TENIAMOCI STRET­TI...

Corriere della Sera - Io Donna - - Il Pane Le Rose - Amo ma pos­so spie­gar­ti, D’amore si muo­re ma io no ndr). Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi Piut­to­sto che mo­ri­re m’am­maz­zo Ti Io don­na,

Mai co­me adesso ab­bia­mo bi­so­gno di ro­man­ti­ci­smo. Ri­schio di es­se­re in­fan­ti­le e re­to­ri­ca, ma in­si­sto… Mai co­me nei mo­men­ti di dif­fi­col­tà e tri­stez­za col­let­ti­va sen­to il bi­so­gno di par­la­re d’amore o, me­glio, di leg­ge­re qual­cu­no che rac­con­ti que­sto sen­ti­men­to. La poe­sia può di­ven­ta­re una me­di­ci­na ina­spet­ta­ta. «So che la poe­sia è indispensabile, ma non so be­ne a co­sa…» di­ce­va Jean Coc­teau. An­ch’io non sa­prei spie­gar­vi esat­ta­men­te co­me agi­sca­no i ver­si dei poe­ti, di si­cu­ro quie­ta­no l’ani­mo co­me ina­spet­ta­ti fio­ri di Ba­ch. Sa­rà un ef­fet­to pla­ce­bo, ugual­men­te che co­sa vi co­sta pro­va­re? I ri­me­di so­no tan­ti, al­cu­ni tra­di­zio­na­li e sem­pre va­li­di, co­me le rac­col­te di Al­da Me­ri­ni o quel­le di Pa­tri­zia Ca­val­li, per ci­ta­re due poe­tes­se che mi han­no sem­pre ri­si­ste­ma­ta in un ba­le­no. Adesso sto pro­van­do qual­co­sa di nuo­vo, di me­no spe­ri­men­ta­to e, vi­sto che fun­zio­na, ve lo vo­glio pro­por­re. Qual­cu­no lo tro­ve­rà trop­po ir­ri­ve­ren­te e iro­ni­co: è co­me un com­ples­so mul­ti­vi­ta­mi­co che uni­sce va­ri pre­pa­ra­ti e l’iro­nia, in giu­ste do­si, può es­se­re un al­tro bal­sa­mo po­ten­te.

Il poe­ta si chia­ma Gui­do Ca­ta­la­no, for­se mol­ti di voi lo co­no­sce­ran­no per­ché per­cor­re in lun­go e in lar­go l’Ita­lia con i suoi rea­ding, ar­ri­va a far­ne 150 all’an­no. Ati­pi­co per la pro­fes­sio­ne di poe­ta ave­re suc­ces­so di pub­bli­co e per­si­no di ven­di­te, so­no at­ti­tu­di­ni che po­treb­be­ro in­so­spet­tir­ci sul­la qua­li­tà del­la sua ispi­ra­zio­ne. In­ve­ce, vi as­si­cu­ro che la sua pen­na è ri­ma­sta one­sta co­me agli esor­di. Ha già scrit­to sei li­bri di poe­sie per la ca­sa edi­tri­ce Mi­rag­gi, fra cui e

vo­le­va fa­re la rock­star da gio­va­ne, poi ha ri­pie­ga­to sul la­vo­ro di «poe­ta pro­fes­sio­ni­sta vi­ven­te, che c’era­no più po­sti li­be­ri». Ora ha an­che scrit­to un ro­man­zo per Riz­zo­li, (e, per un gu­sto­so in­ter­ven­to per S. Va­len­ti­no, For­se si sta al­lar­gan­do, vi con­si­glio di leg­ger­lo pre­sto, nel ca­so si de­te­rio­ras­se, an­che se non cre­do cor­ra que­sto pe­ri­co­lo per­ché, co­me di­chia­ra lui stes­so: «Per es­se­re un poe­ta son trop­po di buon umo­re». Non vi di­rò al­tro di Gui­do Ca­ta­la­no: la poe­sia va let­ta, a spie­gar­la si fa un pa­stic­cio, i ver­si ri­schia­no di im­paz­zi­re co­me la ma­io­ne­se. Per­ciò ve ne la­scio uno stral­cio per ve­de­re che ef­fet­to vi fa que­sta pri­ma do­se. Fa­te­mi sapere. (...) teniamoci stret­ti che c’è ven­to for­te/an­co­rià­mo­ci/l’una all’al­tro/l’al­tro all’una/ fin­ché non cal­ma/e se non cal­ma/per­ché po­treb­be non cal­ma­re – ba­da – po­treb­be/ se ci mol­lia­mo/sa­re­mo sca­ra­ven­ta­ti via lon­ta­no/sa­rà poi dif­fi­ci­le tro­var­ci/for­se im­pos­si­bi­le/di­men­ti­che­re­mo le no­stre vo­ci/le no­stre fac­ce/di­men­ti­che­re­mo ciò che ci piaceva dir­ci e far­ci/dun­que/teniamoci stret­ti/che c’è ven­to for­te/bel­lez­za mia/ti ten­go stret­ta/mia uni­ca bel­lez­za/che tu mi tie­ni/ed io sia ma­le­det­to/sia ma­le­det­to io, non dio/se mol­lo que­sta pre­sa di sal­vez­za. fio­re con­si­glia­to: Cri­num ama­bi­le, bul­bo­sa pe­ren­ne, fio­ri a for­ma di stel­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.