Buo­ni di qua, cat­ti­vi di là Nel mez­zo, 800 pa­gi­ne

Na­zi­sti in fu­ga, eroi­smi e pas­sio­ni: Al­mu­de­na Gran­des scen­de nel tor­bi­do pas­sa­to del Pae­se se­guen­do i suoi pro­ta­go­ni­sti per qua­rant’an­ni

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - Di ISA­BEL­LA BOS­SI FE­DRI­GOT­TI

La na­vi­ga­zio­ne è lun­ga sia per l’au­to­re che per il let­to­re. Ma l’au­tri­ce del ro­man­zo, I pa­zien­ti del dot­tor Gar­cía (la tra­du­zio­ne è di Ro­ber­ta Bo­va­ia), la spa­gno­la Al­mu­de­na Gran­des, ha le spal­le lar­ghe, è una nar­ra­tri­ce po­ten­te, ca­pa­ce di ti­ra­re con am­mi­re­vo­le si­cu­rez­za le fi­la di una sto­ria lun­ga ol­tre qua­rant’an­ni e po­po­la­ta da un nu­me­ro in­fi­ni­to di per­so­nag­gi. Im­ma­gi­nan­do, pro­ba­bil­men­te, che la mag­gio­ran­za dei suoi let­to­ri non avreb­be avu­to la sua stes­sa ca­pa­ci­tà, la scrit­tri­ce ne for­ni­sce in ap­pen­di­ce un elen­co det­ta­glia­to che, in ef­fet­ti, si ri­ve­la pre­zio­so in quan­to, a me­no di non riu­sci­re a leg­ge­re tut­to d’un fia­to le ot­to­cen­to pa­gi­ne, aiu­ta a rio­rien­tar­si nel­la nar­ra­zio­ne ogni vol­ta che si ri­pren­de in ma­no il li­bro.

Pre­zio­so è l’elen­co an­che perché i due prin­ci­pa­li pro­ta­go­ni­sti, il dot­tor Guil­ler­mo Gar­cía Me­di­na, per l’ap­pun­to, e Ma­nuel Ar­royo Be­ni­tez, di­plo­ma­ti­co, in­se­gnan­te e agen­te se­gre­to, co­me, del re­sto, lo è an­che il suo ami­co dot­to­re, cam­bia­no più vol­te iden­ti­tà nel cor­so del­la sto­ria, per cui non sa­reb­be difficile smar­ri­re l’orien­ta­men­to. E i per­so­nag­gi che li cir­con­da­no — tan­ti i cat­ti­vi, più ra­ri i buo­ni, al­cu­ni ve­ra­men­te esi­sti­ti, al­tri di fan­ta­sia —, pur es­sen­do per co­sì di­re mi­no­ri, so­no co­mun­que tes­se­re fon­da­men­ta­li nel­la tra­ma; quan­to al­le com­par­se, un ve­ro for­mi­ca­io tra ba­ri­sti, ne­go­zian­ti, do­me­sti­che, sol­da­ti, po­li­ziot­ti, pas­san­ti, ma­ni­fe­stan­ti e in­nu­me­re­vo­li al­tri, igno­rar­li sa­reb­be sba­glia­to perché sen­za di lo­ro l’im­men­so af­fre­sco sa­reb­be un po’ me­no ve­ro, un po’ me­no com­ple­to.

Do­po aver esplo­ra­to per mol­ti an­ni e in mol­ti ro­man­zi la so­cie­tà spa­gno­la, Al­mu­de­na Gran­des è pas­sa­ta a in­ve­sti­gar­ne la sto­ria, con­cen­tran­do­si sul­la guer­ra ci­vi­le che ha in­san­gui­na­to il Pae­se, e su­gli stra­sci­chi che per mol­ti an­ni an­co­ra lo han- no se­gna­to. Ora si è con­ces­sa un al­tro pas­so avan­ti al­lar­gan­do la sua in­da­gi­ne dal con­flit­to fra­tri­ci­da spa­gno­lo al­le vi­cen­de eu­ro­pee del­la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, al­la Ger­ma­nia, al­la Rus­sia, al­la Po­lo­nia, ai Pae­si Bal­ti­ci e poi an­che all’Ar­gen­ti­na, agli ec­ci­di na­zi­sti, ai cam­pi di con­cen­tra­men­to e, più tar­di, al­le or­ga­niz­za­zio­ni per la fu­ga dei cri­mi­na­li te­de­schi e al­la pro­te­zio­ne che tro­va­ro­no non sol­tan­to in Ar­gen­ti­na ma an­che in Spa­gna.

