CRI­TI­CO ROTANTE

Corriere della Sera - Sette - - Numero - Di Fe­de­ri­co Cel­la

So­no un mi­la­ne­se ti­pi­co, ado­ro il su­shi di Mi­no­ru

SO­NO UN MI­LA­NE­SE per mol­ti ver­si as­sai ti­pi­co. Tra le ti­pi­ci­tà c’è il de­si­de­rio co­stan­te di nu­trir­mi di ci­bo giap­po­ne­se, o me­glio di su­shi. Che ri­spet­to al­la va­sta cul­tu­ra cu­li­na­ria del Giap­po­ne è in real­tà so­lo una per­cen­tua­le mi­ni­ma, che a Mi­la­no di­ven­ta pe­rò un ple­bi­sci­to con­so­li­da­to in mo­da cit­ta­di­na. Sia­mo ar­ri­va­ti al pun­to che abi­to in una del­le cit­tà al mon­do con il mag­gior nu­me­ro di lo­ca­li del Sol Le­van­te: 400 e pas­sa quel­li cen­si­ti. An­che se poi a sca­va­re si trat­ta spes­so di ci­ne­si: tan­to per il mi­la­ne­se (in que­sto ca­so im­brut­ti­to) le dif­fe­ren­ze so­ma­ti­che, di lin­gua e di gu­sto ri­sul­ta­no in­di­stin­gui­bi­li. I giap­po­ne­si va­li­di (cen­si­ti dal­la Airg, l’As­so­cia­zio­ne Ita­lia­na dei Ri­sto­ra­to­ri Giap­po­ne­si) non so­no più di 30. In ogni ca­so, tut­ti i mi­la­ne­si si di­pin­go­no gran­di esper­ti di ton­no cru­do, e ti spie­ga­no la dif­fe­ren­za tra ka­tsuo, ma­gu­ro e toro co­me se fos­se una ma­te­ria cur­ri­cu­la­re del­le scuo­le del­la cit­tà. Da par­te mia, an­che qui co­me ogni buon mi­la­ne­se fa­reb­be, cer­che­rò di con­vin­cer­vi – con que­sto ar­ti­co­lo – che na­tu­ral­men­te la mia pas­sio­ne è na­ta pri­ma che il wa­sa­bi di­ven­tas­se una mo­da. Una mo­da che an­zi ho pre­cor­so e na­tu­ral­men­te con­tri­bui­to a dif­fon­de­re. Ec­co dun­que po­che ri­ghe emo­zio­na­te sul mio rap­por­to con Po­po­roya e “su­shi-Shi­ro”, quel si­gno­re – che in real­tà si chia­ma Mi­no­ru Hi­ra­za­wa – che quan­do en­tri ed esci dal mi­nu­sco­lo lo­ca­le in via Eu­sta­chi ti sa­lu­ta con l’in­con­fon­di­bi­le: «Ciao neeh», un mi­sto giap­po­me­ne­ghi­no im­pos­si­bi­le da ren­de­re per scrit­to. Il lo­ca­le, na­to co­me ne­go­zio di ali­men­ta­ri giap­po­ne­se, que­st’an­no fe­steg­gia i 40 an­ni di vi­ta.

NEL 1984 ESORDIVA co­me ri­sto­ran­te di su­shi, con 20 an­ni buo­ni di an­ti­ci­po su tut­to ciò che di mo­da­io­lo ne è se­gui­to (an­che su Shi­ro Po­po­roya, la re­cen­te ema­na­zio­ne per mas­se del ri­sto­ran­te ori­gi­na­le). Il mio di esor­dio sui ta­vo­li di le­gno di Shi­ro – 10 po­sti a se­de­re al mas­si­mo – è av­ve­nu­to po­co do­po, a ini­zio an­ni No­van­ta: abi­ta­vo in zo­na, e il mio ami­co Ales­sio non con­ce­pi­va ce­na fuo­ri che non fos­se da Shi­ro. E co­sì in te­ne­ra età so­no sta­to edu­ca­to al su­shi e al sa­shi­mi, al chi­ra­shi e ai te­ma­ki. Pu­ri, sen­za om­bra di fu­sion o di con­ta­mi­na­zio­ni bra­si­lia­ne. È il mio ri­fu­gio per il pa­la­to, una sor­ta di com­fort food.

CON­FLIT­TO D’IN­TE­RES­SE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.