bé­ré­ni­ce bejo

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ste­fa­no Mon­te­fio­ri

è na­ta in ar­gen­ti­na, poi è fug­gi­ta con i ge­ni­to­ri dal­la dit­ta­tu­ra mi­li­ta­re sce­glien­do Pa­ri­gi. BÉ­RÉ­NI­CE BEJO è di­ven­ta­ta fa­mo­sa con The Ar­ti­st, pro­dot­to da har­vey Wein­stein. “Ma con me è sta­to cor­ret­to. Per un mo­ti­vo pre­ci­so...”. ora, do­po ruo­li com­pli­ca­ti, tor­na con una commedia di­ver­ten­te e av­ven­tu­ro­sa, do­ve bal­la in sti­le bol­ly­wood

d opo tan­ti ruo­li drammatici ave­vo vo­glia di di­ver­tir­mi di nuo­vo con una fia­ba» di­ce bé­ré­ni­ce bejo. la Pep­py Mil­ler di The Ar­ti­st nel suo nuo­vo film di­ven­ta nel­ly, una star del ci­ne­ma che co­min­cia ad an­no­iar­si: ha in­ter­pre­ta­to tut­ti i ruo­li, con­qui­sta­to ogni suc­ces­so. si sal­va dall’apa­tia gra­zie a aja, gio­va­ne truf­fa­to­re da quat­tro sol­di che ha la­scia­to Mum­bai per Pa­ri­gi sul­le trac­ce del pa­dre mai co­no­sciu­to. aja in­con­tra l’amo­re del­la sua vi­ta in un gran­de ma­gaz­zi­no ikea, di­ven­ta suo mal­gra­do com­pa­gno di pe­ri­pe­zie con i mi­gran­ti so­ma­li di­ret­ti in in­ghil­ter­ra, at­tra­ver­sa il Me­di­ter­ra­neo a bor­do di una mon­gol­fie- ra, e di­ven­ta gran­de ami­co di nel­ly. L’in­cre­di­bi­le viag­gio del fa­chi­ro (al ci­ne­ma dal 27 giu­gno), trat­to dal be­st-sel­ler di Ro­main Puér­to­las (ei­nau­di), è un’av­ven­tu­ra dall’in­dia all’eu­ro­pa e all’afri­ca che gio­ca vo­lu­ta­men­te con le pau­re e la vo­glia di uma­ni­tà «ma sen­za ca­de­re nel­la de­ma­go­gia» di­ce bejo. qua­ran­ta­due an­ni, in cop­pia con il re­gi­sta Mi­chel ha­za­na­vi­cius e ma­dre di lu­cien (9 an­ni) e glo­ria (6), co­pro­ta­go­ni­sta ac­can­to a Jean du­jar­din di

The Ar­ti­st (pre­mio oscar nel 2011) e del pri­mo film del­la straor­di­na­ria sa­ga di

OSS 117 (2006), bé­ré­ni­ce bejo ama cam­bia­re spes­so ruo­li e re­gi­stri.

Do­po The Ar­ti­st ha gi­ra­to The Sear­ch, sul­la guer­ra in Ce­ce­nia; ades­so è pro­ta­go­ni­sta di un film tra Bol­ly­wood e la commedia de­gli an­ni d’oro del ci­ne­ma.

Co­me le è ca­pi­ta­to?

Mi pia­ce mol­to il re­gi­sta ca­na­de­se Ken Scott, ci sia­mo co­no­sciu­ti in­con­tran­do­ci nei fe­sti­val. È il re­gi­sta di Star­buck - 533 fi­gli e... non sa­per­lo! e lo sce­neg­gia­to­re di un al­tro film straor­di­na­rio, La gran­de se­du­zio­ne. Ha un senso del­lo hu­mour che fa per me, ri­de di tut­to sen­za es­se­re cat­ti­vo. L’in­cre­di­bi­le viag­gio del fa­chi­ro è una fia­ba per tut­ti, dai bam­bi­ni ai non­ni, che par­la di te­mi co­me la po­ver­tà e la pau­ra de­gli al­tri sen­za es­se­re pe­san­te o di­da­sca­li­co. È un film in­tel­li­gen­te, po­si­ti­vo. Una spe- cie di via di mez­zo tra Ju­les Verne e Al­fred Hit­ch­cock, un gi­ro del mon­do con mol­ta su­spen­se.

