LA GUER­RA AL TA­BAC­CO DI JUDITH E AYU

L’Ita­lia è il pri­mo pro­dut­to­re in Eu­ro­pa e da noi il nu­me­ro di ta­ba­gi­sti non ac­cen­na a ca­la­re: nel 2015 era­no 11,5 mi­lio­ni, cir­ca il 22 per cen­to del­la po­po­la­zio­ne

Corriere della Sera - Io Donna - - Dietro La Cortina Di Fumo - Di Ema­nue­la Zuc­ca­lö, fo­to di Roc­co Ro­ran­del­li

Una dot­to­res­sa in­gle­se e una tre­di­cen­ne di Gia­va han­no una so­la - ma po­ten­tis­si­ma - co­sa in co­mu­ne: fan­no tre­ma­re le mul­ti­na­zio­na­li. La pri­ma è un’esper­ta di sa­lu­te pub­bli­ca e cu­ra una pub­bli­ca­zio­ne on­li­ne, la se­con­da è una schia­va del la­vo­ro mi­no­ri­le che ora dà il vol­to al­la cam­pa­gna di de­nun­cia “Il rac­col­to è nel mio san­gue”. In­sie­me, te­sti­mo­nia­no che chi fu­ma non nuo­ce sol­tan­to a se stes­so: fe­ri­sce il pia­ne­ta

Cos’avran­no mai in co­mu­ne una tre­di­cen­ne di Gia­va schia­va del la­vo­ro mi­no­ri­le, con lo sto­ma­co ro­vi­na­to dai ve­le­ni che ina­la, e una dot­to­res­sa in­gle­se di 73 an­ni che vi­ve a Hong Kong ed è ap­pas­sio­na­ta di tai-chi? Ayu e Judith non si co­no­sco­no, pro­ba­bil­men­te non s’in­con­tre­ran­no mai, ep­pu­re com­bat­to­no lo stes­so ne­mi­co che con­si­de­ra en­tram­be pe­ri­co­lo­sis­si­me e, se po­tes­se, le met­te­reb­be a ta­ce­re per sem­pre: l’in­du­stria del ta­bac­co. Sei co­los­si più al­tri 40 mar­chi spar­si per il mon­do, nu­tri­ti da un mi­liar­do di con­su­ma­to­ri (di cui l’80 per cen­to in Pae­si a bas­so e me­dio red­di­to) e in­cu­ran­ti del­la cri­si eco­no­mi­ca glo­ba­le dall’al­to dei lo­ro ri­ca­vi da 315 mi­liar­di di dol­la­ri l’an­no, in co­stan­te cre­sci­ta. Che fa­sti­dio pos­so­no da­re, a un si­mi­le im­pe­ro, le vo­ci di Ayu e Judith? Mol­tis­si­mo. Per­ché te­sti­mo­nia­no che ac­cen­der­si una si­ga­ret­ta non è so­lo una scel­ta in­di­vi­dua­le: che ci piac­cia o no, fu­ma­re è un at­to di por­ta­ta glo­ba­le, che fe­ri­sce l’in­te­ro pia­ne­ta. La pri­ma, Ayu, è tra i vol­ti del nuo­vo re­port di Hu­man Rights Wat­ch Il rac­col­to è nel mio san­gue, che de­nun­cia lo sfrut­ta­men­to dei bam­bi­ni nel­le pian­ta­gio­ni di ta­bac­co in In­do­ne­sia. Me­tà di lo­ro

ac­cu­sa­no nau­sea, mal di te­sta, ver­ti­gi­ni: i sin­to­mi del­la ma­lat­tia del ta­bac­co ver­de, un av­ve­le­na­men­to da ni­co­ti­na as­sor­bi­ta at­tra­ver­so la pel­le, che può cau­sa­re ri­tar­di nel­lo svi­lup­po. Lo stu­dio ha mes­so in im­ba­raz­zo le 13 com­pa­gnie coin­vol­te, che han­no ri­bat­tu­to in mo­do va­go la­scian­do in­ten­de­re di igno­ra­re que­sta stra­ge di mi­no­ri.

La se­con­da sa­bo­ta­tri­ce di Big To­bac­co, Judith Mac­kay, è un’esper­ta di sa­lu­te pub­bli­ca che da­gli an­ni ’80 gui­da i go­ver­ni asia­ti­ci nel­le stra­te­gie anti-fu­mo. Men­tre Ti­me l’ha an­no­ve­ra­ta fra le 100 per­so­ne più in­fluen­ti del pia­ne­ta, «le mul­ti­na­zio­na­li mi han­no pa­ra­go­na­ta a Hi­tler» ci rac­con­ta lei ri­den­do. «So­no sta­ta mi­nac­cia­ta, in­da­ga­ta dall’Fbi, mes­sa sot­to scor­ta. Ne va­do fie­ra: lo scri­vo tra le ono­ri­fi­cen­ze nel mio cur­ri­cu­lum. L’in­du­stria del ta­bac­co pen­sa­va di ave­re cam­po li­be­ro nei Pae­si asia­ti­ci do­ve si fu­ma mol­tis­si­mo, a fron­te del ca­lo in Eu­ro­pa e ne­gli Usa. In­ve­ce an­che in Asia ar­ri­va­no leg­gi e tas­sa­zio­ni».

