UN CAL­CIO AI PREGIUDIZI

di Mi­che­le Fa­ri­na

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Mi­che­le Fa­ri­na

Al­cu­ne im­ma­gi­ni scat­ta­te nel­la scuo­la Yu­wa: l’idea è sta­ta di un in­se­gnan­te ame­ri­ca­no, Franz Ga­stler, a cui un grup­po di sco­la­re ha chie­sto di di­ven­ta­re il lo­ro coa­ch.

Non pas­sa­no mol­ti stra­nie­ri da Ran­chi. Lo Sta­to è quel­lo di Jhar­khand, ol­tre mil­le km dal­la ca­pi­ta­le New De­lhi, lon­ta­no dai cir­cui­ti tu­ri­sti­ci, dal­le in­du­strie hi­gh-te­ch che so­no il fio­re all’oc­chiel­lo dell’ In­dia mo­der­na. Ran­chi non è un bel po­sto nean­che per chi vi na­sce, so­prat­tut­to per chi na­sce fem­mi­na. Sei sco­la­re su die­ci la­scia­no la scuo­la pri­ma del tem­po, so­prat­tut­to per pro­dur­re mat­to­ni e per te­ne­re al­to il tas­so del­le spo­se bam­bi­ne. In un po­sto co­sì nel 2009 c’era un ame­ri­ca­no, Franz Ga­stler, in­se­gnan­te d’in­gle­se. Non è chia­ro qua­le sia sta­ta­la mic­cia: for­se il fat­to che una pal­la­di strac­cio mez­za sgon­fia è un gio­co che tut­ti si pos­so­no per­met­te­re dall’Afri­ca all’Asia, dal­le An­de all’In­dia. Non sap­pia­mo be­ne per- ché, ma un­gi or­no del 2009 un grup­pet­to di bam­bi­ne sue alun­ne chie­de a Franz se può in­se­gnar lo­ro a gio­ca­re a cal­cio. Co­min­cia­no, per l’appunto, per gio­co. All’ini­zio l’idea è quel­la di coin­vol­ge­re­ma­schi e fem­mi­ne. Ma i pri­mi so­no sco­stan­ti, men­tre le se­con­de non per­do­no un al­le­na­men­to. Co­sì Fran­zGa­stl ere i suoi ami­ci de­ci­do­no di pun­ta­re sul­le fem­mi­ne. Da­che­mon­doè­mon­do, lon­ta­no da­gli sta­di scin­til­lan­ti, il cal­cio è an­che una for­ma di ri­scat­to per ime­no for­tu­na­ti. Echi so­no ime­no for­tu­na­ti nel­la pol­ve­re di Ran­chi? Ave­te pen­sa­to giu­sto: le bam­bi­ne che per con­trat­to fi­ni­sco­no nel­lo squa­dro­ne del­le ba­by spo­se. Co­sì a po­co a po­co, cal­cio­do­po­cal­cio, èna­taYu­wa, una scuo­la spor­ti­va (il no­me in lin­gua Hin­di vuol di­re Gio­ven­tù) che sem­bra­mi­li­ta­re nel cam­pio­na­to del­le fa­vo­le. Qualcosa di im­pos­si­bi­le, te­nen­do con­to del­la clas­si­ca geo­gra­fia del foot­ball. Un ame­ri­ca­no che in­se­gna­la lin­gua di Sha­ke­spea­re di­ven­ta

Il pro­get­to Yu­wa è na­to nel 2009 nel­loJ­har­khand: og­gi se­gue a tem­po pie­no 80 stu­den­tes­se e al­le­na ol­tre 300 gio­va­ni­si­me

pio­nie­re del pal­lo­ne in uno dei Pae­si men op al­lo na­ri del mon­do, do­ve nean­che gli in­ven­to­ri in­gle­si so­no riu­sci­ti a far at­tec­chi­re la pas­sio­ne del drib­bling? Elo­fa­per di più al­le­nan­do bam­bi­ne? A pen­sar­ci be­ne, pe­rò, non è poi co­sì stra­no. ARan­chi il cal­cio è di­ven­ta­to­lo sport del­le ul­ti­me. Che di­ven­ta­no pri­me. Quel­la squa­dra di bam­bi­ne che ti­ra­va­no i ri­go­ri in­cia­bat­te o a piedi nu­di è di­ven­ta­ta una ve­ra, pic­co­la Ac­ca­de­mia, che dal 2015 non è più sol­tan­to spor­ti­va.