Ci so­no mol­ti ste­reo­ti­pi, per esem­pio l’im­ma­gi­ne di Ro­ma è da car­to­li­na.

Cer­to, è un gio­co vo­lu­to, ab­bia­mo gi­ra­to una sce­na mol­to di­ver­ten­te al­la Fon­ta­na di Tre­vi con la clas­si­ca mo­ne­ti­na, poi un’al­tra a Pa­ri­gi al­la tor­re Eif­fel. L’im­por­tan­te è sa­pe­re che co­sa si sta fa­cen­do, c’è una in­ge­nui­tà ri­ven­di­ca­ta e con­sa­pe­vo­le. È bel­lo sa­per so­gna­re.

Un’al­tra sce­na no­te­vo­le è il bal­lo in sti­le Bol­ly­wood tra lei e l’al­tra star del film, l’in­dia­no Dha­nu­sh.

Ado­ro bal­la­re al­le fe­ste ma far­lo nei film ri­chie­de al­le­na­men­to. Co­me in The Ar­ti­st

ho stu­dia­to il tip tap, qui mi so­no pre­pa­ra­ta per tre set­ti­ma­ne men­tre Dha­nu­sh ha im­pa­ra­to tut­to in due ore. La dan­za da film di Bol­ly­wood è mol­to ca­ri­ca, bi­so­gna ac­cen­tua­re le mos­se e le espres­sio­ni dan­do l’im­pres­sio­ne di es­se­re na­tu­ra­li.

Lei è na­ta in Ar­gen­ti­na, co­me mai è ve­nu­ta in Fran­cia?

I miei ge­ni­to­ri so­no scap­pa­ti dal­la dit­ta­tu­ra mi­li­ta­re e han­no scel­to Pa­ri­gi. Ave­vo tre an­ni. Il pa­dre di mia so­rel­la mag­gio­re in­ve­ce è an­da­to in Ita­lia. Va­do spes­so a tro­var­la e an­che per que­sto co­no­sco be­ne il vo­stro Pae­se. So­prat­tut­to Ro­ma e la To­sca­na per le va­can­ze.

Per­ché ha scel­to di fa­re l’at­tri­ce?

Ave­vo 17 an­ni, è sta­ta una vo­ca­zio­ne. Non so be­ne per­ché, ma lo sen­ti­vo.

“Ado­ro bal­la­re al­le fe­ste, ma nei film ri­chie­de al­le­na­men­to. Spe­cie la dan­za sti­le Bol­ly­wood”

At­trat­ta dal­la ce­le­bri­tà?

No, per nien­te, poi quan­do ero ra­gaz­zi­na non c’era que­sta ma­nia di og­gi dei sel­fie, di In­sta­gram, di far­si vi­deo da met­te­re su Youtu­be. No, non era pro­ta­go­ni­smo, e del re­sto i miei com­pa­gni pen­sa­va­no che fossi paz­za. Ma so­no sem­pre sta­ta af­fa­sci­na­ta dal ci­ne­ma, dai gran­di film di Hol­ly­wood de­gli an­ni Cin­quan­ta e dai clas­si­ci del ci­ne­ma ita­lia­no, Di­no Ri­si, Pie­tro Ger­mi, Et­to­re Sco­la. Che tri­stez­za aver­li per­si.

Il ci­ne­ma di og­gi le pia­ce me­no?

No, pe­rò no­to che ci so­no più film e me­no va­rie­tà. Non va­do qua­si mai al ci­ne­ma, guar­do i film a ca­sa e an­che per que­sto sa­rei per rom­pe­re ogni bar­rie­ra e di­stri­bui­re tut­to su­bi­to: lo stes­so film nel­le sa­le, e sul­le piat­ta­for­me a pa­ga­men­to on­li­ne. Co­mun­que, di­ce­vo, il ci­ne­ma di og­gi mi sem­bra me­no va­rio di un tem­po. Tan­ti per­so­nag­gi che se­guo­no lo stes­so per­cor­so, tut­to mol­to for­mat­ta­to, tut­to che si as­so­mi­glia. Ec­co, di­rei che L’in­cre­di­bi­le viag­gio del fa­chi­ro è mol­to ori­gi­na­le, esce dal muc­chio. Ho vo­lu­to re­ci­ta­re in que­sto film non per l’ego, ma per­ché so­no con­ten­ta quan­do le per­so­ne ri­do­no.

