«Le mie vit­to­rie aiu­ta­no le ra­gaz­ze ne­re a guar­da­re in al­to»

20 an­ni, è la più for­te gin­na­sta del­la sto­ria (uno sport do­mi­na­to da atle­te bian­che o asia­ti­che). «Ave­re mo­del­li ser­ve, ed è ser­vi­to an­che a me», spie­ga, con­vin­ta che i suoi suc­ces­si sia­no uno sti­mo­lo per le gio­va­ni afroa­me­ri­ca­ne. Di Oba­ma, Trump e raz­zis

Corriere della Sera - Sette - - Questo Non Lo Scriva Inter Vista Classica - di Viviana Maz­za

HOU­STON — «Sa­pe­re che gin­na­ste co­me me e Gab­by Dou­glas e atle­te co­me Se­re­na Wil­liams o la bal­le­ri­na Mi­sty Co­pe­land ce l’han­no fat­ta, per le ra­gaz­ze afroa­me­ri­ca­ne si­gni­fi­ca ave­re mo­del­li cui guar­da­re. Fa ca­pi­re lo­ro che pos­so­no fa­re tan­te co­se ed es­se­re tut­to ciò che vo­glio­no». Il fat­to che Oba­ma è sta­to pre­si­den­te ha cam­bia­to qual­co­sa? «Mol­te ra­gaz­ze non ve­do­no le op­por­tu­ni­tà. Da bam­bi­na tro­va­re una Bar­bie ne­ra era co­sì ra­ro che di­ven­ta­va su­bi­to la tua mi­glio­re ami­ca. Ora Gab­by ha lan­cia­to una sua Bar­bie, e so­no con­ten­ta per lei e per­ché pia­ce­rà un sac­co al­le bambine. Ave­re mo­del­li aiu­ta». E tu hai un mo­del­lo? «Fuo­ri dal­lo sport i miei ge­ni­to­ri. Nel­la gin­na­sti­ca ar­ti­sti­ca Ali­cia Sa­cra­mo­ne ( bion­da, ita­loa­me­ri­ca­na, me­da­glia d’ar­gen­to al­le Olim­pia­di 2008, ora 29en­ne in pen­sio­ne, ndr). Vo­le­vo es­se­re pro­prio co­me lei per­ché ave­va po­ten­za, gra­zia: ave­va tut­to. Non fa­ce­va le pa­ral­le­le, e an­ch’io di­ce­vo che non le avrei fat­te… ma ora le fac­cio». Si­mo­ne Bi­les è la più for­te e pre­mia­ta gin­na­sta ame­ri­ca­na – se­con­do al­cu­ni la più gran­de di tut­ti i tem­pi. Al­ta un

