intervista ad an­na asca­ni sul­la po­li­ti­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Fa­bri­zio Ron­co­ne

No, non ho ca­pi­to: co­sa sa­rei io? Una sa­cer­do­tes­sa ren­zia­na. Ah ah ah! L’ho let­to sul web.

Guardi: sa­cer­do­tes­sa di­rei pro­prio di no…

Ren­zia­na, pe­rò, sì.

E cer­to! E sa per­ché? Per­ché il ren­zi­smo non è su­pe­ra­to. An­zi, le di­co di più: in gran par­te dev’es­se­re an­co­ra rea­liz­za­to.

Nel­tem­pioas­se­dia­to­di­mat­teo­ren­zic’èan­chean­naa­sca­ni da Cit­tà di Ca­stel­lo, as­si­dua fre­quen­ta­tri­ce di talk te­le­vi­si­vi, a Mon­te­ci­to­rio ce­le­bre per l’abi­li­tà con cui avan­za in bi­li­co su tac­chi che for­se nem­me­no la San­tan­ché, do­si di iro­nia in­so­spet­ta­bi­le - “Co­me­po­trei­non­la­sciar­mi in­ter- vi­sta­re, se mia ma­dre è una gran­de let­tri­ce di Io don­na?” - elo­quio po­li­ti­co non co­mu­ne, am­mi­re­vo­le fe­del­tà al ca­po.

Per al­cu­ni com­men­ta­to­ri, Mat­teo do­vreb­be spa­ri­re. Io, in­ve­ce, con­ti­nuo a pen­sa­re a lui co­me un lea­der in­di­spen­sa­bi­le per que­sto Pae­se.

In real­tà, al­cu­ni com­men­ta­to­ri di­co­no: Ren­zi è di­ven­ta­to an­ti­pa­ti­co agli elet­to­ri del cen­tro­si­ni­stra, e la sua so­la pre­sen­za fa per­de­re vo­ti al Pd.

Sen­ta: Mat­teo non può cam­bia­re ca­rat­te­re, di cer­to non è uno che pas­sa inos­ser­va­to. Pre­mes­so que­sto, ri­cor­do che s’è di­mes­so da se­gre­ta­rio: cos’al­tro avreb­be do­vu­to fa­re? Di­met­ter­si da Mat­teo Ren­zi?

Re­sta in­gom­bran­te, cer­ti suoi at­teg­gia­men­ti - tra sup­po­nen­za e su­per­fi­cia­li­tà - pa­io­no or­mai in­com­pren­si­bi­li, no­no­stan­te…

No­no­stan­te?

Ab­bia por­ta­to il par­ti­to a un tra­gi­co 18 per cen­to.

Con lui, in pri­va­to, ho avu­to di­scus­sio­ni an­che ac­ce­se… Poi, sa, per una co­me me che vie­ne dal­la ros­sa Um­bria, pre­va­le la di­sci­pli­na di par­ti­to.

È sem­pre per di­sci­pli­na che voi ren­zia­ni ac­cet­ta­te qual­sia­si de­ci­sio­ne, di so­li­to non vin­cen­te, ven­ga pre­sa dal­la Bo­schi, da Lot­ti e dal co­sid­det­to “Gi­glio Ma­gi­co”?

L’ho det­to an­che a lui, a Mat­teo. È sta­to un er­ro­re gran­de non aver crea­to una ca­bi­na di re­gia sta­bi­le, un luo­go do­ve po­ter­si con­fron­ta­re e pren­de­re de­ci­sio­ni tut­ti in­sie­me. Ci avreb­be aiu­ta­to mol­to…

Fac­cio due co­gno­mi: Gen­ti­lo­ni e Ca­len­da. Lei che di­ce?

Di­co che non è col­pa di Mat­teo se non è an­co­ra emer­so un al­tro gran­de lea­der in gra­do di gui­da­re il Pd.

an­na asca­ni, 30 an­ni, um­bra di cit­tà di ca­stel­lo, de­pu­ta­ta del par­ti­to de­mo­cra­ti­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.