LA TV FA CA­DE­RE L’UL­TI­MO TA­Bù Di­men­ti­ca­te­vi Meg Ryan e la sua co­mi­ca si­mu­la­zio­ne, gli or­ga­smi sin­cro­ni e il sen­so del pu­do­re. Le se­rie ame­ri­ca­ne han­no or­mai sor­pas­sa­to il ci­ne­ma in au­da­cia e rea­li­smo. Con un grup­po di (an­ti)eroi­ne a in­di­ca­re il nuo­vo cors

Corriere della Sera - Io Donna - - Rivoluzione Via Cavo - Thump-Thump, Flea­bag spa­rent, Flic­ky-Flic­ky Flea­bag, Tra­nGirls di Pao­la Pia­cen­za Flea­bag 40 an­ni ver­gi­ne). Va­rie­ty, Lo­ve, Girls

aste­reb­be la sce­na del­la va­sca da ba­gno di se­rie tv crea­ta da Jill So­lo­way, due Gol­den glo­be e 8 no­mi­na­tion agli Em­my. Nel­la pun­ta­ta dall’evo­ca­ti­vo ti­to­lo Mau­ra, la trans in­ter­pre­ta­ta da Jef­frey Tam­bor, 66 an­ni, ma­stur­ba tra le bol­le la sua ex mo­glie, Ju­di­th Light, 71, che in un mo­men­to di gran­de com­pli­ci­tà ri­cor­da i «bei vec­chi tem­pi». E, tra i rim­pian­ti, «quel­la co­sa che fa­ce­vi con le di­ta…». Ve­nia­mo in Eu­ro­pa. che si po­treb­be tra­dur­re con “lu­ri­do”, se­rie tv ap­pe­na par­ti­ta su Bbc, si apre con una ra­gaz­za ele­gan­te so­la in un caf­fè che si in­ter­ro­ga sul dia­me­tro di uno dei suoi ori­fi­zi. La pro­ta­go­ni­sta di non ha no­me e i so­pran­no­mi dei suoi oc­ca­sio­na­li part­ner non so­no pub­bli­ca­bi­li: è un’an­ti­e­roi­na, con­su­ma­tri­ce com­pul­si­va di por­no (ma fem­mi­ni­sta, sì, le due co­se non so­no più in con­trad­di­zio­ne), che si ma­stur­ba guar­dan­do Oba­ma al te­le­gior­na­le. Trat­to da una piè­ce in­ter­pre­ta­ta sem­pre da Phoe­be Wal­ler-Brid­ge, è al cu­bo. Non a ca­so la pro­ta­go­ni­sta (di­plo­ma­ta al Ra­da, prestigiosa ac­ca­de­mia tea­tra­le) è già sta­ta ri­bat­tez­za­ta, con po­ca fan­ta­sia, la “Le­na Du­n­ham d’ol­tre­ma­ni­ca”.

du­n­ham, cui si de­ve la fe­li­ce in­tui­zio­ne di mo­stra­re per­so­ne dai cor­pi non per­fet­ti fa­re ses­so in ma­nie­ra spes­so mal­de­stra, co­me ac­ca­de nel­la vi­ta, è sta­ta per un pa­io di sta­gio­ni l’em­ble­ma del neo-neo-neo rea­li­smo ver­sio­ne sit-com. Ma la mo­ra­le si ag­gior­na ve­lo­ce e or­mai an­che lei ri­schia di es­se­re buo­na solo per gli ar­chi­vi. Del re­sto or­mai nes­sun blog­ger, per dar con­to dell’ap­pun­ta­men­to del 31 lu­glio ( gior­na­ta mon­dia­le dell’or­ga­smo nel­la sua ver­sio­ne esti­va, il 21 di­cem­bre se ne ce­le­bra la re­pli­ca), fa­reb­be ri­cor­so al­la si­mu­la­zio­ne di Meg Ryan in Har­ry ti pre­sen­to Sal­ly. An­zi, in­sie­me al­la sua pa­ro­dia è l’idea tut­ta hol­ly­woo­dia­na dell’or­ga­smo sin­cro­no, con i cor­pi de­gli aman­ti fu­si in una co­mu­ni­ca­zio­ne per­fet­ta di car­ne e spi­ri­to, che or­mai è da de­cli­nar­si al pas­sa­to. Pren­dia­mo la se­rie tra­smes­sa da Net­flix e scrit­ta tra gli al­tri da Judd Apa­tow (pro­dut­to­re di e re­gi­sta di Lei è una ra­gaz­za di se­rie A, bel­la, più in­ca­si­na­ta che cool. Lui è il nerd ne­vro­ti­co de­sti­na­to a re­di­mer­la. Si in­con­tra­no, ognu­no con le sue fe­ri­te (se­pa­ra­zio­ni, tra­di­men­ti), fi­ni­sco­no gof­fa­men­te a let­to e quando le co­se ri­schia­no di finire ma­le, lei gli pro­po­ne: «Use­re­sti il mio vi­bra­to­re?». Mau­reen Ryan, chief tv cri­tic di

sto­ri­ciz­za: «La te­le­vi­sio­ne ame­ri­ca­na ha im­pie­ga­to pa­rec­chio tem­po a sdo­ga­na­re ses­so e nu­di­tà: era­no gli in­ser­zio­ni­sti a non vo­ler­li». L’arrivo del­le tv via ca­vo ha cam­bia­to le re­go­le del gio­co, spie­ga. In­tro­du­cen­do pro­gram­mi più av­ven­tu­ro­si, ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.