Nel cor­so de­gli an­ni è di­ven­ta­ta , quel­la di Al­mu­de­na Gran­des, una for­ma di let­te­ra­tu­ra ci­vi­le il cui fi­ne è quel­lo di non di­men­ti­ca­re il pas­sa­to fat­to di vio­len­za e in­giu­sti­zie co­me di sa­cri­fi­ci ed eroi­smi. Cio­no­no­stan­te l’in­ten­zio­ne non ap­pe­san­ti­sce il rac­con­to, co­me non la ap­pe­san­ti­sco­no al­cu­ni bra­ni del li­bro, zep­pi di no­mi, da­te e av­ve­ni­men­ti, di ge­ne­re più sag­gi­sti­co che nar­ra­ti­vo. Pro­va ne è che le ol­tre ot­to­cen­to pa­gi­ne si ma­ci­na­no be­ne sen­za in­top­pi. Cer­to, all’au­tri­ce va per­do­na­to l’as­so­lu­to ma­ni­chei­smo, per cui i cat­ti­vi so­no tut­ti da una par­te e i buo­ni, sen­za ec­ce­zio­ne, dall’al­tra, ma va det­to che a que­sta ri­gi­da di­vi­sio­ne del mon­do la scrit­tri­ce, pa­sio­na­ria per vo­ca­zio­ne, ci ave­va già abi­tua­ti nei suoi pre­ce­den­ti ro­man­zi.

I due pro­ta­go­ni­sti, dun­que, che si co­no­sco­no e si sal­va­no a vi­cen­da la vi­ta nei peg­gio­ri tem­pi del­la Spa­gna, en­tram­bi «ros­si» e per­ciò en­tram­bi scon­fit­ti dal­la vit­to­ria na­zio­na­li­sta, di­ven­ta­no spie per ame­ri­ca­ni e in­gle­si, perché la spe­ran­za di cac­cia­re Fran­co è l’ul­ti­ma a mo­ri­re. Spe­ran­za che sem­bre­rà a por­ta­ta di ma­no perché i due, in­fil­tra­ti­si nel­le re­ti clan­de­sti­ne che or­ga­niz­za­no cam­bi di iden­ti­tà, na­scon­di­gli, fu­ga e si­ste­ma­zio­ne an­che pro­fes­sio­na­le di na­zi­sti e cri­mi­na­li di guer­ra, uno a Ma­drid, l’al­tro a Bue­nos Ai­res, a ri­schio del­la lo­ro pel­le tro­ve­ran­no, sia qua che là, am­pie pro­ve di que­sta at­ti­vi­tà, tol­le­ra­ta, se non ad­di­rit­tu­ra pro­tet­ta dai go­ver­ni di Spa­gna e Ar­gen­ti­na. Ma si sa co­me an­dò a fi­ni­re: il Ge­ne­ra­lis­si­mo ri­ma­se in sel­la fi­no al­la mor­te — nel suo let­to — mol­ti an­ni do­po, e a Isa­be­li­ta Pe­rón suc­ces­se­ro i fa­mi­ge­ra­ti ge­ne­ra­li. Il baluardo an­ti­co­mu­ni­sta rap­pre­sen­ta­to dai dit­ta­to­ri con­ta­va per le po­ten­ze oc­ci­den­ta­li ben più di un bran­co, sia pu­re ab­ba­stan­za fol­to, di as­sas­si­ni in li­ber­tà.

Fin dal­la pri­ma pa­gi­na il ro­man­zo pren­de il rit­mo del th­ril­ler con col­pi di sce­na pre­pa­ra­ti da ac­cu­ra­ta su­spen­se, e ogni vol­ta si tre­ma per Guil­ler­mo Gar­cía e Ma­nuel Ar­royo che nel frat­tem­po non si chia­ma­no più co­sì perché da un pez­zo so­no sta­ti, esat­ta­men­te co­me i lo­ro av­ver­sa­ri, co­stret­ti a cam­bia­re iden­ti­tà. Ma non è un gial­lo e tan­to­me­no un noir, né c’è nul­la di au­to­ma­ti­co co­me a vol­te suc­ce­de nel­le tra­me del­le spy sto­ry. Re­sta la nar r a z i one a v vo l gen­te di Al mu­de­na Gran­des, che co­no­scia­mo dai suoi nu­me­ro­si ro­man­zi, che si sof­fer­ma sui vol­ti, sul­le espres­sio­ni, sui ca­rat­te­ri, sul­le abi­tu­di­ni dei suoi per­so­nag­gi, an­che i più se­con­da­ri, sul­le ca­se in cui abi­ta­no, a vol­te per­fi­no su che cos’han­no nel piat­to e nel bic­chie­re. Scrit­tu­ra fem­mi­ni­le, ric­ca, flu­via­le, ver­reb­be da di­re, seb­be­ne la ca­te­go­ria non do­vreb­be in teoria esi­ste­re più, or­mai in­di­stin­gui­bi­le da quel­la de­gli uo­mi­ni al­la cui vi­ta, la vi­ta del­le don­ne so­mi­glia sem­pre più.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.