“HO UN’AT­TRA­ZIO­NE FA­TA­LE: LA FI­SI­CA” Tv, ci­ne­ma, il ri­tor­no a tea­tro e il ruo­lo di ma­dri­na al­la pros­si­ma Mo­stra di Ve­ne­zia. Per So­nia Ber­ga­ma­sco que­sto è un mo­men­to d’oro. “Ho fat­to fa­ti­ca a sco­prir­mi. Suc­ce­de ora” ci con­fi­da l’at­tri­ce neo cin­quan­ten­ne. C

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Di Ste­fa­nia Ulivi, foto di To­ni Tho­rim­bert Quo va­do?

Lo vi­vo co­me una festa, mi met­te­rò al ser­vi­zio del­la Mo­stra. Mi sem­bra un bel se­gno che l’ab­bia­no chie­sto a un’at­tri­ce tout court. Per me è an­che l’oc­ca­sio­ne per ri­pen­sa­re al mio per­cor­so». L’in­vi­to del di­ret­to­re del­la Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia Al­ber­to Bar­be­ra e del pre­si­den­te del­la Bien­na­le Pao­lo Ba­rat­ta a es­se­re la ma­dri­na del­le se­ra­te di aper­tu­ra e di chiu­su­ra del­la 73esi­ma edi­zio­ne (31 agosto – 10 set­tem­bre 2016), rac­con­ta So­nia Ber­ga­ma­sco nel­la sua ca­sa ro­ma­na, è sta­to una sor­pre­sa che la riem­pie di gio­ia. Ra­dio­sa, ri­las­sa­ta, la vo­ce mor­bi­da che fa­cil­men­te sci­vo­la in una ri­sa­ta da bim­ba. Un an­no im­por­tan­te que­sto per lei - di­plo­ma di pia­no­for­te al Con­ser­va­to­rio di Mi­la­no, na­ta co­me at­tri­ce al­la scuola di Giorgio Stre­hler - in cui si go­de il tuf­fo di po­po­la­ri­tà gra­zie a due don­ne che più di­ver­se non si po­treb­be: l’in­te­ger­ri­ma dot­to­res­sa Si­ro­ni di («Un per­so­nag­gio clas­si­co del­la com­me­dia ma sem­pre af­fi­da­to a uo­mi­ni. Aver­lo con­se­gna­to a una don­na è un bel se­gna­le. E mi ha por­ta­to pre­mi e suc­ces­so, mi pia­ce tan­to») e la sua­den­te

So­nia Ber­ga­ma­sco, 50 an­ni. L’at­tri­ce e mu­si­ci­sta è spo­sa­ta al col­le­ga Fabrizio Gi­fu­ni. Han­no due fi­glie, Va­le­ria e Ma­ria.

fi­dan­za­ta del Com­mis­sa­rio Mon­tal­ba­no («La sfi­da era riag­gior­na­re il rapporto tra Sal­vo e Li­via, una cop­pia adul­ta, un amore ve­ro che vi­ve a di­stan­za in­ti­mi­tà e ve­ri­tà»). L’im­pres­sio­ne è che le ab­bia­no re­ga­la­to mol­ta allegria, sba­glio? Mi sto go­den­do que­sto mo­men­to. Nel no­stro me­stie­re ci so­no al­ti e bas­si ed è bel­lo quando si ri­ce­vo­no of­fer­te in cui si pos­so­no mo­stra­re le car­te che hai a di­spo­si­zio­ne. Io ho fat­to fa­ti­ca a sco­prir­mi. A me stes­sa, an­cor pri­ma che agli al­tri. Sta suc­ce­den­do ora, se ci pen­so mi ac­cor­go che non ho mai bru­cia­to le tap­pe, ho sem­pre la­vo­ra­to con len­tez­za. Non sem­bra una per­so­na pi­gra. Piut­to­sto una che si im­pe­gna tan­tis­si­mo. È ve­ro, an­che la com­me­dia è un la­vo­ro du­ro. Mi di­co­no chis­sà quan­to ti sei di­ver­ti­ta con Chec­co Za­lo­ne... Cer­to, ma è sta­ta an­che una fac­cen­da mol­to se­ria. Nell’era del sel­fi­smo estre­mo, è mae­stra di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.