«Le mie vit­to­rie aiu­ta­no le ra­gaz­ze ne­re a guar­da­re in al­to»

20 an­ni, è la più for­te gin­na­sta del­la sto­ria (uno sport do­mi­na­to da atle­te bian­che o asia­ti­che). «Ave­re mo­del­li ser­ve, ed è ser­vi­to an­che a me», spie­ga, con­vin­ta che i suoi suc­ces­si sia­no uno sti­mo­lo per le gio­va­ni afroa­me­ri­ca­ne. Di Oba­ma, Trump e raz­zis

Corriere della Sera - Sette - - Questo Non Lo Scriva Inter Vista Classica - di Viviana Maz­za

La can­tau­tri­ce, giu­di­ce di X-Fac­tor, an­dan­do su e giù per sca­le mo­bi­li a Mi­la­no, ri­cor­da gli esor­di («Il pri­mo di­sco l'ho pa­ga­to fa­cen­do caf­fè al bar») e le fol­lie ai con­cer­ti Ska. Tie­ne al suo im­pe­gno: «Can­to con­tro la vio­len­za sul­le don­ne. Il ma­schi­li­smo è un'epi­de­mia pla­ne­ta­ria». E dei sel­fie rac­con­ta: «Me ne han­no chie­sto uno men­tre sta­vo pian­gen­do»

L’AR­MA­TA DI FAN A CAC­CIA DI “SEL­FIE” NON LE DÀ TREGUA. Ogni die­ci pas­si la ri­chie­sta di un clic. Quan­do le chie­do do­ve tro­vi la pa­zien­za per ac­con­ten­ta­re tut­ti, sor­ri­de: «Una vol­ta han­no dav­ve­ro esa­ge­ra­to. Ero in sta­zio­ne e sta­vo pian­gen­do. Sin­ghioz­za­vo di­spe­ra­ta al te­le­fo­no. Due ra­gaz­zi si so­no av­vi­ci­na­ti. Nel mo­men­to in cui han­no ca­pi­to che il lo­ro tre­no sta­va per par­ti­re han­no get­ta­to il pu­do­re al­le or­ti­che e, mal­gra­do le la­cri­me, mi han­no chie­sto co­mun­que la fo­to. Ma co­me si fa?». Dop­pio Bi­na­rio con Claudia La­go­na, trent’an­ni, no­ta ai più co­me Le­van­te, can­tau­tri­ce e nuo­va giu­di­ce dell’un­di­ce­si­ma edi­zio­ne di X-Fac­tor. Dei quat­tro è quel­la po­sa­ta: sfu­ria­te ri­dot­te all’os­so e giu­di­zi po­co tran­chant. Rac­con­ta: «Quan­do so­no lì non rie­sco a non pen­sa­re al so­gno gi­gan­te dei con­cor­ren­ti. Ho spes­so gli oc­chi lu­ci­di». Cam­mi­nia­mo per le stra­de del­la Mi­la­no fa­shion tra bar e sca­le mo­bi­li, zig­za­gan­do tra grup­pi di fan spu­do­ra­ti. Di­ce: «Ca­pi­ta­no an­che am­mi­ra­to­ri ina­spet­ta­ti. Qual­che gior­no fa Alex Del Piero mi ha chie­sto di fa­re una fo­to in­sie­me. Ho una fa­mi­glia ju­ven­ti­na, so­no sod­di­sfa­zio­ni!». Mi­ma un’esul­tan­za da gol. Le­van­te ha una croce ta­tua­ta su un pol­so e la scrit­ta «Ab­bi cu­ra di te» sull’al­tro. Ab­bi cu­ra di te è il ti­to­lo del­la can­zo­ne che can­ta a cap­pel­la al­la fi­ne di ogni con­cer­to. Par­la svel­to con ca­den­za nor­di­ca. È na­ta nel Ca­ta­ne­se e ha vis­su­to gli ul­ti­mi quin­di­ci an­ni in Pie­mon­te. Apre qual­che vo­ca­le, ma in due

