Chi but­ta e chi pu­li­sce

Corriere della Sera (Roma) - - LETTERE -

Il dot­tor Bi­na, d.g. di Ama, ri­spon­de spes­so a spro­po­si­to sui ri­fiu­ti spar­si at­tor­no a un cas­so­net­to «vuo­to». È, sì, pro­ble­ma an­che di al­cu­ni cit­ta­di­ni, non so­lo ro­ma­ni, ma un «in­ci­vi­le» non fa an­che so­lo 20 me­tri se vuo­le get­ta­re car­te o ri­fiu­ti ovun­que: se la car­ta è spar­sa at­tor­no, è per­ché qual­cu­no ha cam­mi­na­to fin lì, ha cer­ca­to di de­por­la nel cas­so­net­to stra­pie­no e for­se è poi ca­du­ta o co­mun­que, non riu­scen­do, l’ha ab­ban­do­na­ta; poi è pas­sa­to il mez­zo Ama che ha vuo­ta­to il cas­so­net­to e non si è cu­ra­ta di pu­li­re ac­can­to. La squa­dra ad­det­ta pas­se­rà mol­to do­po e non sem­pre, ar­ma­ta di ra­maz­ze del tem­po del­le stre­ghe! O an­che mol­ti (in ge­ne­re Rom con vec­chie car­roz­zi­ne da bam­bi­ni) fru­ga­no nei cas­so­net­ti per cer­ca­re qual­co­sa di riu­ti­liz­za­bi­le e poi la­scia­no tut­to spar­so at­tor­no. Sa­rà mai pos­si­bi­le far ces­sa­re que­sta ri­cer­ca? Gian­fran­co Co­lom­bi

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.