DEGUSTANDO LA VE­RI­Tà

In bea­ta so­li­tu­di­ne con un li­bro e un bic­chie­re

Corriere della Sera - Io Donna - - Momento Divino - Un Racconto - Di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni

Leggere è un’at­ti­vi­tà mol­to più so­li­ta­ria che guar­da­re film. For­se è per que­sto che sem­pre me­no per­so­ne com­pra­no li­bri, per­ché la so­li­tu­di­ne è mal­vi­sta, se ne par­la co­me se fos­se un fe­no­me­no ne­ga­ti­vo, un po’ co­me se par­lan­do di cani ci si ri­fe­ris­se so­lo a quel­li che mor­do­no i bam­bi­ni. Al ci­ne­ma si va per­lo­più in cop­pia, le se­rie te­le­vi­si­ve si guar­da­no in grup­po op­pu­re ognu­no per con­to pro­prio ma in con­tem­po­ra­nea con al­tri, co­sì il gior­no do­po si com­men­ta, ti­po par­ti­ta di cal­cio; men­tre è qua­si im­pos­si­bi­le che una cop­pia o un grup­po di ami­ci leg­ga lo stes­so li­bro in con­tem­po­ra­nea e al­la stes­sa ve­lo­ci­tà. An­che il rit­mo di let­tu­ra, in­fat­ti, è squi­si­ta­men­te in­di­vi­dua­le: c’è chi pun­ta al­la tra­ma e se ne fa ri­suc­chia­re co­me se fos­se in una corsa, chi si sof­fer­ma sul­lo sti­le e sui det­ta­gli cen­tel­li­nan­do le pa­gi­ne, chi usa la sto­ria per tro­va­re se stes­so e fi­ni­sce per pen­sa­re ai fat­ti pro­pri sen­za ar­ri­va­re al­la fi­ne. Per­fi­no de­gu­sta­re un vi­no può ave­re un aspet­to pia­ce­vol­men­te so­li­ta­rio, e lo si ap­prez­za di più quan­do non si è di­strat­ti da al­tri com­men­sa­li e non si ca­de nel ti­pi­co mec­ca­ni­smo sba­da­to del ver­sa-be­vi-- ver­sa. Vi­ni e li­bri so­no pia­ce­ri as­so­cia­bi­li ben­ché non si pos­sa­no pa­ra­go­na­re: un gran­de li­bro la­scia un’im­pres­sio­ne pro­fon­da che può du­ra­re de­cen­ni, e que­sto è dif­fi­ci­le che ca­pi­ti con una bot­ti­glia; pe­rò as­sa­po­ra­re le no­te di un vi­no, go­den­do­ne da so­li co­me se fos­se un rac­con­to, sti­mo­la a concentrarsi e a con­ce­pi­re ca­te­ne di pen­sie­ri e associazioni: è co­me far fa­re una pas­seg­gia­ta al­la pro­pria men­te. Lo scrit­to­re di po­li­zie­schi Don Wi­slow, uno di que­gli au­to­ri da cui non ti aspet­te­re­sti al­cu­na for­ma di astra­zio­ne ma so­lo ef­fe­ra­tez­ze e col­pi di sce­na, mi ha stu­pi­to per la sot­ti­gliez­za di que­sta ri­fles­sio­ne: «Il gior­na­li­smo rac­con­ta i fat­ti, ma con la nar­ra­ti­va, con la let­te­ra­tu­ra, si può rac­con­ta­re la ve­ri­tà. La ve­ri­tà emo­ti­va che spin­ge a cer­ti com­por­ta­men­ti». Ha ra­gio­ne Wi­slow: quan­do leg­go una no­ti­zia, sen­to la man­can­za del­le sto­rie in­di­vi­dua­li per cui si è giun­ti a quei fat­ti, co­me se il gior­na­le rac­con­tas­se la for­ma ma non il con­te­nu­to. Cu­rio­sa­men­te, an­che il vi­no, che fa­vo­ri­sce l’in­tro­spe­zio­ne e l’analisi, spin­ge al­la ve­ri­tà emo­ti­va, ac­cen­de una lu­ce che por­ta a il­lu­mi­na­re aspet­ti ine­splo­ra­ti del­le sto­rie che ci ri­guar­da­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.