La gran­de il­lu­sio­ne si chia­ma tec­no­cra­zia

Pier­re Le­mai­tre in­ter­ro­ga il pas­sa­to per por­re do­man­de sul pre­sen­te. Nel nuo­vo ro­man­zo vi­si­ta gli an­ni Tren­ta e ci tro­va la Fran­cia e l’Eu­ro­pa di og­gi: «Raz­zi­smo, an­ti­se­mi­ti­smo e l’idea che si pos­sa fa­re a me­no del­la po­li­ti­ca, Ma­cron con En Mar­che! non ha

Corriere della Sera - La Lettura - - Orizzonti -

Con­fron­ti «L’at­teg­gia­men­to at­tua­le tro­va le sue ra­di­ci nell’Ot­to­cen­to, un se­co­lo fa ap­par­ve­ro i pri­mi mo­vi­men­ti or­ga­niz­za­ti at­tor­no agli esper­ti» IL­LU­STRA­ZIO­NE DI AN­TO­NEL­LO SILVERINI

Cin­que an­ni fa Pier­re Le­mai­tre vin­se il Prix Gon­court con Ci ri­ve­dia­mo las­sù e il sal­to fi­na­le, nel vuo­to, del suo eroe Édouard Pé­ri­court, sol­da­to del­la Pri­ma guer­ra mon­dia­le sfi­gu­ra­to dal­le gra­na­te ne­mi­che e dal­la cat­ti­ve­ria del­le ge­rar­chie. Og­gi quell’uni­ver­so ri­tor­na con I co­lo­ri dell’in­cen­dio e un nuo­vo sal­to, sta­vol­ta nel­le pri­me pa­gi­ne, del pic­co­lo Paul, 7 an­ni, ni­po­te di Édouard, che si lan­cia dal­la fi­ne­stra du­ran­te il fu­ne­ra­le del non­no re­stan­do pa­ra­liz­za­to. Una sce­na ter­ri­fi­can­te e riu­sci­ta, la più lu­gu­bre di un ro­man­zo pie­no di umo­ri­smo e col­pi di sce­na che ser­ve a Le­mai­tre per pro­lun­ga­re il suo af­fre­sco del­la Fran­cia ne­gli an­ni Tren­ta, se­con­da tap­pa di una tri­lo­gia che si con­clu­de­rà con la di­sfat­ta con­tro i na­zi­sti nel 1940. «Par­lo del pas­sa­to per oc­cu­par­mi del pre­sen­te», di­ce al te­le­fo­no dal suo stu­dio di Ar­les, nel Sud del­la Fran­cia, do­ve si è tra­sfe­ri­to da Pa­ri­gi.

Co­me è na­ta l’idea del se­gui­to? Sa­pe­va già che ci sa­reb­be stato un se­con­do vo­lu­me men­tre scri­ve­va «Ci ri­ve­dia­mo las­sù»?

«No, pe­rò nel fi­na­le si ca­pi­sce che mi so­no la­scia­to aper­to al­cu­ne por­te, co­me fa ogni feuil­let­to­ni­sta un po’ pru­den­te che non pren­de mai stra­de de­fi­ni­ti­ve, non si sa mai. Do­po ave­re pub­bli­ca­to il noir Tre gior­ni e una vita so­no tor­na­to in­die­tro e mi so­no det­to: “Se fac­cio un se­gui­to di Ci ri­ve­dia­mo las­sù non può cer­to es­se­re Ci ri­ve­dia­mo las­sù 2 o Ci ri­ve­dia­mo las­sù. Il ri­tor­no”. Cer­ca­vo una chia­ve e l’ho tro­va­ta fa­cen­do ri­cer­che sul pe­rio­do sto­ri­co da­gli an­ni Ven­ti ai Qua­ran­ta, per­ché la Fran­cia di al­lo­ra mi è sem­bra­ta pie­na di ri­so­nan­ze con la Fran­cia di og­gi. Ho pen­sa­to a una tri­lo­gia, nel­la qua­le pe­rò ogni li­bro è au­to­no­mo e può es­se­re let­to sen­za co­no­sce­re gli al­tri».

L’eroi­na dei «Co­lo­ri dell’in­cen­dio» è Ma-

de­lei­ne Pé­ri­court, so­rel­la di Édouard pro­ta­go­ni­sta del pri­mo ro­man­zo. Per­ché lei?

«Nel pri­mo vo­lu­me Ma­de­lei­ne non si mo­stra­va mol­to, sul pia­no nar­ra­ti­vo que­sto mi ha da­to ab­ba­stan­za li­ber­tà per fab­bri­ca­re un per­so­nag­gio com­ples­so. Gli an­ni Tren­ta fu­ro­no un pe­rio­do estre­ma­men­te dif­fi­ci­le per le don­ne, che ave­va­no an­co­ra po­chi di­rit­ti, e que­sto mi ha per­mes­so di col­ti­va­re un pa­ra­dos­so: Ma­de­lei­ne Pé­ri­court ere­di­ta un pic­co­lo im­pe­ro ban­ca­rio nei gior­ni in cui le don­ne non pos­so­no nep­pu­re fir­ma­re un as­se­gno, sen­za l’ac­cor­do del ma­ri­to. La don­na ere­di­ta il po­te­re più im­por­tan­te, quel­lo del de­na­ro, ma gli uo­mi­ni non so­no af­fat­to di­spo­sti ad ac­cet­tar­lo. Suc­ce­de an­che og­gi. Non esi­ste al­cu­na pa­ri­tà nel­le isti­tu­zio­ni e nel­le re­tri­bu­zio­ni, le don­ne so­no an­co­ra ben lon­ta­ne dal go­de­re de­gli stes­si di­rit­ti rea­li de­gli uo­mi­ni».

Ma­de­lei­ne va in ro­vi­na, per­de tut­to o qua­si, in­gan­na­ta dai suoi col­la­bo­ra­to­ri. La sua di­sfat­ta fi­nan­zia­ria si ri­ve­la es­se­re la sua for­tu­na esi­sten­zia­le?

«È co­sì, la di­sce­sa nel­la sca­la so­cia­le le per­met­te di ac­ce­de­re a un’al­tra co­scien­za, in par­ti­co­la­re po­li­ti­ca. Non di­ven­ta una mi­li­tan­te

dal no­stro cor­ri­spon­den­te a Pa­ri­gi

STE­FA­NO MONTEFIORI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.