Da cin­que an­ni Judith Mac­kay cu­ra una pub­bli­ca­zio­ne on­li­ne del­la World Lung Foun­da­tion: s’in­ti­to­la To­bac­co At

las ( to­bac­coa­tlas.org) ed è una bib­bia per go­ver­ni e or­ga­niz­za­zio­ni im­pe­gna­te in

con­trol­li più ri­gi­di e cam­pa­gne di con­sa­pe­vo­lez­za. Dal­le sue pa­gi­ne sco­pria­mo che il fu­mo non nuo­ce so­lo ai pol­mo­ni: il ta­bac­co è una mo­no­col­tu­ra che ri­chie­de pa­rec­chi pe­sti­ci­di, dan­neg­gian­do i 4,3 mi­lio­ni di et­ta­ri de­di­ca­ti al­la sua col­ti­va­zio­ne in 124 Sta­ti. Il ta­bac­co sot­trae ter­ra a mais e sor­go, con­dan­nan­do i Pae­si più po­ve­ri a una spi­ra­le di mi­se­ria. I moz­zi­co­ni ac­ce­si so­no tra le mag­gio­ri cau­se d’in­cen­di. E il ta­bac­co in­gras­sa le ma­fie: il con­trab­ban­do di si­ga­ret­te è au­men­ta­to del 40 per cen­to ne­gli ul­ti­mi an­ni.

Ora Judith sta scri­ven­do la pre­fa­zio­ne del li­bro Die­tro la cor­ti­na di fu­mo del fo­to­gra­fo Roc­co Ro­ran­del­li, da cui so­no trat­te le im­ma­gi­ni di que­ste pa­gi­ne. Sei an­ni di re­por­ta­ge in no­ve Pae­si per mo­stra­re il la­to oscu­ro di un bu­si­ness fio­ren­tis­si­mo, con 161 lob­bi­sti al Par­la­men­to Eu­ro­peo e ten­ta­co­li in ogni go­ver­no. Se­guen­do le trac­ce del To­bac­co Atlas, Ro­ran­del­li rac­con­ta la Ci­na al top di con­su­mo e pro­du­zio­ne: qui i ta­ba­gi­sti so­no 350 mi­lio­ni, e so­lo il 27 per cen­to è con­scio dei ri­schi. Tra i sei mi­lio­ni di de­ces­si an­nui cau­sa­ti dal fu­mo in tut­to il mon­do, un mi­lio­ne av­vie­ne in Ci­na. C’è poi l’In­dia del­le

bee­di, le si­ga­ret­te fat­te a ma­no che re­sti­tui­sco­no so­lo un quar­to dei gua­da­gni ai

pic­co­li col­ti­va­to­ri. E il la­vo­ro ne­ro nel­le pian­ta­gio­ni nel Su­do­ve­st del­la Bul­ga­ria e per­si­no in Nor­th Carolina. La pubblicità sfre­na­ta in In­do­ne­sia, do­ve spot tv ed enor­mi car­tel­li in­vi­ta­no a fu­ma­re, e in­fat­ti ol­tre un ter­zo dei bam­bi­ni, qui, ini­zia pri­ma dei die­ci an­ni. E l’Ita­lia (pri­mo pro­dut­to­re di ta­bac­co in Eu­ro­pa) del con­trab­ban­do e de­gli ab­nor­mi co­sti sa­ni­ta­ri. Da noi non ac­cen­na in­fat­ti a ca­la­re il nu­me­ro di fu­ma­to­ri: 11,5 mi­lio­ni nel 2015, cir­ca il 22 per cen­to del­la po­po­la­zio­ne, con­tro i 10,9 mi­lio­ni del 2014, se­con­do l’Isti­tu­to Su­pe­rio­re di Sa­ni­tà.

« nes­su­no sta­to al mon­do sta fa­cen­do tut­to il ne­ces­sa­rio per dis­sua­de­re le per­so­ne dal fu­ma­re» os­ser­va Judith Mac­kay. «La mi­su­ra più ef­fi­ca­ce, so­prat­tut­to per i gio­va­ni, è un’ele­va­ta tas­sa­zio­ne sul­le si­ga­ret­te. Ma non ap­pe­na pas­sa una leg­ge o una tas­sa, l’in­du­stria del ta­bac­co tro­va il mo­do di ag­gi­rar­la e con­ti­nua­re a fa­re pro­fit­ti. Oggi, pe­rò, la lot­ta al fu­mo è di­ven­ta­ta main­stream, c’è con­sa­pe­vo­lez­za: quan­do io ini­ziai in un pic­co­lo uf­fi­cio, un quar­to di se­co­lo fa, sem­bra­va una missione sen­za fu­tu­ro». In­tan­to un grup­po di esper­ti, lo scor­so an­no a un sum­mit dell’Or­ga­niz­za­zio­ne mon­dia­le del­la Sa­ni­tà, ha san­ci­to che en­tro il 2040 sa­rà pos­si­bi­le ri­dur­re i fu­ma­to­ri dal ven­ti al cin­que per cen­to del­la po­po­la­zio­ne pla­ne­ta­ria. A pat­to, pe­rò, che i go­ver­ni osi­no di più con­tro Big To­bac­co. Ma­ga­ri ispi­ran­do­si ad Ayu e Judith.

In al­to, un la­vo­ra­to­re mes­si­ca­no pre­pa­ra un ca­ri­co ne­gli Sta­ti Uni­ti. Qui so­pra, va­lu­ta­zio­ne e ac­qui­sto di ta­bac­co a Pe­riya­pat­na, in In­dia. Nel­la pa­gi­na a de­stra, il quar­tier ge­ne­ra­le di una mul­ti­na­zio­na­le a Kun­ming, in Ci­na.

Nel­la pa­gi­na a si­ni­stra, un ra­gaz­zi­no nel­le pian­ta­gio­ni di Rib­no­vo, in Bul­ga­ria. Qui so­pra, una pubblicità di si­ga­ret­te a Gia­car­ta, in In­do­ne­sia, e don­ne al la­vo­ro pres­so le ta­bac­che­rie Del­ta­fi­na a Fran­co­li­se (Ca­ser­ta).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.