lu­cin­da childs

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ma­ria Lau­ra Gio­va­gni­ni

Ha ini­zia­to ne­gli an­ni ’60 col­la­bo­ran­do con i gi­gan­ti dell’avan­guar­dia new­yor­che­se, per­cor­ren­do te­star­da­men­te le stra­de ar­ti­sti­che più dif­fi­ci­li. E ora che ar­ri­va in ita­lia per uno spet­ta­co­lo a Spo­le­to, la co­reo­gra­fa lu­cin­da childs ri­ve­la a “Io don­na” che sa­rà l’ul­ti­mo del­la sua com­pa­gnia

Lu­cin­da: “co­lei che por­ta la lu­ce”. No­men omen? Ma­ga­ri sa­rà po­co scien­ti­fi­co, di cer­to il de­sti­no non sta­rà pro­prio nel no­me, pe­rò Lu­cin­da Childs ha il­lu­mi­na­to la dan­za con­tem­po­ra­nea co­me po­chis­si­me al­tre: ie­ri Tri­sha Bro­wn, Pi­na Bau­sch, og­gi An­ne Te­re­sa De Keer­smae­ker.

«In real­tà si chia­ma­va co­sì mia non­na» spie­ga la co­reo­gra­fa ame­ri­ca­na, sem­pre ele­gan­te­men­te fe­de­le al bas­so pro­fi­lo e a quel “mi­ni­ma­li­smo” che è di­ven­ta­to la sua ci­fra ar­ti­sti­ca. «Be’, a pen­sar­ci lei per me è sta­ta un fa­ro: mi ha fat­to ap­pas­sio­na­re a pit­tu­ra e scul­tu­ra, ho vi­si­ta­to l’eu­ro­pa per la pri­ma vol­ta con la sua gui­da».

Da al­lo­ra ha smes­so di con­ta­re le tra­sfer­te nel vec­chio Con­ti­nen­te que­sta bel­lis­si­ma don­na di 78 an­ni che il New­york Ti­mes de­fi­nì “un in­cro­cio tra Ca­the­ri­ne De­neu­ve e Ka­tha­ri­ne He­p­burn” (e che An­dy Wa­rhol nel

1964 vol­le fil­ma­re - per con­tra­sto - im­mo­bi­le). L’ul­ti­ma vol­ta in Ita­lia è sta­ta l’an­no scor­so, quan­do al­la Bien­na­le di Ve­ne­zia ha ri­ti­ra­to il Leo­ne d’oro per la dan­za. La pros­si­ma sa­rà il 29 giu­gno a Spo­le­to per il fe­sti­val dei 2Mon­di ( ve­di ri­qua­dro), do­ve la sua com­pa­gnia pro­por­rà Lu­cin­da Childs Por­trait, una sum­ma dei la­vo­ri che - con ag­get­ti­vo al­la mo­da- si de­fi­ni­reb­be­ro “se­mi­na­li”: da Ein­stein On The Bea­ch, l’ope­ra del 1976 in cui ha col­la­bo­ra­to con Ro­bert Wil­son e Phi­lip Glass, a Dan­ce, an­co­ra con mu­si­che di Glass e con un fil­ma­to-in­stal­la­zio­ne di Sol Lewitt, ad Avai­la­ble Light, rea­liz­za­ta con il com­po­si­to­re John Adams e l’ar­chi­star Frank Geh­ry. «Poi ci scio­glie­re­mo: ognu­no pren­de­rà la sua stra­da. Io non mi fer­me­rò, ma sta­rò di più in cam­pa­gna (ho la­scia­to New York da 15 an­ni per il Mas­sa­chus­se­ts: ado­ro il ver­de, l’aria che re­spi­ro qui, i suo­ni)». Lo ri­ve­la con di­stac­co: non c’è trac­cia di emo­ti­vi­tà nel suo at­teg­gia­men­to, co­me non c’è trac­cia di emo­ti­vi­tà nel­le sue co­reo­gra­fie, fat­te di mo­vi­men­ti es­sen­zia­li (ban­di­ta la ri­cer­ca di fa­ci­li ef­fet­ti!) ri­pe­tu­ti fi­no a in­can­tar­ti. Quel­lo sti­le ri­vo­lu­zio­na­rio per gli an­ni Ses­san­ta che all’ini­zio le at­ti­ra­va le stes­so ti­po di cri­ti­che gros­so­la­ne ri­ser­va­te un tem­po a Pi­cas­so o Mi­rò: «Ah, ma una co­sa co­sì la sa fa­re an­che mio fi­glio...».

un’in­fan­zia pri­vi­le­gia­ta

L’uni­co mo­men­to dell’intervista in cui ab­ban­do­na l’aplomb e si in­fer­vo­ra è a pro­po­si­to di Pa­pa Fran­ce­sco: «Non so­no re­li­gio­sa, la so­la for­ma di spi­ri­tua­li­tà che mi ap­par­tie­ne è la fe­de nel­la na­tu­ra. Ep­pu­re tro­vo che Ber­go­glio so­sten­ga le co­se più im­por­tan­ti in que­sto mo­men­to sto­ri­co: il ri­spet­to dell’am­bien­te, del­le ri­sor­se del pia­ne­ta. Aspet­to con in­te­res­se il do­cu­men­ta­rio che Wim Wen­ders gli ha de­di­ca­to ( Po­pe Fran­cis - A Man Of His Word, ap­pe­na pre­sen­ta­to al Fe­sti­val di Can­nes, ndr) ».

