LA DIE­TA DI CU­PI­DO L’amore (nuo­vo) fa tor­na­re in li­nea: po­ca fa­me, ze­ro fa­ti­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - Momento Divino - Un Racconto - Di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni

n Co­me se nien­te fos­se, ro­man­zo di Le­ti­zia Mu­ra­to­ri, c’è una ra­gaz­zi­na gras­soc­cia al­la pri­ma lezione di equitazione. Ri­lut­tan­te, os­ser­va i po­ny: «Ma pe­so trop­po. Li schiac­cio» pro­te­sta. E l’istrut­tri­ce: «Quando ti ver­rà vo­glia di man­gia­re, pen­sa ai po­ny e ve­drai che ti pas­sa la fa­me. Bi­so­gna dimagrire per qual­cu­no a cui vo­glia­mo be­ne, non si può dimagrire da so­li. Gli in­na­mo­ra­ti so­no sem­pre ma­gri». La sce­na mi è ve­nu­ta in men­te og­gi, a pran­zo. Ave­vo ap­pun­ta­men­to con un’ami­ca spo­sa­ta da an­ni, una gran­de la­vo­ra­tri­ce, una di quel­le per­so­ne co­sì con­cen­tra­te su tan­te co­se de­ci­si­ve, che l’amore - nel sen­so di pas­sio­ne - lo met­to­no da par­te spo­san­do­si: ar­chi­via­ta la que­stio­ne sen­ti­men­ta­le, si de­di­ca­no bril­lan­te­men­te ad al­tro. Men­tre la aspet­to, or­di­no un vi­no ros­so del­la Magna Gre­cia, in omag­gio al­le sue ori­gi­ni ca­la­bre­si. Quando en­tra nel ri­sto­ran­te, la ve­do ab­bron­za­ta e so­prat­tut­to di­ma­gri­ta. Con il suo at­ti­vi­smo si sa­rà mes­sa a cor­re­re all’al­ba, pri­ma di an­da­re in uf­fi­cio; lo pen­so ma non lo di­co, per­ché per espe­rien­za di­ret­ta so che se a una don­na di­ci che è di­ma­gri­ta, si cruc­cia pen­san­do che al­lo­ra pri­ma era gras­sa.

La scheda di Ge­la­sio Gae­ta­ni d’Ara­go­na

Do­po un po’, no­to che non ha an­co­ra man­gia­to nul­la e sta solo mo­vi­men­tan­do il ci­bo nel piat­to: lo spar­pa­glia, lo am­mon­tic­chia, lo smi­nuz­za e poi lo si­ste­ma tra i ghi­ri­go­ri di­se­gna­ti sul bor­do di ce­ra­mi­ca, co­me in un gio­co geo­me­tri­co. «Non ti pia­ce?» le chie­do. «No, no, mi pia­ce mol­tis­si­mo, so­no in­na­mo­ra­ta » ri­spon­de. E im­me­dia­ta­men­te pre­ci­pi­tia­mo nei det­ta­gli di una sto­ria che sa­reb­be scon­ta­ta se ca­pi­tas­se a un ma­schio, mol­to me­no a una don­na: lui più gio­va­ne di vent’an­ni, ore e ore pas­sa­te a scam­biar­si mes­sag­gi, il ri­schio e la vo­glia di es­se­re sco­per­ta dal ma­ri­to, il sen­tir­si in balìa di qual­co­sa di in­con­trol­la­bi­le do­po aver cre­du­to di sa­per­lo con­trol­la­re, la ri­sco­per­ta (an­zi, lei di­ce la sco­per­ta) del ses­so. Co­me cor­re­do, una ra­di­ca­le as­sen­za d’ap­pe­ti­to. «Al­me­no be­vi il vi­no» le sug­ge­ri­sco «da in­na­mo­ra­ti fa par­ti­co­lar­men­te be­ne, aiu­ta a sdram­ma­tiz­za­re». Lei pro­te­sta: «Ma io vo­glio dram­ma­tiz­za­re, vo­glio non ave­re fa­me, ap­pro­fit­to di que­sto amore as­sur­do per tor­na­re in li­nea sen­za sfor­zo». Al­tro che cu­ra di­ma­gran­te! L’uni­co pro­di­gio, che nes­sun die­to­lo­go è riu­sci­to a bre­vet­ta­re, è una bel­la cu­ra in­na­mo­ran­te.

(l’in­ten­di­to­re)

È sta­ta una ra­gaz­za di no­me Eleo­no­ra, straor­di­na­ria fem­mi­na ca­la­bre­se, che mi ha fat­to sco­pri­re i vi­ni del­la Lo­cri­de, fa­scia di ter­ra che dal Mar Io­nio si in­si­nua si­no al­le mon­ta­gne dell’Aspro­mon­te. In quell’an­go­lo me­ra­vi­glio­so, an­ti­co e in­con­ta­mi­na­to, ho sog­gior­na­to dal Ba­ro­ne Ma­crì. La me­mo­ria an­ce­stra­le del luo­go rie­mer­ge por­tan­do al­le lab­bra un ros­so ca­pa­ce di ri­pro­por­re aro­mi di un ter­ri­to­rio ric­co di ge­nui­ni­tà, di fre­schez­za, di ma­re, di tant’al­tro. Il vi­no: Ter­re di Ge­ra­ce Ros­so, 2012. Il co­lo­re è un ros­so in­ten­so qua­si vio­la­ceo, al gu­sto è caldo av­vol­gen­te con sen­to­ri di frut­to ma­tu­ro, e una cer­ta po­ten­za tan­ni­ca che vor­reb­be san­ci­re la sua ma­sco­li­ni­tà e si scom­po­ne len­ta­men­te, rie­mer­gen­do cir­con­da­ta dal­la dolcezza di Ca­la­bria, la Magna Gre­cia do­ve tut­to si era già com­piu­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.