M’am­maz­za

Corriere della Sera - Io Donna - - Vivere Meglio -

Ov­ve­ro co­me il pu­po ti stra­vol­ge la vi­ta

SEN­SO DI COL­PA? NO, GRA­ZIE So­no se­du­ta nel re­fet­to­rio del­la scuo­la ele­men­ta­re Ruf­fi­ni di Mi­la­no, ho cir­ca ot­to an­ni e non nu­tro un gran­de in­te­res­se per il ci­bo. La mae­stra San­ti­ni, al­la vi­sta del piat­to an­co­ra pie­no, mi ri­pren­de, ri­cor­dan­do­mi le mi­glia­ia di bam­bi­ni che, ogni gior­no, muo­io­no di fa­me in Afri­ca. Spe­ra co­sì di far le­va sul mio sen­so di col­pa. Quel che la mae­stra San­ti­ni igno­ra è che io non so an­co­ra che co­sa sia il sen­so di col­pa. Di fat­to, mi ri­sul­ta in­com­pren­si­bi­le il nes­so tra me, a scuo­la a Mi­la­no, e i bam­bi­ni af­fa­ma­ti in un mon­do co­sì lon­ta­no.... «Che co­sa fa­ran­no?» mi chie­de­vo. «Man­de­ran­no a lo­ro i miei avan­zi? In che mo­do il mio pran­zo può aiu­tar­li?». Cre­sciu­ta, e di­ven­ta­ta ma­dre, mi so­no ri­pro­mes­sa di non com­met­te­re mai l’er­ro­re del­la mae­stra San­ti­ni: non avrei cer­ca­to di far ca­pi­re a una bam­bi­na di ot­to an­ni il con­cet­to di col­pa e di re­den­zio­ne. E in­ve­ce... «Vio­la non ti com­pro più nien­te!» mi sen­to ur­la­re. «Per­di o rom­pi tut­to quel­lo che ti com­pro con una fa­ci­li­tà di­sar­man­te. Se sa­pes­si quan­ti bam­bi­ni non han­no le pos­si­bi­li­tà che hai tu e si ac­con­ten­ta­no di gio­ca­re con ciò che tro­va­no per stra­da». Ec­co­lo il sen­so di col­pa... Ed ec­co­mi di nuo­vo imperfetta, di nuo­vo fal­la­ce di fron­te a una pro­mes­sa che non ho sa­pu­to man­te­ne­re con me stes­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.