me­tro e 46 è un con­cen­tra­to di ve­lo­ci­tà, for­za, pre­ci­sio­ne e de­ter­mi­na­zio­ne. Con il suo dop­pio te­so con mez­zo av­vi­ta­men­to (un mo­vi­men­to che vie­ne chia­ma­to The Bi­les per­ché ini­mi­ta­bi­le) sfi­da le leg­gi del­la gra­vi­tà. Mol­ti gin­na­sti rie­sco­no ad ec­cel­le­re in una di­sci­pli­na, ma Si­mo­ne, im­bat­ti­bi­le nel cor­po li­be­ro, è straor­di­na­ria pu­re nel vol­teg­gio e al­la tra­ve. Le Olim­pia­di di Rio – con 4 me­da­glie d’oro e una di bron­zo, che si ag­giun­go­no al­le 14 dei Cam­pio­na­ti Mon­dia­li – han­no con­sa­cra­to la sua fa­ma. Ne­ra in uno sport do­mi­na­to tra­di­zio­nal­men­te da atle­te bian­che o asia­ti­che, è una ri­vo­lu­zio­na­ria, una ro­le mo­del. La in­con­tria­mo nel­la gran­de pa­le­stra che la sua fa­mi­glia ge­sti­sce a Hou­ston, in Te­xas. All’in­gres­so un pa­pà afroa­me­ri­ca­no ac­com­pa­gna due bim­be di tre e quat­tro an­ni in bo­dy, pron­te a emu­la­re la lo­ro eroina. Ma a vent’an­ni Si­mo­ne sa che la gin­na­sti­ca ar­ti­sti­ca non è un “pae­se per vec­chi”: co­sì, men­tre co­min­cia ad al­le­nar­si per le pros­si­me Olim­pia­di, a To­kyo nel 2020, ci rac­con­ta che sta già pen­san­do a co­sa fa­re da gran­de. Quan­to ti al­le­ni? «34 ore a set­ti­ma­na: sei al gior­no, quat­tro di sa­ba­to. Do­me­ni­ca li­be­ra: an­dia­mo in chie­sa e ce­nia­mo in fa­mi­glia». Qual è il se­gre­to del “Bi­les”? «Per me non è co­sì paz­ze­sco, per­ché sen­to sem­pre di ave­re il com­ple­to con­trol­lo in aria. Ho sem­pre avu­to un sen­so dell’aria, sin da bam­bi­na, ma ne­gli an­ni im­pa­ri an­che co­me cor­reg­ger­ti. Il mio mot­to è: pun­ta al 100% ne­gli al­le­na­men­ti, an­che se pen­si che stai per ca­de­re. Co­sì in ga­ra sa­prai co­me ge­sti­re l’er­ro­re an­zi­ché per­de­re la te­sta». A farti da ge­ni­to­ri so­no sta­ti tuo non­no Ron e sua mo­glie Nel­lie. Ti han­no adot­ta­ta a tre an­ni in­sie­me a tua so­rel­la e vi han­no cre­sciu­te con i lo­ro due fi­gli per­ché tua ma­dre Shan­non ave­va pro­ble­mi di al­col e dro­ga, co­me an­che tuo pa­dre. Qual­cu­no di­ce che sai ca­de­re in pie­di co­me gin­na­sta per­ché hai do­vu­to im­pa­ra­re a far­lo nel­la vi­ta. «In real­tà io non sen­to di aver avu­to un’in­fan­zia dif­fi­ci­le, per­ché i miei non­ni era­no lì per noi ed ero co­sì pic­co­la, non mi ri­cor­do mol­to». Ne­gli ul­ti­mi an­ni Shan­non ha det­to che non fa più uso di dro­ghe e che ti vuo­le be­ne. Vi sen­ti­te spes­so? «So­lo per i com­plean­ni, Pa­squa, Na­ta­le. Quand’ero pic­co­la ave­va pro­ble­mi, co­sì i miei ge­ni­to­ri ( i non­ni, ndr) non vo­le­va­no che noi bambine fos­si­mo espo­ste a quel­la si­tua­zio­ne. Ora che sia­mo cre­sciu­te, ab­bia­mo mes­so dei pa­let­ti. E sic­co­me di per­so­na non la ve­do da tem­po, non sa­prei di che par­la­re». Una vol­ta Nel­lie ha in­vi­ta­to Shan­non a una com­pe­ti­zio­ne, e tu sei ca­du­ta. «Vo­le­va ve­der­mi ga­reg­gia­re, non pen­sa­vo che sa­reb­be sta­to un pro­ble­ma, ma poi c’era­no an­che al­tri fa­mi­lia­ri, tut­ti vo­le­va­no pas­sa­re del tem­po in­sie­me: era dif­fi­ci­le con­cen­trar­si. Pe­rò non da­rei ne­ces­sa­ria­men­te la col­pa a lo­ro. So­no ca­du­ta per­ché suc­ce­de. Ma quan­to ho pian­to do­po!» Que­st’esta­te in Ame­ri­ca una ra­gaz­za è sta­ta uc­ci­sa a una ma­ni­fe­sta­zio­ne di su­pre­ma­ti­sti bian­chi, poi Trump ha co­min­cia­to ad at­tac­ca­re gli atle­ti afroa­me­ri­ca­ni che si so­no in­gi­noc­chia­ti per pro­te­sta du­ran­te l’in­no na­zio­na­le. Que­ste co­se in­fluen­za­no il mo­do in cui ve­di il tuo Pae­se? «Sì, ma non ne pos­so par­la­re». Per­ché qua­lun­que co­sa di­ci di­ven­te­reb­be un ca­so? «Sì». Me­glio non far­si coin­vol­ge­re? «Noi gin­na­ste vi­via­mo nel­la no­stra bol­la, ho pas­sa­to tut­ta la mia vi­ta in pa­le­stra, an­che se quan­do cre­sci co­min­ci a no­ta­re di più le co­se». Ma an­che den­tro la “bol­la” esi­ste il raz­zi­smo. Nel 2013, l’ita­lia­na Car­lot­ta Fer­li­to, ar­ri­va­ta quin­ta al­la tra­ve ai Mon­dia­li di An­ver­sa (tu ave­vi vin­to il bron­zo), dis­se: «La pros­si­ma vol­ta ci di­pin­ge­re­mo la pel­le di ne­ro co­sì da po­ter vin­ce­re an­che noi». «Cre­do che fos­se tri­ste, di­spia­ciu­ta e le emo­zio­ni han­no sca­te­na­to quel che ha det­to. Non avreb­be do­vu­to, ma è an­da­ta co­sì. Al­la fi­ne pe­rò si è scu­sa­ta». Poi il por­ta­vo­ce del­la Fe­de­ra­zio­ne ita­lia­na in­fiam­mò di nuo­vo la po­le­mi­ca di­cen­do che il nuo­vo co­di­ce dei

