L’AMO­RE SE­CON­DO VE­RA

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 1 - Lo­gia dell’amo­re Psi­co­sul­le don­ne, Sag­gio acaz­zul­lo@rcs.it

‚non potete cre­de­re la ver­go­gna e il di­sprez­zo che con­ce­pi­sco per me stes­sa, per tut­te le don­ne che strin­go­no fra le lo­ro brac­cia un uo­mo sen­za sen­ti­re ciò che io sen­to per Char­les; è un pro­sti­tuir­si il men­ti­re i sen­ti­men­ti del­la na­tu­ra ». Char­les è Car­lo Pi­sa­ca­ne, uno di quei per­so­nag­gi che un tem­po si stu­dia­va­no a scuo­la “eran tre­cen­to, eran gio­va­ni e for­ti” e ora so­no del tut­to igno­ra­ti, an­che se “pron­to al­la mor­te” per l’Ita­lia lo era dav­ve­ro, e a Sa­pri lo di­mo­strò. Ma a scri­ve­re que­ste pa­ro­le è la sua com­pa­gna, En­ri­chet­ta Di Lo­ren­zo, che la­scia ma­ri­to e fi­gli per vi­ve­re ac­can­to all’uo­mo che ama. È una del­le sto­rie che Ve­ra Sle­poj rac­con­ta nel­la sua

(Mon­da­do­ri). È un li­bro mol­to in­te­res­san­te, che par­te da un as­sun­to che ci ri­guar­da tut­ti: l’amo­re è espe­rien­za dif­fu­sa; ep­pu­re “quan­do si è in­na­mo­ra­ti si pen­sa di es­se­re le so­le per­so­ne al mon­do a es­se­re toc­ca­ti dal­le sue ali ce­le­stia­li”. L’idea che l’amo­re pos­sa es­se­re li­be­ro è re­cen­te nel­la sto­ria uma­na, an­che se non co­sì re­cen­te co­me po­trem­mo cre­de­re. La Sle­poj, psi­co­lo­ga e psi­co­te­ra­peu­ta, ana­liz­za il sen­ti­men­to e la pas­sio­ne nel­le va­rie epo­che sto­ri­che; è con il ro­man­ti­ci­smo che la don­na ri­pren­de in pu­gno la pro­pria vi­ta. Lo pro­va, ol­tre al­la sto­ria di En­ri­chet­ta, la bel­lis­si­ma li­ri­ca di Eli­za­be­th Bar­rett, poe­tes­sa vit­to­ria­na, che nel 1822 scri­ve il

ri­ma­sto ine­di­to du­ran­te la sua vi­ta: “E se mi de­vi ama­re, per null’al­tro sia che per amo­re dell’amo­re”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.