Il ti­to­lo del­lo spet­ta­co­lo è Ri­trat­to di Lu­cin­da Childs.

Inu­ti­le spe­ra­re, pe­rò, in una ri­spo­sta che per­met­ta di in­tra­ve­de­re l’ego: co­me le sue co­reo­gra­fie so­no tut­te ri­go­re e sot­tra­zio­ne, co­sì è lei. Non si at­tri­bui­sce me­ri­ti, non par­la di fol­go­ra­zio­ni, non sot­to­li­nea il ruo­lo di pio­nie­ra: la­scia in­ten­de­re che il suo per­cor­so sia sta­to un­flui­do con­ca­te­nar­si di even­ti. «Hoa­vu­to un’in­fan­zia pri­vi­le­gia­ta, so­prat­tut­to per­ché mi ha da­to l’op­por­tu­ni­tà di fre­quen­ta­re una buo­na scuo­la che cu­ra­va ogni aspet­to del­la crea­ti­vi­tà (il Sa­rah La­w­ren­ce Col­le­ge,quel­lo di tan­te at­tri­ci, ar­ti­ste e scrit­tri­ci, ndr). I miei non vo­le­va­no che mi de­di­cas­si al­la dan­za, so­no sta­ti gli in­se­gnan­ti a sol­le­ci­tar­li».

il se­gre­to del­la fe­li­ci­tà

Ci so­no vo­ci che nep­pu­re lei lo vo­les­se... «Ve­ro! All’ini­zio so­gna­vo di di­ven­ta­re at­tri­ce, co­me la mam­ma di una mia ami­ca, una star a Broad­way. Po­co do­po ho ca­pi­to che, in­ve­ce, era pro­prio la dan­za il mio stru­men­to e ho ini­zia­to a la­vo­ra­re a crea­zio­ni mie. Quan­do so­no an­da­ta al Jud­son Dan­ce Thea­ter (un col­let­ti­vo con gi­gan­ti dell’avan­guar­dia co­me Ro­bert Rau­schen­berg, John Ca­ge e Mer­ce Cun­nin­gham, ndr), nel 1962, ave­vo già l’idea di di­ven

ta­re co­reo­gra­fa. Pe­rò le oc­ca­sio­ni pos­so­no ri­pre­sen­tar­si: Ro­bert Wil­son mi ha con­sen­ti­to di re­ci­ta­re sia nel 1977 con I Was Sit­ting On My Pa­tio, sia nel 1997 con La Ma­la­die de la mort ». Se la sua vi­ta fos­se un li­bro, qua­li sa­reb­be­ro i ca­pi­to­li prin­ci­pa­li? «Eh, or­mai sa­reb­be­ro mol­ti», e - ina­spet­ta­men­te - ri­de. Ico­na dell’ar­te con­cet­tua­le, in­si­ste per far ap­pa­ri­re tut­to sem­pli­ce nel­la sua esi­sten­za: no, non è sta­to fa­ti­co­so es­se­re don­na fra ar­ti­sti al­pha co­me Frank Geh­ry o Sol Lewitt. Sì, il # Me­too è un mo­vi­men­to sa­cro­san­to (so­prat­tut­to per­ché non ri­guar­da esclu­si­va­men­te le star ci­ne­ma­to­gra­fi­che), ma a lei non è mai ca­pi­ta­to di su­bi­re abu­si.

E la fe­li­ci­tà, cos’è la fe­li­ci­tà?

«Fa­re quel­lo che ti pia­ce». An­che qui, quin­di, tut­to è fi­la­to li­scio... « Ep­pu­re, pro­ba­bil­men­te, un prez­zo l’ho pa­ga­to: non so­no riu­sci­ta a co­struir­mi una fa­mi­glia, vi­ven­do con la va­li­gia in ma­no. Pe­rò per mee­ra es­sen­zia­le espri­mer­mi». Co­mun­que no, non ha rim­pian­ti.

a si­ni­stra, lu­cin­da childs, 78 an­ni. sot­to, la per­for­man­ce del­la sua com­pa­gnia per l’inau­gu­ra­zio­ne del lou­vre di abu dha­bi, nel no­vem­bre scor­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.