Ros eT hom­son,l adi ret­tri­ce, has pie­ga­to al­la­re t et vEs­pnl’ evo­lu­zio­ne del so­gno chia­ma­toYu­wa. Le scuo­le del­la zo­na so­no mol­to ca­ren­ti. In­se­gnan­ti che van­no e ven­go­no, abu­si, po­chi fon­di, di­sin­te­res­se del­le au­to­ri­tà. Ma l’ edu­ca­zio­ne, di­ce Rose, è la chia­ve pe­rim pe­di­re che­le bam­bi­ne ven­ga­no da­te in spo­sa trop­po pre­sto, sen­za il lo­ro con­sen­so, per sfor­na­re fi­glie mat­to­ni dal­le for­na­ci. La scin­til­la dell’ edu­ca­zio­ne è lo sport, in que­sto ca­so il cal­cio. Og­gi Yu­wa è una scuo­la a tut­ti gli ef­fet­ti con 80 stu­den­tes­se, men­tre 300 so­no le ra­gaz­ze­ch ese­guo­no( pe­ro­ra) sol­tan­to gli al­le­na­men­ti. Fan­no tor­nei (an­che all’este­ro). Una del­le te­sti­mo­nian­ze rac­col­te da Rose: «Quan­do ave­vo 9 an­ni ho co­min­cia­to a gio­ca­re a pal­lo­ne a Yu­wa. Ho imparato più co­se in cam­po che in clas­se. So­no di­ven­ta­ta più for­te con gli abi­tan­ti del vil­lag­gio, che non ve­do­no di buon oc­chio me e le mie ami­che per­ché met­tia­mo i cal­zon­ci­ni. Il cal­cio mi ha da­to for­za e non­mi sen­to so­la. Sia­mo in tan­te, sia­mo una squa­dra». So­no in tan­te a fa­re fa­ti­ca. La lo­ro gior­na­ta non è co­me quel­la dei no­stri fi­gli. Sve­glia all’al­ba e al­le­na­men­ti. Poi in clas­se. Poi a ca­sa, a la­vo­ra­re con i ge­ni­to­ri. An­co­ra al­le­na­men­ti. E in­fi­ne i com­pi­ti. D’ac­cor­do, un tour de for­ce che fa­rà ar­ric­cia­re il na­so a più di un edu­ca­to­re. Ma bi­so­gna te­ner con­to del con­te­sto: la pol­ve­re ros­sa di Ran­chi, Sta­to di Jhar­khand. Do­ve i pic­co­li si al­za­no co­mun­que all’al­ba per­mas­sa­crar­si co­mun­que di la­vo­ro. E al­lo­ra­me­glio il pal­lo­ne che il mat­to­ne o il ma­tri­mo­nio for­za­to. Una ra­gaz­za rac­con­ta in for­ma ano­ni­ma le sue tran­quil­le gior­na­te­di­pau­ra: tor­na­rea­ca­sa, ve­de­re il pa­dre che pic­chia la­ma­dre con i bam­boo pri­ma di de­di­car­si al­la fi­glia, pri­ma di por­ta­re il ri­so e le pa­ta­te col­ti­va­te­nel cam­po­di fa­mi­glia al negozio di al­co­li­ci do­ve ès oli­to­ri­for­nir­si pa­gan­do in ali­men­ti.

Ev­vi­vaYu­wa. Dal cam­po di cal­cio ai li­bri in clas­se. Cer­to nien­te è gra­tis. Fre­quen­ta­re la scuo­la co­ste­reb­be 4mi­la ru­pie (60 eu­ro ), una ci­fra astro­no­mi­ca per la mag­gior par­te del­le fa­mi­glie. Gra­zie a una fon­da­zio­ne che vi ve­di do­na­zio­ni di aziende in­dia­ne, la ta­rif­fa è sce­sa a 200 ru­pie( cir­ca 3 eu­ro ). Per usu­frui­re di que­sta age­vo­la­zio­ne, le alun­ne­de­vo­no fre­quen­ta­re il90% del­leo­re. “Goals for girls” c’è scrit­to su una felpa a fio­ri di una stu­den­tes­sa. Nel­la scuo­la di Yu­wa i goals (gli obiet­ti­vi) co­min­cia­no co­ni gol. La scuo­la ades­so è aper­ta an­che ai­ma­schi. Ma so­lo se cia­scu­no di lo­ro “por­ta” an­che quat­tro ra­gaz­ze. È bel­lo scor­re­re le fo­to di que­sto re­por­ta­ge: il no­me del­la scuo­la scrit­to­sul­mu­ro, i li­bri, il­pull­man­gial­lo… Ma le im­ma­gi­ni più emo­zio­nan­ti so­no quel­le sul cam­po pol­ve­ro­so. Gam­be di bam­bi­ne cher in­cor­ro­no un pal­lo­ne av­vol­te cia­scu­na a mo­do suo: vec­chie tu­te, cal­zet­to­ni spa­ia­ti, una gon­na, scar­pi­ni da cal­cio co­ni tac­chet­ti con­su­ma­ti, piedi nu­di, cia­bat­te in­fra­di­to. Lan azio­na­le au­stra­lia­na di cric­ket è pas­sa­ta daYu­wa il me­se scor­so. Il gio­ca tor eS te­phe­nO’ Kee­fe ha det­to :« Qui ca­pi­sci quan­to sia­mo for­tu­na­ti noi in Au­stra­lia ». Ha ra­gio­ne, ma­la le­zio­ne più bel­la diYu­waè un’ al­tra: quan­to so­no for­ti que­ste ra­gaz­ze. So­no an­che uno spot e un av­ver­ti­men­to me­ra­vi­glio­so per quel­lo che noi ve­dia­mo co­me­lo sport dei ric­chi, “più­me­ra­vi­glio­so” di una ser­pen­ti­na di LeoMes­si.

Sve­glia all’al­ba, ore in cam­po. Poi in clas­se e in ne B lBWo­rB­re I tac­chet­ti? Una ra­ri­tà. C’è chi ar­ri­va a piedi nu­di, chi in cia­bat­te: l’im­por­tan­te è non mol­la­re

fo­to di Se­re­na De Sanc­tis

Gra­zie al­le do­na­zio­ni di aziende in­dia­ne, il cor­so costa 200 ru­pie (cir­ca 3 eu­ro). E ades­so la scuo­la è aper­ta an­che ai ma­schi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.