L’an­ti­qua­rio Elia Vol­pi che vol­le far­si pit­to­re

Corriere della Sera - La Lettura - - Sguardi -

Quan­do nel 1910 inau­gu­rò a Firenze il pro­prio mu­seo nel tre­cen­te­sco Pa­laz­zo Davanzati, da lui re­stau­ra­to e ar­re­da­to nel­lo stile di una casa fio­ren­ti­na tra Me­dioe­vo e Ri­na­sci­men­to, l’an­ti­qua­rio Elia Vol­pi (1858-1938) era al cul­mi­ne del­la for­tu­na (e del­la no­to­rie­tà) co­me mer­can­te d’ar­te. Di Vol­pi so­no ri­ma­ste fa­mo­se le aste or­ga­niz­za­te in America, so­prat­tut­to quel­la di New York del 1916, che gli frut­tò un mi­lio­ne di dol­la­ri (di al­lo­ra) e che lo aiu­tò a dif­fon­de­re ol­treo­cea­no la mo­da del Ri­na­sci­men­to ita­lia­no. Gran­de cla­mo­re eb­be an­che il di­sa­stro ac­ca­du­to una de­ci­na di an­ni do­po, quan­do l’an­ti­qua­rio fu coin­vol­to nel­lo scan­da­lo dei fal­si di Al­ceo Dos­se­na. Era ri­ma­sta nell’om­bra la sua at­ti­vi­tà di pit­to­re, eser­ci­ta­ta ne­gli an­ni gio­va­ni­li. Che si può sco­pri­re nel­la mo­stra Omag­gio a Elia Vol­pi pit­to­re, al­le­sti­ta con di­se­gni e di­pin­ti ine­di­ti (so­pra: La vo­ca­zio­ne sba­glia­ta, 1886) nel­la log­gia d’in­gres­so di Pa­laz­zo Davanzati a Firenze (bar­gel­lo­mu­sei.be­ni­cul­tu­ra­li.it), ap­pe­na pro­ro­ga­ta fi­no al 30 ot­to­bre per il gran­de suc­ces­so di pub­bli­co. (lau­ret­ta co­lon­nel­li)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.