«Il mio mot­to è: pun­ta al 100 per cen­to in al­le­na­men­to an­che se pen­si di ca­de­re. In ga­ra non per­de­rai la te­sta e ge­sti­rai l’er­ro­re»

pun­teg­gi aiu­ta le per­so­ne di co­lo­re, più for­ti e mu­sco­lo­se, pe­na­liz­zan­do il più ar­ti­sti­co sti­le est-eu­ro­peo». «Ho la sen­sa­zio­ne che tut­ti ab­bia­no la lo­ro idea di ciò che la gin­na­sti­ca ar­ti­sti­ca do­vreb­be es­se­re. La par­te ar­ti­sti­ca del no­stro sport è sog­get­ti­va, ed è per que­sto che puoi sce­glie­re eser­ci­zi adat­ti al tuo cor­po. Io non so­no cer­to una bal­le­ri­na: mi ave­te vi­sta, so­no mu­sco­lo­sa. Per­ché do­vrei esi­bir­mi in mo­vi­men­ti da dan­za classica, men­tre pos­so fa­re quel che il mio cor­po sa fa­re? Ne­gli an­ni la po- ten­za è di­ven­ta­ta più im­por­tan­te, an­che per­ché è cam­bia­to il co­di­ce. Ora tut­ti pos­so­no usar­lo a pro­prio van­tag­gio». Ti ca­pi­ta di es­se­re in­sul­ta­ta sui so­cial per il tuo aspet­to? «Nel­la cor­sa, nel nuo­to, nel­la gin­na­sti­ca, nel­la pal­la­vo­lo, in­dos­sia­mo uni­for­mi stri­min­zi­te, per­ciò è fa­ci­le pren­der­ci di mi­ra. Pe­rò più ci so­no ce­le­bri­tà di­ver­se dal­la ti­pi­ca mo­del­la su­per­ma­gra, più i gio­va­ni ca­pi­sco­no che ogni ti­po di cor­po è bel­lo e che quel che con­ta è co­sa ne fai. Se­re­na usa il suo cor­po per la po­ten­za, Beyon­cé per la bel­lez­za in sé,

«Quan­do ero pic­co­la mia ma­dre ave­va dei pro­ble­mi ( di dro­ga, ndr). Ora ci sen­tia­mo al te­le­fo­no per le fe­ste»

ed en­tram­be so­no del­le ico­ne». E tu co­me usi il tuo cor­po? «Più per la po­ten­za, co­me Se­re­na. Ma a vol­te pos­so es­se­re ag­gra­zia­ta, cre­do» (sor­ri­de). Ri­spon­di agli at­tac­chi o ci re­sti ma­le co­me è ca­pi­ta­to a Gab­by quan­do è sta­ta cri­ti­ca­ta per non aver mes­so la ma­no sul pet­to du­ran­te l’in­no na­zio­na­le? «Per la mag­gior par­te li igno­ro. Di­co­no quel­le co­se per­ché pos­so­no na­scon­der­si die­tro il com­pu­ter o il te­le­fo­no, vo­glio­no so­lo at­ten­zio­ne. A vol­te ri­spon­do, sen­za scen­de­re al lo­ro li­vel­lo. Quan­do mi han­no scrit­to che non so­no un buon mo­del­lo per le ra­gaz­ze per­ché ero an­da­ta in va­can­za con la fa­mi­glia al­le Ha­waii, mi ri­bol­li­va il san­gue. Ci ve­do­no sem­pre in pa­le­stra e pen­sa­no che il no­stro uni­co com­pi­to sia di in­trat­te­ne­re la gen­te, ma sia­mo an­che del­le per­so­ne nor­ma­li!» Vo­le­vi an­da­re all’uni­ver­si­tà, ma di­ven­tan­do pro­fes­sio­ni­sta non l’hai po­tu­to fa­re. Ti man­ca quell’espe­rien­za? «È un po’ du­ra guar­da­re gli al­tri an­da­re al col­le­ge: vi­ve­re in dor­mi­to­rio è la fa­se più divertente di tut­te. Sen­to che sto per­den­do que­ste espe­rien­ze, ma pos­so sem­pre

