LAU­RA LINNEY

(se con me c’è Cyn­thia Ni­xon...)

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Paola Pia­cen­za

In Le pic­co­le vol­pi, ogni se­ra si scam­bia la par­te con la col­le­ga (la Mi­ran­da di Sex and the Ci­ty). Una sfi­da che fi­no a og­gi era riu­sci­ta so­lo agli uo­mi­ni. Se il pal­co­sce­ni­co è il suo gran­de amo­re (“po­trei far dor­mi­re mio fi­glio in ca­me­ri­no”), al ci­ne­ma in­ter­pre­ta DON­NE DI­SPO­STE A TUT­TO. Co­me la ma­dre schiac­cia­ta da un di­lem­ma eti­co di “The Din­ner”, l’ul­ti­mo film gi­ra­to con un vec­chio ami­co, un cer­to Ri­chard (Ge­re)

Re­gi­naHub­bard, ge­li­da­ma­triar­ca, ne­lDn ah al’ avi­di­tà e l’ ipo­cri­sia di una schiat­ta­di ric­chi pro­prie­ta­ri ter­rie­ri dell’Ala­ba­ma. Ma c’è an­che Bir­die, sua co­gna­ta: ran­co­ro­sa, al­co­liz­za­ta, spo­sa­ta so­lo in vir­tù del­la co­pio­sa do­te, la pian­ta­gio­ne, i cam­pi di co­to­ne. Lau­ra Linney, in­sce­naa Broad­way con Le­pic­co­le­vol­pi, èen­tram­be. E, co­me­lei, Cyn­thiaNi­xon, in uno scam­bio di ruo­li che ri­cor­da quel­li, leg­gen­da­ri, di John Giel­gud e Lau­ren­ce Oli­vier, a tur­no Ro­meo e Mer­cu­tio in Ro­meo e Giu­liet­ta, op iù­di­rec en­te Be­ne­dic­tCum ber bat­ch eJon­ny LeeMil­ler, crea­to­re ecrea­tu­ran el Fran­kens te in­di Dan­ny Boy le. La piè ce­di Lil­li anHell man-in­que­sti gior­ni in­pre­view se­con­do il co­stu­me del tea­tro an­glo­sas­so­ne, in una sor­ta diw or k-in-pro­gres­sp re­clu­so ai cri­ti­ci, e poi, dal 19 apri­le, al Sa­mue­lJ.Fri ed ma­nT­hea tre, de­mo­cra­ti­ca­men­te aper­ta a tut­ti-è una tra­ge­dia tut­ta fem­mi­ni­le, il re­vi­val di un clas­si­co con cui si so­no mi­su­ra­te­le più gran­di (Bet­teDa­vis nel film diWil­lia­mWy­ler su tut­te), ma «di gran­de at­tua­li­tà perl’ Ame­ri­ca diog­gi»pr omet­te Linney, due Gol de­nG lo be e quat­tro Em­myall’ at­ti­vo.

Scam­biar­si i ruo­li ogni se­ra non è una paz­zia?

Cer­to che lo è. Ed è sta­ta una mia idea. So­no an­da­ta da Da­niel Sul­li­van che ave­va già di­ret­to sia­me sia Cyn­thia e gli ho­ga­ran­ti­to­che avrei ama­to en­tram­be le par­ti. Fi­no­ra poi er asta­to fat­to so­lo da­uom in i,Phi­lip Sey­mour Hof­f­man e John C. Reil­ly in True We­st (di Sa­mS­he­pard, ndr) era­no fa­vo­lo­si. È una gran­de sfi­da, e non so­lo per noi, per tut­toil ca­st, pe­rò­va­le­va la pe­na di pro­var­ci. So­lo un te­sto con un’ar­chi­tet­tu­ra spe­cia­le si pre­sta: la­scian­do a ognu­na spa­zio per la pro­pria let­tu­ra del per­so­nag­gio.

Il tea­tro è il suo pri­mo amo­re...

Vi­zio di fa­mi­glia. Il tea­tro è sem­pre sta­ta ca­sa pe­rme. Lì mi sen­to a mio agio, ado­ro i suoi ri­tua­li. Nonc’è nien­te che­mi ren­da più­fe­li­ce di ve­de­re il na­stro ade­si­vo che se­gna le po­si­zio­ni de­gli at­to­ri sul pa­vi­men­to.

Quan­do è sta­ta la pri­ma vol­ta che ha­mes­so pie­de in un tea­tro?

Ero­mol­to­gio­va­ne, mio­pa­dree­raun dram­ma­tur­go. Ho co­min­cia­to a la­vo­ra­re da pic­co­la nel­le rap­pre­sen­ta­zio­ni per bam­bi­ni.

Fa­rà lo stes­so con suo fi­glio?

