Ma­nua­le di con­ver­sa­zio­ne

Ri­sul­ta­ti pri­ma gior­na­ta cam­pio­na­to del­le li­bre­rie Ca­val­lot­to Ca­ta­nia bat­te Fel­tri­nel­li Pa­do­va 1 a 0

Corriere della Sera - Sette - - Passa Parola -

IL LET­TO­RE MAR­CO MON­TA­GNA si sen­tì di­re al­la Fel­tri­nel­li di Pa­do­va che Il ma­le oscu­ro era in­tro­va­bi­le. La let­tri­ce Di­na Poz­zi si è of­fer­ta di re­ga­lar­gli la co­pia in più che pos­sie­de. Nel frat­tem­po Mon­ta­gna ha tro­va­to il ro­man­zo di Ber­to (edi­zio­ni Ne­ri Poz­za) al­la li­bre­ria Ca­val­lot­to di Ca­ta­nia. Ora scri­ve: «Ci te­ne­vo a leg­ge­re que­sto ro­man­zo, me­mo­re dei suoi con­si­gli (in par­ti­co­la­re Pa­tri­mo­nio di Ro­th e La ver­sio

ne di Bar­ney di Ri­chler). Ho fa­ti­ca­to un po’, all’ini­zio, per abi­tuar­mi al pe­rio­da­re di Ber­to, lun­go e sen­za re­go­la­re pun­teg­gia­tu­ra. Poi ho su­pe­ra­to ogni dif­fi­col­tà tan­to che ades­so, a po­che pa­gi­ne dal­la fi­ne, la scrit­tu­ra di que­sto in­ten­so mo­no­lo­go mi ri­sul­ta ar­mo­ni­ca, fluen­te. For­se mi ha aiu­ta­to an­che la so­mi­glian­za di mio pa­dre con il ge­ni­to­re del pro­ta­go­ni­sta, per non par­la­re di tut­ti i sen­si di col­pa e le pau­re che im­prov­vi­sa­men­te si so­no di­sve­la­ti es­se­re pro­prio i miei. La rin­gra­zio per aver­mi fat­to leg­ge­re un al­tro in­di­men­ti­ca­bi­le li­bro per la vi­ta. Gra­zie an­che al­la si­gno­ra Di­na Poz­zi».

Pa­tri­mo­nio, Bar­ney e Ma­le oscu­ro si so­mi­glia­no. Tan­to.

GLI PIAC­CIO­NO LE con­ta­mi­na­zio­ni a Gui­do Car­ret­ta che scri­ve: «A pro­po­si­to del Ma­le oscu­ro ri­cor­do (qual­cun al­tro la ri­cor­da?) una pia­ce­vo­le, divertente e orec­chia­bi­le rilettura mu­si­ca­le in chia­ve swing che l’in­di­men­ti­ca­bi­le Le­lio Lut­taz­zi fe­ce di que­sto ro­man­zo: “Il ma­le oscu­ro che fa pic­chia­re la te­sta con­tro il mu­ro...”». Era­no ami­ci Ber­to e Lut­taz­zi.

NEL SONDAGGIO IN COR­SO sul più bel ro­man­zo del­la se­con­da par­te del No­ve­cen­to ita­lia­no, Sil­va­no Cal­zi­ni pro­po­ne la sua cin­qui­na: « Il ma­le oscu­ro di Ber­to, un li­bro che tra­va­li­ca i no­stri con­fi­ni e guar­da Joy­ce ne­gli oc­chi da pa­ri a pa­ri, La vi­ta agra di Bian­ciar­di, La noia di Mo­ra­via, Un amo­re di Buz­za­ti, che nel cuor mi sta per ra­gio­ni mie che non sto qui a spie­ga­re e Il se­gre­to di Ano­ni­mo trie­sti­no. P.S. So­no un mi­la­ni­sta, ma mi è di­spia­ciu­to per la mor­te di Ber­sel­li­ni e tra­mi­te lei gli chie­do scu­sa per quel ge­sto che gli ho ri­vol­to quan­do De Vec­chi se­gnò il gol del 2 a 2 in quell’in­di­men­ti­ca­bi­le derby del 18 mar­zo 1979». Il Mi­lan pa­reg­giò a un mi­nu­to dal­la fi­ne e Bep­pe Vio­la pen­sò a un mi­ra­co­lo di Roc­co, mor­to ven­ti­sei gior­ni pri­ma. (ad’o)

Eu­ge­nio Ber­sel­li­ni, al­le­na­to­re dell’In­ter det­to il Ser­gen­te di fer­ro

Le­lio Lut­taz­zi che mi­se in mu­si­ca Il ma­le oscu­ro di Giu­sep­pe Ber­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.