Chi le pia­ce og­gi del ci­ne­ma ita­lia­no?

Pao­lo Sor­ren­ti­no è tut­ta un’al­tra co­sa ri­spet­to ai mae­stri del pas­sa­to, o si ama o si de­te­sta, e io ap­par­ten­go al pri­mo grup­po. Usa in­qua­dra­tu­re straor­di­na­rie, un pun­to di vi­sta uni­co. An­che The Young Po­pe mi è

pia­ciu­to per que­sto mo­ti­vo.

Con il suo com­pa­gno Ha­za­na­vi­cius lei ha gi­ra­to il suc­ces­so mon­dia­le The Ar­ti­st ma an­che un film sul­la Ce­ce­nia che non è an­da­to co­sì be­ne.

Un pec­ca­to, per­ché si ve­de co­mun­que il suo toc­co, l’evo­lu­zio­ne dram­ma­ti­ca dei per­so­nag­gi, la strut­tu­ra è la stes­sa. Nes­su­no si aspet­ta­va da lui e da me un film co­sì dram­ma­ti­co do­po The Ar­ti­st, maa­lui, e a an­che a me, pia­ce cam­bia­re. Pen­so che quel film ver­rà ri­sco­per­to.

Vi sie­te co­no­sciu­ti sul set di OSS117, ve­ro?

Sì, un film mol­to di­ver­ten­te che in Fran­cia è di cul­to as­so­lu­to, tut­ti co­no­sco­no le bat­tu­te a me­mo­ria. Le av­ven­tu­re di un agen­te se­gre­to fran­ce­se, in­ter­pre­ta­to an­co­ra da Jean Du­jar­din.

Il pro­dut­to­re di The Ar­ti­st è Har­vey Wein­stein. Che opi­nio­ne ha di lui?

Non co­no­sce­vo la sua fa­ma per­ché quel­lo era il mio pri­mo film ame­ri­ca­no e non fre­quen­to quell’am­bien­te. Con me è sta­to cor­ret­to; va an­che det­to che sa­reb­be sta­to par­ti­co­lar­men­te idio­ta te­ne­re un com­por­ta­men­to ina­de­gua­to, da­to che ave­vo ap­pe­na par­to­ri­to il pri­mo fi­glio, e con il mio com­pa­gno re­gi­sta del film. Apar­te que­sto, Wein­stein è ac­cu­sa­to di vio­len­za ses­sua­le: è una co­sa se­ria, è giu­sto che ci pen­si la giu­sti­zia.

E del mo­vi­men­to Me­too che co­sa pen­sa?

Io da sem­pre mi bat­to per l’ugua­glian­za dei sa­la­ri, e per l’ugua­le trat­ta­men­to del­le at­tri­ci nei ti­to­li di te­sta. La pa­ri­tà nel la­vo­ro do­vreb­be es­se­re ga­ran­ti­ta in tut­ti gli am­bien­ti, la di­scri­mi­na­zio­ne è in­sop­por­ta­bi­le, an­che quan­to ai con­ge­di di ma­ter­ni­tà o pa­ter­ni­tà. È la bat­ta­glia di noi don­ne. Ma gli uo­mi­ni de­vo­no aiu­tar­ci di più».

“Non va­do qua­si mai al ci­ne­ma: an­che per que­sto fa­rei usci­re i film in sa­la e, nel­la stes­sa da­ta, sul­le piat­ta­for­me on­li­ne”

Un ri­trat­to di Bé­ré­ni­ce Bejo e, sot­to, due sce­ne da L’in­cre­di­bi­le viag­gio del fa­chi­ro: a de­stra l’at­tri­ce è con il co-pro­ta­go­ni­sta del film, l’at­to­re in­dia­no Dha­nu­sh, 34 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.