Cer­to, non su­bi­to, ma al mo­men­to giu­sto lo fa­rò. An­co­ra non so co­me sa­rà­mio fi­glio, se­mi as­so­mi­glie­rà, se avrà le mie pas­sio­ni, io gli mo­stre- ròil tea­tro, sa­rà in­te­res­san­te ve­de­re se an­che lui ne re­ste­rà se­dot­to.

EB­road­wayè gen­ti­le co­nu­na­ma­dre che ha un fi­glio di tre an­ni?

Lo sco­pri­rò pre­sto. Lo ter­rò a dor­mi­re in uno dei cas­set­ti del ca­me­ri­no ( ri­de).

Suo fi­glio è na­to po­co pri­ma che­le i com­pis­se 50 an­ni. Più fa­ci­le o più dif­fi­ci­le a que­sta età?

Non pos­so fa­re con­fron­ti, so sol oche non ho pro­ble­mi a sve­gliar mi­la not­te, a oc­cu­par­mi­di­lui. An­zi, in­real­tà­tro­vo tut­to piut­to­sto fa­vo­lo­so. Se mol­te sue col­le­ghe la­men­ta­no di ve­ni­re­mes­se da par­te do­po i 50, o an­che pri­ma, lei la­vo­ra sul pal­co­sce­ni­co, in tv (la se­rie Ozark, si ve­drà inau­tun­no), e al ci­ne­ma sta per usci­re The Din­ner, quar­tet­to in­tor­no alt avo lo­di un lus­suo­so ri­sto­ran­te in­cu ilei, co­gna­ta del po­li­ti­co Ri­chard Ge­re, de­vef arei con­tic on un’ azio­ne atroce com­mes­sa dal pro­prio fi­glio ado­le­scen­te e con la pu­ni­zio­ne pre­vi­sta dal­la so­cie­tà.

Co­no­sce nes­su­na co­me­lei?

Ne­co­no­sco, vi­vo inA­me­ri­ca. Ea­mo al­cu­ne di que­ste per­so­ne! Tal­vol­ta ama­re gen­te la cui vi­sio­ne po­li­ti­ca ed eti­ca è dia­me­tral­men­te op­po­sta al­la tua è una ve­ra sfi­da.

Gli in­tel­let­tua­li ame­ri­ca­ni or­mai sen­to­no la re­spon­sa­bi­li­tà di par­la­re­di po­li­ti­ca ogni vol­ta che ne han­nol’ oc­ca­sio­ne. An­che lei?

Re­spon­sa­bi­li­tà non è la pa­ro­la giu­sta, ma la real­tà che stia­mo vi­ven­do sot­to la pre­si­den­za Trump è trau­ma­ti­ca per tut­ti. A me­no che… tu­non ab­bia vo­ta­to­per lui. Al­lo­ra è una fe­sta ( ri­de).

Si è chie­sta fi­no a che punto si spin­ge­reb­be per pro­teg­ge­re suo fi­glio?

So che amo que­sta crea­tu­ra in un mo­do di­ver­so da co­me amo e ho ama­to chiun­que al­tro. Se fos­se mi­nac­cia­to non so co­me mi com­por­te­rei. M aspe ro­che non la­sce­rei pre­va­le­re l’ istin­to, che sa­rei ca­pa­ce di an­co­rar­mi al­mio co­di­ce­mo­ra­le.

Si fi­de­reb­be del si­ste­ma se suo fi­glio fos­se de­sti­na­to al ri­for­ma­to­rio?

La que­stio­ne è: che per­so­na di­ven­te­rà se gli ver­rà per­mes­so di non pa­ga­re per­ciò che ha fat­to? L’ espia­zio­ne è un pas­sag­gio ne­ces­sa­rio per tor­na­re al­la vi­ta. E cre­do che que­sta sia una buo­na le­zio­ne per l’Ame­ri­ca. Ci so­no na­zio­ni che han­no fat­to i con­ti­co­ni­pro­pri pec­ca­ti. La Ger­ma­nia, il Su­da­fri­ca... Ma la con­sa­pe­vo­lez­za pren­de tem­po ed ener­gia. Noi ab­bia­mo an­co­ra mol­ta stra­da da fa­re.

È al ter­zo film co­nRi­char dG ere: è cam­bia­to nel cor­so del tem­po?

Il pri­mo film con lui ri­sa­le a vent’ an­ni fa, Scheg­ge di paura, ero ap­pe­na usci­ta dal­la scuo­la e non sa­pe­vo quel­lo che fa­ce­vo, il ci­ne­ma mis pa­ven­ta­va… È sta­to fa­vo­lo­so incontrare una per­so­na co­me lui.Ric hard è _ un uo­mo che sa la­vo­ra­re se­ria­men­te e con grazia al­lo stes­so tem­po.

Lau­ra Linney, di spalle, con Ste­ve Coo­gan, Ri­chard Ge­re e Re­bec­ca Hall in The Din­ner.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.