Bri­ga & Mo­stro nel mu­seo

Corriere della Sera (Roma) - - CULTURA & TEMPO LIBERO - Lau­ra Mar­tel­li­ni

Mo­stro, ma so­lo di no­me. Per­ché il rap­per ro­ma­no che con il suo al­bum Ogni ma­le­det­to gior­no ha spo­de­sta­to Guè Pe­que­no e rag­giun­to il pri­mo po­sto nel­la clas­si­fi­ca de­gli al­bum più ven­du­ti, ha stu­dia­to fra Vir­gi­lio e Ma­mia­ni, è cre­sciu­to nel cen­tro sto­ri­co, ed è uno che scri­ve be­ne.

Te­sti cu­ra­ti an­che nel­la for­ma. Nien­te dro­ga, nien­te pe­ri­fe­rie estre­me, ma il rac­con­to di sé e del pas­sag­gio all’età adul­ta. Vi­deo da 300 mi­la vi­sua­liz­za­zio­ni su YouTu­be.

La sua eti­chet­ta, la ro­ma­na Ho­ni­ro, van­ta nu­me­ri da

main­stream no­no­stan­te sia in­di­pen­den­te. Vi mi­li­ta­no an­che Bri­ga, Ser­cho, Ul­ti­mo e Shi­va. Sta­se­ra tut­ti sul pal­co del Mu­seo d’ar­te con­tem­po­ra­nea di via Niz­za. Scel­ta inu­sua­le, giu­sti­fi­ca­ta dal­la mo­stra in cor­so sul­la street art.

«Co­me il film Una not­te al

Mu­seo! — di­ce Bri­ga, dal quar­tie­re Pra­ti ap­pro­da­to ad

Ami­ci di Ma­ria De Fi­lip­pi e da lì al suc­ces­so pop —. Io ese­gui­rò al­cu­ni bra­ni di Ta­len­to in acu­sti­co e riar­ran­gia­ti, per al­za­re il li­vel­lo cul­tu­ra­le — sor­ri­de —. Poi pe­rò si fi­ni­rà tut­ti a bal­la­re con i dj e la mia band di me­ra­vi­glio­si mu­si­ci­sti». Os­ser­va: «Fi­no a qual­che an­no fa di se­ra­te co­sì ce n’era­no tre a set­ti­ma­na: Ge­mi­taiz, Coez, Mad­man in un lo­ca­le, e i Col­le der Fo­men­to po­co più in là. La fre­ne­sia un­der­ground pe­rò si è spen­ta. Ora la mu­si­ca è più frui­bi­le da tut­ti. E non è più ve­ro che so­lo le pe­ri­fe­rie sfor­na­no ta­len­ti hip hop. Emi­nem in Ame­ri­ca ha co­min­cia­to a rap­pa­re con ra­gaz­zi di co­lo­re, ma poi è di­ven­ta­to più fa­mo­so e bra­vo di lo­ro!».

La dia­tri­ba Ro­ma-Mi­la­no? «Non c’è ga­ra, lì an­che i rap­per si sve­glia­no al­le 6 per­ché la pa­ro­la d’or­di­ne è pro­dur­re. Ma ades­so i mi­glio­ri mu­si­ci­sti ven­go­no dal Sa­len­to. Chi re­sta a Ro­ma lo fa per af­fet­to: co­me me e Em­ma». «L’im­por­tan­te — in­si­ste — è non gio­ca­re a fa­vo­re di te­le­ca­me­ra ma ri­ma­ne­re se stes­si. L’ipo­cri­sia è un ma­le na­zio­na­le» sen­ten­zia al­la vi­gi­lia del ri­ti­ro in un lo­cus

ame­nus in To­sca­na do­ve la­vo­re­rà con Boo­sta (Sub­so­ni­ca).

Ba­sta pren­der­se­la con que­sto e quel­lo, è d’ac­cor­do pu­re Mo­stro, alias Gior­gio Fer­ra­rio, dal­la Bal­dui­na a un’im­pen­na­ta di no­to­rie­tà. «So­no ciò che man­ca­va al rap di ades­so: uno schi­zo­fre­ni­co, de­pres­so» si de­scri­ve in Ogni ma­le­det­to

gior­no. «La rab­bia che pro­vo è ver­so me stes­so — con­fes­sa —. So­no uno dei tan­ti che sbat­to­no la te­sta e ci re­sta­no ma­le, e ma­ga­ri a ca­sa li aspet­ta­no pu­re i ge­ni­to­ri se­pa­ra­ti. Uno n-o-r-m-a-l-e» scan­di­sce.

Pro­se­gue, per ne­ga­zio­ni: «Non cer­co ti­to­li so­lo per an­da­re in ra­dio, non m’in­te­res­sa­no le can­zo­net­te da smartphone. Il suc­ces­so di J-Ax e Fe­dez? Fa­sci­no dell’hip pop. Mio pa­pà me­di­co e mia mam­ma ca­sa­lin­ga si so­no fat­ti in quat­tro per me i miei tre fra­tel­li. Non è det­to che chi non vi­ve real­tà estre­me non ab­bia nul­la da rac­con­ta­re. Ognu­no ha il pro­prio fon­do. Il di­sco pe­rò è un con­cept al­bum. De­te­sto i flus­si di co­scien­za». Do­man­da: «Pos­so rin­gra­zia­re?». Pre­go: «La mia eti­chet­ta. Con i ta­len­ti e i con­te­nu­ti si può ri­ma­ne­re au­to­no­mi e di­ven­ta­re gran­di».

Pro­ta­go­ni­sti

Mo­stro du­ran­te un li­ve, con la sua cre­sta di ca­pel­li svet­tan­te sul­la te­sta ra­sa­ta. Sot­to: Bri­ga, se­con­do all’edi­zio­ne 2015 di Ami­ci del­la De Fi­lip­pi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.