa­rò sen­za di lo­ro e co­me fa­ran­no lo­ro sen­za di me...».

(Giun­ti) è un ro­man­zo in par­te au­to­bio­gra­fi­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.