Pren­di un so­net­to e trat­ta­lo male

Lu­cia­no Ca­nia­to ela­bo­ra e stra­vol­ge la for­ma canonica del­la tra­di­zio­ne

Corriere della Sera - La Lettura - - Libri - Di DA­NIE­LE PICCINI

La sto­ria del so­net­to, den­tro e ol­tre il No­ve­cen­to, è col­ma di for­tu­no­si ri­tro­va­men­ti, di tor­men­ta­te ri­sco­per­te. Non c’è so­lo Gio­van­ni Ra­bo­ni, ma una mol­ti­tu­di­ne di au­to­ri che han­no ri­ten­ta­to con di­ver­si in­ten­ti la for­ma, che fu ca­ra, a par­te Gior­gio Ca­pro­ni, an­che a Car­lo Be­toc­chi, a Fran­co For­ti­ni, al Pa­so­li­ni se­gre­to, e fu spe­ri­men­ta­ta, su un ver­san­te più for­ma­li­sti­co e iro­ni­co, pu­re da An­drea Zan­zot­to ed Edoar­do San­gui­ne­ti.

Si di­reb­be che di tut­to que­sto, e di tan­te al­tre om­bre, si nu­tra il den­so, mo­no­te­ma­ti­co can­zo­nie­re di Lu­cia­no Ca­nia­to, in­ti­to­la­to non per caso L’om­bra del­la co­sa (Il Pon­te del Sa­le). So­no om­bre, in­fat­ti, quel­le che in­se­gue la poe­sia di Ca­nia­to, na­ti­vo del Po­le­si­ne e abi­tan­te a Co­ne­glia­no: om­bre in­se­gui­te in for­ma di so­net­ti, di­sos­sa­ti e slo­ga­ti, quasi dis­sol­ti ep­pu­re an­co­ra pul­san­ti.

La scrit­tu­ra di un poe­ta con­tem­po­ra­neo che si mi­su­ri con la for­ma-em­ble­ma del­la no­stra tra­di­zio­ne è ine­vi­ta­bil­men­te un ri­scri­ve­re, dun­que un pa­lin­se­sto: uno scri­ve­re so­pra se­gni pre­ce­den­ti, so­pra una trac­cia che gia­ce e che fa da li­mo al­la scrit­tu­ra nuo­va. Tan­to più se il so­net­to si or­ga­niz­za, co­me qui, in for­ma di can­zo­nie­re. Per al­le­stir­ne uno, per sot­trar­si al già det­to, oc­cor­re ne­gar­si con­ti­nua­men­te al trop­po ov­vio, al­la mu­si­ca da­ta, de­via­re e in­sie­me ri­tro­va­re, al­me­no nel lo­ro spi­ri­to, gli em­ble­mi di una tra­di­zio­ne. Ec­co per­ciò che i so­net­ti di Ca­nia­to han­no en­de­ca­sil­la­bi a vol­te ec­ce­den­ti o man­can­ti di sil­la­be, han­no ac­cen­ti sghem­bi e non ca­no­ni­ci; ec­co che man­ca­no per lo più di ri­me e han­no una sin­tas­si che sem­bra at­tra­ver­sa­re la for­ma quasi igno­ran­do le sue strut­tu­re in­ter­ne. Ed ec­co il plu­ri­lin­gui­smo, col la­ti­no di qual­che sin­tag­ma che fa po­sto, in una se­zion­ci­na, al dia­let­to. Lo stes­so isti­tu­to li­ri­co per ec­cel­len­za, il dia­lo­go con un «tu» as­sen­te («[...] que­sto tu / non ve­ro che va­ga nei miei ver­si»), si ten­de fi­no al mas­si­mo del­la sua ener­gia, per poi ri­ve­lar­si so­prat­tut­to dia­lo­go con le om­bre, ap­pun­to, e di­scor­so interiore, ri­fles­sio­ne sul­lo scri­ve­re.

Non c’è an­go­lo di que­sto can­zo­nie­re com­po­sto di so­net­ti in cui non ci sia an­che un me­di­ta­re, da par­te del poe­ta, sul pro­prio stru­men­to: sui no­di, le stret­to­ie, l’asfis­sia del­la for­ma, sul suo ob­be­di­re a un fan­ta­sma che di­ven­ta ve­ro nell’at­to del­la scrit­tu­ra («Più strin­go e me­no af­fer­ro il tuo fug­gir­mi»), fa­cen­do­si il fia­to stes­so, il fla­tus vo­cis del­la poe­sia. Non che non ci sia sof­fe­ren­za («E quel tuo fie­ro al­be­ro ne­ga­to / si è fat­to ge­lo e cu­mu­lo di stec­chi»), ma la sto­ria amo­ro­sa che si sfa­ri­na, la­scian­do ri­fra­zio­ni in­gan­ne­vo­li, ce­ne­re e ca­li­gi­ne, di­ven­ta l’oc­ca­sio­ne per in­trec­cia­re un tes­su­to: «So­no sta­ti un­ci­ni i tuoi si­len­zi/ e le pa­ro­le or­ti­che ine­stri­ca­bi­li// cui ha mes­so ma­no la poe­sia che cu­ce/ e sa­na ciò che fug­ge [...]». E pe­rò non è, per tor­na­re all’ini­zio, una tes­si­tu­ra fe­li­ce, in­do­lo­re. Strap­pi, eva­ne­scen­ze, sot­tra­zio­ni pun­teg­gia­no il te­sto.

La poe­sia, ra­gno che tes­se la sua te­la, non fi­ni­sce di col­ma­re le la­cu­ne del de­si­de­rio.

LU­CIA­NO CA­NIA­TO L’om­bra del­la co­sa IL PON­TE DEL SA­LE Pa­gi­ne 112, € 15 L’au­to­re Lu­cia­no Ca­nia­to (Pon­tec­chio Po­le­si­ne, Ro­vi­go, 1946) è lau­rea­to in Let­te­re mo­der­ne e ha in­se­gna­to nel­la scuo­la pub­bli­ca (1966-2007)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.