ore di con­ver­sa­zio­ne sfog­gia un’uni­ca espres­sio­ne me­ri­dio­na­le: fac­ciuz­za. Di­ce: «Par­lo si­ci­lia­no so­lo con mia non­na Ro­sa­lia». An­che una del­le sue so­rel­le si chia­ma Ro­sa­lia e San­ta Ro­sa­lia è il ti­to­lo di uno dei pez­zi più pro­vo­ca­to­ri del­la can­tau­tri­ce. Spie­ga: «Ro­sa e Lia so­no due fio­ri fem­mi­ne che si ama­no. Ho im­ma­gi­na­to di spie­ga­re a un bam­bi­no l’omo­ses­sua­li­tà par­ten­do da que­sta im­ma­gi­ne. E poi dal­le mie par­ti si di­ce che San­ta Ro­sa­lia amas­se una don­na e che, co­stret­ta dal pa­dre a un ma­tri­mo­nio di con­ve­nien­za, scap­pò in una grot­ta» Le fac­cio no­ta­re che l’im­ma­gi­ne di San­ta Ro­sa­lia mar­ti­re dell’omo­ses­sua­li­tà po­treb­be ri­sul­ta­re un po’ bla­sfe­ma. Non sem­bra mol­to pre­oc­cu­pa­ta: «Cre­do nel li­be­ro amo­re che non fa ma­le a nes­su­no». La con­ver­sa­zio­ne sci­vo­la sull’amo­re/non amo­re che fa ma­le e sul­le vio­len­ze su­bì­te dal­le don­ne. Le­van­te: «Il bra­no Ge­sù Cri­sto so­no io, par­la di que­ste vio­len­ze. Non vo­glio ge­ne­ra­liz­za­re e par­la­re ma­le di tut­ti gli uo­mi­ni. Io per esem­pio so­no sta­ta for­tu­na­ta. Ma il ma­schi­li­smo sem­bra es­se­re un’epi­de­mia pla­ne­ta­ria». La in­for­mo del fat­to che i ma­gi­stra­ti han­no ar­chi­via­to le ac­cu­se con­tro i de­mo­li­to­ri di Ti­zia­na Can­to­ne, la ra­gaz­za che si è uc­ci­sa in se­gui­to al­la pub­bli­ca­zio­ne di un vi­deo che la ri­trae­va du­ran­te un at­to ses­sua­le. La can­tau­tri­ce re­sta ba­si­ta: «È as­sur­do che una ra­gaz­za si tol­ga la vi­ta a cau­sa di un pom­pi­no. Non ha ret­to l’in­fa­ma­ta dei suoi pre­sun­ti ami­ci. A chi la sfot­te­va avreb­be do­vu­to re­pli­ca­re: “L’ho fat­to. E quin­di?”. Tut­ta que­sta de­mo­cra­zia sui so­cial net­work con an­nes­sa li­ber­tà di in­sul­to fa un po’ pau­ra. Ogni tan­to vie­ne fuo­ri una vio­len­za di­su­ma­na e la ten­ta­zio­ne è di uscir­ne». Sei mai sta­ta ag­gre­di­ta ver­bal­men­te on­li­ne? «Sì, pur­trop­po mol­to spes­so da don­ne. Nel­la copertina dell’ul­ti­mo di­sco in­dos­so una cu­lot­te. E co­sì mi han­no scrit­to che mer­ci­fi­co il mio cor­po per qual­che li­ke in più! Quan­do can­ta­vo “… che vi­ta di mer­da”, mi han­no gri­da­to die­tro “Sfi­ga­ta! La vi­ta di mer­da sa­rà la tua”. Sar­ca­smo e iro­nia ven­go­no frain­te­si». Suc­ce­de spes­so? «Sì. C’è una can­zo­ne in­ti­to­la­ta Non me ne fre­ga nien­te… ». Il te­sto sem­bra un in­no che in­vi­ta tut­ti a im­pe­gnar­si… «E in­ve­ce c’è chi mi ha da­to del­la me­ne­fre­ghi­sta. Ma io che ci pos­so fa­re? Chi leg­ge i miei te­sti fi­no in fon­do non

può sba­gliar­si. Ep­pu­re ca­pi­ta an­che a quel­li che co­no­sco­no il mio per­cor­so: dal can­tau­to­ra­to al pop». Dal can­tau­to­ra­to a X-Fac­tor. «Mi han­no già det­to che è sta­ta una scel­ta con­trad­dit­to­ria. Ri­spon­do: sto dan­do al­le sto­rie che rac­con­to una pos­si­bi­li­tà in più di ar­ri­va­re a tut­ti». Ci sa­rà an­che un lau­to com­pen­so. «Lau­to? Le co­se non van­no co­me po­treb­be sem­bra­re». Ti la­men­ti? «Naaaa. Scher­zo. Ehi voi di X-Fac­tor, se mi con­fer­ma­te il pros­si­mo an­no vo­glio un sac­co di mi­la eu­ro». È ve­ro che nel 2010 sta­vi per par­te­ci­pa­re al­la tra­smis­sio­ne co­me con­cor­ren­te? «Il mio agen­te mi ave­va iscrit­to ai provini. Ven­ni con­tat­ta­ta dal­la re­da­zio­ne di X-Fac­tor ma non mi pre­sen­tai. Par­tii per Leeds». Hai vis­su­to mol­to in In­ghil­ter­ra? «No, so­lo due me­si. Dor­mi­vo in un ba­gno, but­ta­ta su un ma­te­ras­si­no. Per an­ni mi so­no fat­ta le os­sa sui pal­chi e mi so­no sbuc­cia­ta per be­ne le gi­noc­chia. Cre­do che sia im­por­tan­te per un’ar­ti­sta. Do­po­di­ché a mol­ti ami­ci

AL­LA MO­DA Le­van­te è ap­prez­za­ta per il suo sti­le. Ma rac­con­ta di es­se­re sta­ta ag­gre­di­ta on­li­ne dal­le ra­gaz­ze per la copertina dell’ul­ti­mo al­bum

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.