«Mi al­le­no sei ore al gior­no, quat­tro al sa­ba­to. Al­la do­me­ni­ca an­dia­mo in chie­sa e ce­nia­mo in fa­mi­glia»

re­cu­pe­rar­le, men­tre le co­se che sto fa­cen­do non po­trò ri­pe­ter­le mai più». Do­po To­kyo an­drai all’uni­ver­si­tà? «Pro­ba­bil­men­te. Mia ma­dre vuo­le che co­min­ci già a fa­re dei cor­si on­li­ne. Ve­dia­mo se rie­sco a bi­lan­ciar­li con gli al­le­na­men­ti». Sei sot­to i ri­flet­to­ri sin da pic­co­lis­si­ma. A vol­te vor­re­sti… «Fug­gi­re? A vol­te sì…ed è a que­sto che ser­vo­no le va­can­ze… e dormire: so­lo quan­do dor­mi puoi fug­gi­re dal mon­do, spe­gne­re tut­ti i pen­sie­ri e le emo­zio­ni. È che nes­su­no ti può in­se­gna­re a ge­sti­re la fa­ma. Tut­ti san­no chi sei e han­no aspet­ta­ti­ve su di te pri­ma che tu pos­sa for­mu­lar­le per te stes­sa. Cor­ro­no da te, ti ab­brac­cia­no, si com­por­ta­no co­me se ti co­no­sces­se­ro per­ché ti han­no vi­sta dap­per­tut­to. Tu non hai mo­do di iden­ti­fi­car­ti con lo­ro men­tre lo­ro pos­so­no iden­ti­fi­car­si con te». Pe­rò la fa­ma dà del­le op­por­tu­ni­tà…hai in­con­tra­to Zac Efron. «Sì (ri­de), al­le Olim­pia­di, pen­sa­vo di sve­ni­re! È sta­to co­sì ca­ri­no…». Il tuo fi­dan­za­to sa­rà sta­to ge­lo­so. «Nien­te fi­dan­za­to, quin­di tut­to be­ne (ri­de)». Sei sta­ta an­che a Bal­lan­do con le stel­le. «Ado­ro bal­la­re, ma non è una co­sa in cui mi sen­ti­vo si­cu­ra. Non ave­vo mai bal­la­to sui tac­chi, ed era la pri­ma pri­ma vol­ta con un ra­gaz­zo». Co­me ti ve­di tra vent’an­ni? «A 40 spe­ro di ave­re dei fi­gli e un ma­ri­to e ov­via­men­te di la­vo­ra­re». Che la­vo­ro? «Qual­co­sa le­ga­to al bu­si­ness del­lo sport». Ti­po ge­sti­re la pa­le­stra? «No, no…». Per­ché no? «Avrò sem­pre la gin­na­sti­ca cui tor­na­re, ma vo­glio pro­va­re al­tre co­se». Al­lo­ra l’av­vo­ca­to? «Mhmm, in ef­fet­ti so­no bra­va a li­ti­ga­re». Hai le idee piut­to­sto chia­re. «Sì, per­ché nel­la gin­na­sti­ca im­pa­ri a sta­bi­li­re de­gli obiet­ti­vi sin da pic­co­la. Sia­mo au­to-mo­ti­va­te, am­bi­zio­se e sap­pia­mo sem­pre quel che vo­glia­mo».

STU­DI ON­LI­NE Si­mo­ne Bi­les ri­ce­ve il premio Kids’ Choi­ce Sports Awards 2017, a Los An­ge­les. «Do­po i Gio­chi di To­kyo del 2020», di­ce, «an­drò all’uni­ver­si­tà. In­tan­to po­trei co­min­cia­re a se­gui­re cor­si on­li­ne»

EQUI­LI­BRIO VO­LAN­TE Un vol­teg­gio du­ran­te l’eser­ci­zio al­la tra­ve, a Rio de Ja­nei­ro. A de­stra, a sei an­ni, con la so­rel­la Adria

. VMAZZA@RCS IT

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.