El Shaa­rawy: «Mi­lan ti bat­te­rò» Tot­ti show a Tbi­li­si

L’at­tac­can­te del­la Ro­ma: «Vin­ce­re per far ca­pi­re a tut­ti che ci sia­mo an­che noi»

Corriere della Sera (Roma) - - DA PRIMA PAGINA - di Gian­lu­ca Pia­cen­ti­ni

Ste­phan El Shaa­rawy è già tor­na­to nel­lo sta­dio in cui è di­ven­ta­to cal­cia­to­re, ed ogni vol­ta si è fat­to rim­pian­ge­re. Con la ma­glia del­la Ro­ma gli è ca­pi­ta­to due vol­te, ed in en­tram­be le oc­ca­sio­ni ha fat­to gol. Sen­za esul­ta­re, pe­rò, per non man­ca­re di ri­spet­to a chi gli ha vo­lu­to be­ne fin da quan­do era po­co più che un ra­gaz­zo, e an­co­ra lo ap­plau­de, an­che se non in­dos­sa più la ma­glia del Mi­lan.

Per que­sto do­ma­ni po­me­rig­gio per il «Fa­rao­ne» non po­trà es­se­re una ga­ra co­me le al­tre. «Io so­no le­ga­tis­si­mo al Mi­lan - le sue pa­ro­le a Sky - sa­rò sem­pre gra­to al club ros­so­ne­ro per ave­re cre­du­to in me e, co­me in pas­sa­to, se do­ves­si se­gna­re non esul­te­rò. Lì ho rag­giun­to i tra­guar­di più si­gni­fi­ca­ti­vi del­la mia car­rie­ra, ma so­no an­co­ra ab­ba­stan­za gio­va­ne per to­glier­mi gran­di sod­di­sfa­zio­ni an­che in ma­glia gial­lo­ros­sa».

Sen­za Schick, De­frel e Pe­rot­ti, tut­ti in­for­tu­na­ti, la Ro­ma, so­prat­tut­to in at­tac­co, avrà gli uo­mi­ni con­ta­ti. Per El Shaa­rawy sa­rà quin­di l’oc­ca­sio­ne per da­re con­ti­nui­tà al buon mo­men­to di for­ma che sta at­tra­ver­san­do. Di si­cu­ro non gli man­ca la sti­ma del tec­ni­co Eu­se­bio Di Francesco, che lo ha de­fi­ni­to «l’at­tac­can­te idea­le per il 4-3-3». «An­dre­mo a Mi­la­no per vin­ce­re - ha det­to il «Fa­rao­ne» - per da­re un se­gna­le al cam­pio­na­to ma an­che a noi stes­si, per far ca­pi­re a tut­ti che sia­mo in cre­sci­ta co­me col­let­ti­vo e che per i pri­mi po­sti del­la clas­si­fi­ca ci sia­mo an­che noi. Per far­lo, pe­rò, ser­vi­rà una gran­de Ro­ma. Le pa­ro­le di Di Francesco? Mi fan­no pia­ce­re, è un al­le­na­to­re ca­pa­ce e con ca­ri­sma, e dob­bia­mo ascol­tar­lo. Sa quel­lo che vuo­le e noi stia­mo mi­glio­ran­do».

In­sie­me a lui nel tri­den­te al fian­co di Dze­ko do­vreb­be gio­ca­re Flo­ren­zi («Per me la Ro­ma è una se­con­da pel­le», ha det­to ri­spon­den­do ai ti­fo­si sui ca­na­li so­cial del­la so­cie­tà), suo gran­de ami­co an­che in Na­zio­na­le. «Ale è un va­lo­re ag­giun­to in tut­ti i ruo­li e per qual­sia­si squa­dra. Si sa adat­ta­re e lo fa be­nis­si­mo, ci au­gu­ria­mo che pos­sa fa­re a be­ne an­che a Mi­la­no se do­ves­se gio­ca­re a de­stra.

I com­pli­men­ti «Di Francesco è bra­vo e ha ca­ri­sma, le sue pa­ro­le mi ren­do­no or­go­glio­so»

La Na­zio­na­le per me è un tra­guar­do, se do­ves­si an­da­re al mon­dia­le in Russia sa­reb­be la rea­liz­za­zio­ne di un so­gno. Pri­ma pe­rò de­vo fa­re be­ne con la Ro­ma».

No­ti­zie dai (tan­ti) in­for­tu­na­ti: la­vo­ro in­di­vi­dua­le sul cam­po per Emer­son Pal­mie­ri, Nu­ra, Lu­ca Pel­le­gri­ni e Kar­sdorp, men­tre Schick e Pe­rot­ti si so­no al­le­na­ti in pa­le­stra. Sol­tan­to te­ra­pie per De­frel. Ra­d­ja Naing­go­lan, in­fi­ne, è ri­ma­sto di nuo­vo fuo­ri dal­le con­vo­ca­zio­ni del c.t. del Bel­gio, Mar­ti­nez.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.