IN­TER­VI­STA A NICOLA MACCANICO

di Chia­ra Maf­fio­let­ti

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - Chia­ra Maf­fio­let­ti cmaf­fio­let­ti@ cor­rie­re.it

Ni co­la M ac­ca ni­co è uno dei ma­na­ger più in­fluen­ti del no­stro ci­ne­ma. Un la­vo­ro che ama e che non ha scel­to a ca­so. «Vo­le­vo ca­pi­re qua­le era la mia di­men­sio­ne. So­lo mia. La po­li­ti­ca è una pas­sio­ne che ho da sem­pre, ma se aves­si fat­to dall’ ini­zio la car­rie­ra di mio pa­dre non avrei mai saputo co­sa ar­ri­va­va per­le mie ca­pa­ci­tà e co­sa­per­ché so­no­fi­glio­suo». Co­sa si­gni­fi­ca ave­re un pa­dre co­me An­to­nio Maccanico, più­vol­te­mi­ni­stro, se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le del­laP­re­si­den­za del­la Re­pub­bli­ca per Per­ti­ni... Mio pa­dre era il mio eroe, ma quan­do ero pic­co­lo la mia in­fan­zia­mi sem­bra­va nor­ma­lis­si­ma. Cre­scen­do ho ca­pi­to... Co­sa? Beh, quan­do ave­vo cin­que an­ni sia­mo an­da­ti a vi­ve­re al Qui­ri­na­le. Il pri­mo gior­no nel­la ca­sa del se­gre­ta­rio ge­ne­ra­le ho pian­to: era mol­to più gran­de di quel­la di pri­ma, mi fa­ce­va­pau­ra. Gio­ca­va co­ni co­raz­zie­ri? Ero di­ven­ta­to una spe­cie di­ma­scot­te lì. Per­ti­ni mi por­ta­va al­lo sta­dio, ave­va una gran­de sen­si­bi­li­tà per i bam­bi­ni. Mi era già chia­ro che at­tra­ver­so mio pa­dre ave­vo ac­ces­so a per­so­ne di gran­de au­to­re­vo­lez­za: Per­ti­ni, Spa­do- li­ni, Ciam­pi... Lì ho imparato ad ascol­ta­re. Non ha ri­schia­to di da­re mol­te co­se per scon­ta­to? Mi han­no aiu­ta­to i miei ge­ni­to­ri: pe­ri die­ci an­ni mi han­no ri­pe­tu­to che nien­te di quel­lo che ve­de­vo era mio. Ave­va­no un pro­fon­do ri­spet­to per­la co­sa pub­bli­ca e per­le isti­tu­zio­ni e cre­do sia quel­lo che mi ha cam­bia­to­la vi­ta: ca­pi­re il va­lo­re del­la fun­zio­ne. E che svol­ge­re un ruo­lo im­por­tan­te non ti au­to­riz­za a pen­sa­re di es­se­re tu quel­lo im­por­tan­te. Bel­lo e no­bi­le. Ma per­ché le ha cam­bia­to la vi­ta? Ho un van­tag­gio: non sof­fro di sog­ge­zio­ne. Co­nil­mio la­vo­ro in­con­tro an­che og­gi per­so­ne no­te, in­fluen­ti: ne ho ri­spet­to, ma mai sog­ge­zio­ne. Crea so­lo di­stan­za. È im­pe­gna­to an­che nel­lo svi­lup­po del no­stro pa­tri­mo­nio cul­tu­ra­le... Aven­do co­no­sciu­to il mon­do sia pub­bli­co sia pri­va­to, il mio obiet­ti­vo è fa­re sì che col­la­bo­ri­no me­glio, an­che quan­do si par­la di cul­tu­ra. Tro­van­do un ca­na­le co mu­ne­si po­treb­be fa­re mol­to in tan­ti am­bi­ti ... Scu­si, ma que­sto non è fa­re po­li­ti­ca? ( Ri­de). Sì, for­se... Ma an­co­ra più _ che po­li­ti­ca, se­con­do­me è buon sen­so.

PUB­BLI­CO E PRI­VA­TO: CO­ME FAR Sì CHE COL­LA­BO­RI­NO IN MA­NIE­RA COSTRUTTIVA? PARLIAMONE SUI O DON­NA. I T/ AUT H OR/ CHIA­RA M AFFI O LETTI. LA RU­BRI­CA TOR­NA IL 6 MAG­GIO.

Nicola Maccanico, 45 an­ni, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to Vi­sion Di­stri­bu­tion e vi­ce­pre­si­den­te As­so­cia­zio­ne Ci­vi­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.