L’apnea in­se­gna co­me osa­re l’ul­ti­mo tuf­fo

L’al­toa­te­si­na Ka­reen De Mar­tin Pin­ter com­bi­na il fa­sci­no del­le im­mer­sio­ni e il te­ma del­la mor­te vo­lon­ta­ria

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - Di CRI­STI­NA TAGLIETTI

Di­men­ti­ca di re­spi­ra­re an­che il let­to­re, al­me­no nel­le pri­me die­ci pa­gi­ne sen­za un ca­po­ver­so, in cui si im­mer­ge in apnea co­me fa il pro­ta­go­ni­sta di que­sto ro­man­zo del­la bol­za­ni­na di lin­gua ita­lia­na Ka­reen De Mar­tin Pin­ter. Di­men­ti­ca di re­spi­ra­re è il se­con­do li­bro del­la scrit­tri­ce che ha esor­di­to nel 2013 con L’ani­mo leg­ge­ro (Mon­da­do­ri), sto­ria del­la bam­bi­na Mar­ta e del­le sue ami­che im­pe­gna­te in un gio­co cru­de­le, una vol­ta al­la set­ti­ma­na, nel­la ter­ra di­vi­sa dell’Al­to Adi­ge. In Di­men­ti­ca di re­spi­ra­re in­ve­ce il pro­ta­go­ni­sta è Giu­lia­no che fin da pic­co­lo si sfi­da con l’ami­co Pie­ro e il fra­tel­lo Gio­van­ni (che ha i pol­mo­ni più gran­di di lui) a trat­te­ne­re il fia­to. Fi­no a quan­do, ra­gaz­zi­no, in­con­tra Mau­ri­zio, un fa­mo­so e se­ve­ro al­le­na­to­re che lo por­ta a bat­te­re ogni re­cord di apnea par­lan­do­gli di lu­ce interiore e di ani­mo, fa­cen­do­gli capire che re­si­ste­re sen­za re­spi­ra­re è una que­stio­ne di te­sta più che di cor­po e che per di­ven­ta­re un cam­pio­ne bi­so­gna non ave­re pau­ra del fred­do.

Un pen­sie­ro for­te tie­ne Giu­lia­no sot­to, in «un mon­do in cui re­gna l’oscu­ri­tà», «la lu­ce ha tut­te le sfu­ma­tu­re del blu» e «se guar­di il fon­do il­lu­mi­nan­do­lo con una tor­cia, quan­do il planc­ton bril­la, sem­bra di guar­da­re il cie­lo d’esta­te». Giu­lia­no è un so­li­ta­rio che si im­mer­ge pen­san­do al­le spe­cie quasi com­ple­ta­men­te tra­spa­ren­ti che lo abi­ta­no, al­la fau­na ma­ri­na al­la qua­le per orien­tar­si non ser­ve il so­le, ba­sta la lu­ce che pro­du­ce da sé. L’abis­so del ma­re è il viag­gio, la sco­per­ta, il ri­tor­no. Lì Giu­lia­no tro­va il suo pas­sa­to, quel do­lo­re lon­ta­no le­ga­to all’ul­ti­ma im­mer­sio­ne del fra­tel­lo, ri­ve­de le ama giap­po­ne­si, le don­ne pe­sca­tri­ci che si tuf­fa­no nu­de nell’ac­qua e che Fo­sco Ma­rai­ni fo­to­gra­fò nel 1954 nel­le iso­le He­ku­ra e Mi­ku­riya. Una not­te si sve­glia di so­pras­sal­to, nel pie­no di un ac­ces­so di tos­se, il pet­to che fa male e il re­spi­ro da an­da­re a cer­ca­re, co­me se una ma­no strin­ges­se il pol­mo­ne. Ha 50 an­ni e vuole bat­te­re il re­cord di ra­gaz­zi più gio­va­ni quan­do il me­di­co gli di­ce che quel­la tos­se non è sol­tan­to tos­se ma «una ma­lat­tia di cui ci si può ac­cor­ge­re sol­tan­to all’ul­ti­mo» e sa­per trat­te­ne­re il fia­to non ba­sta a sal­var­si. Il ro­man­zo ster­za, ma non bru­sca­men­te. Non è più il gran­de blu, ma la Sviz­ze­ra del sui­ci­dio as­si­sti­to. Ep­pu­re il ma­re sem­bra la­va­re tut­to, an­che l’an­go­scia. Con­trol­la­re l’ul­ti­ma di­sce­sa, mo­ri­re a una da­ta e a un’ora pre­ci­se, sen­za la­scia­re nul­la al caso di­ven­ta il pen­sie­ro for­te dell’apnei­sta.

Ka­reen De Mar­tin Pin­ter in­trec­cia va­ri spun­ti nar­ra­ti­vi, me­sco­la so­gni, al­te­ra­zio­ni di co­scien­za, ri­cor­di che si col­lo­ca­no al li­mi­ta­re del­la real­tà e im­pon­go­no un suc­ce­der­si di tem­pi di­ver­si e un mon­do opa­co in­tor­no, os­ser­va­to da un pun­to di vi­sta in­ter­no, la cui pro­fon­di­tà è lo spec­chio del­la pro­fon­di­tà dell’ac­qua. Im­mer­ge e ri­pe­sca il suo pro­ta­go­ni­sta al­ter­nan­do abbandoni al­la cor­ren­te e strap­pi bru­schi che ri­por­ta­no Giu­lia­no a sé stes­so e il let­to­re al pre­sen­te.

La nar­ra­zio­ne ri­pro­du­ce con ef­fi­ca­cia l’espe­rien­za dell’esplo­ra­zio­ne su­bac­quea fat­ta di epi­fa­nie, di ra­re­fa­zio­ne e den­si­tà, di cor­ren­ti e tem­pe­ra­tu­re che cam­bia­no im­prov­vi­sa­men­te, an­che se non sem­pre i rac­cor­di so­no im­me­dia­ti. Se la di­gres­sio­ne sul­le ama giap­po­ne­si sem­bra in­se­ri­ta un po’ for­za­ta­men­te nel­la strut­tu­ra nar­ra­ti­va, sen­za una rea­le ne­ces­si­tà, di so­bria poe­sia è il fi­lo­ne nar­ra­ti­vo che ri­guar­da il «ra­pi­men­to» di Ma­ry, del­fi­na de­pres­sa sot­trat­ta a un acquario con cui Giu­lia­no a un cer­to pun­to si tro­va a nuo­ta­re, sen­za cro­no­me­tri e sen­za te­sti­mo­ni. La lin­gua è asciut­ta, levigata, la scrit­tu­ra in equilibrio so­prat­tut­to nel­la de­scri­zio­ne del­le di­sce­se, nel la­vo­ro men­ta­le ri­chie­sto a chi si im­mer­ge, i bat­ti­ti che ral­len­ta­no, la fac­cia com­pres­sa, i ca­pel­li spar­si nell’ac­qua, i mu­sco­li striz­za­ti, fin­ché si vie­ne ri­suc­chia­ti, all’in­fi­ni­to. Lo sti­le ha te­nu­ta an­che nel­la par­te fi­na­le do­ve rie­sce ad as­sor­bi­re nel re­spi­ro la dram­ma­ti­ci­tà di un te­ma, quel­lo del­la mor­te vo­lon­ta­ria, del­la li­ber­tà del­la scel­ta, che è il pun­to più pro­fon­do in cui il let­to­re, con dol­cez­za, vie­ne con­dot­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.