La ri­vo­lu­zio­na­ria Gi­sel­le di Ma­si­lo

Corriere della Sera (Roma) - - TEMPO LIBERO - di Fran­co Cor­del­li

In que­sto straor­di­na­rio pez­zo di tea­tro, Gi­sel­le di Da­da Ma­si­lo (in sce­na all’Olim­pi­co fi­no a do­me­ni­ca), ciò che chia­mia­mo co­reo­gra­fia è an­co­ra ta­le? non è pu­ra scrit­tu­ra sce­ni­ca? Una ter­mi­no­lo­gia che si usa­va per il tea­tro di avan­guar­dia ma che ri­guar­da­va l’idea stes­sa di re­gia, oc­cu­pa or­mai l’in­te­ro spa­zio tea­tra­le. Cos’è più ri­vo­lu­zio­na­rio, ov­ve­ro più nuo­vo, che la dan­za­tri­ce su­da­fri­ca­na ab­bia mu­ta­to il fi­na­le del bal­let­to con­se­gna­to al­la sto­ria (Gi­sel­le non per­do­na Al­bre­cht, l’uo­mo che l’ha in­gan­na­ta) o la for­ma in cui tut­to ciò av­vie­ne? Nel con­te­nu­to, chia­mia­mo­lo co­sì, è evi­den­te la po­ten­za del­la ri­ven­di­ca­zio­ne fem­mi­ni­le/fem­mi­ni­sta al­me­no quan­to lo è la vo­lon­tà di non di­vi­de­re il cam­po (non so­lo le don­ne muo­io­no per in­gan­ni d’amo­re, ne muo­io­no an­che gli uo­mi­ni). Il ro­ve­scia­men­to del­la tra­di­zio­ne è dun­que du­pli­ce. Ma a me pa­re che la ir­re­si­sti­bi­le for­za del te­sto, os­sia dell’ope­ra di Da­da Ma­si­lo, sia in tre ele­men­ti for­ma­li. I di­se­gni di Wil­liam Ken­trid­ge, quel pae­sag­gio la­cu­stre e quei ba­glio­ri di co­lo­re su scher­mo ne­ro; la mu­si­ca di Phi­lip Mil­ler, che sfon­da la re­te di so­no­ri­tà me­lo­di­co-ro­man­ti­che con per­cus­sio­ni di na­tu­ra sem­pre di­ver­sa, tra­sci­nan­te, che col­lo­ca­no la vi­cen­da in un tem­po pri­mi­ti­vo, pas­sa­to, che pri­ma o poi do­vrà pas­sa­re; il ful­go­re dei co­stu­mi di Da­vid Hutt, ocra per i con­ta­di­ni (Gi­sel­le è una con­ta­di­na) e az­zur­ro per i ric­chi e no­bi­li (ta­le è Al­bre­cht, il prin­ci­pe sco­stu­ma­to, il se­dut­to­re). Sa­rà dif­fi­ci­le tor­na­re al tea­tro di dia­lo­go do­po aver vi­sto nel­la stes­sa set­ti­ma­na Sa­sha Wal­tz, En­zo Co­si­mi e Da­da Ma­si­lo.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.