SE FOS­SI L’IM­PE­RA­TRI­CE DEL MON­DO

( e an­zi­ché cl ona­re l e pe­co­re, t r ovi amo i l mo­do di pro­dur­re ci bo per t ut t i )

Corriere della Sera - Sette - - Nurmero - uto­pie fe­del­men­te tra­scrit­te da Ire­ne Soa­ve

An­na Ma­ria Bar­be­ra: «A scuo­la ar­ri­va l’ora di me­di­ta­zio­ne»

HO UN GRAN­DE SEN­SO di re­spon­sa­bi­li­tà, e que­sto man­da­to im­pe­ria­le l’ho pre­so mol­to sul se­rio. Co­me una pre­si­de, il mio po­po­lo, più che go­ver­nar­lo, vo­glio edu­car­lo. Dun­que im­por­rò un mo­men­to di spi­ri­tua­li­tà al mat­ti­no, per rin­gra­zia­re la lu­ce del suo ar­ri­vo, e una pre­ghie­ra del­la se­ra, per ac­co­glie­re la not­te. Con la Na­tu­ra avrem­mo un rap­por­to di gra­ti­tu­di­ne e ado­ra­zio­ne: è un ri­tor­no al pas­sa­to, d’ac­cor­do, ma dob­bia­mo bi­lan­cia­re de­cen­ni, se­co­li di pre­po­ten­za nei suoi ri­guar­di. E quin­di in­se­ri­rò nel per­cor­so di stu­di la bo­ta­ni­ca, l’equi­ta­zio­ne, l’astro­no­mia. A scuo­la in­tro­du­co l’ora di me­di­ta­zio­ne, in cui al­ter­nia­mo fi­lo­so­fia bud­di­sta e in­se­gna­men­ti del Van­ge­lo. In que­sto mo­do si evi­ta­no le guer­re in no­me del­la re­li­gio­ne: sa­preb­be­ro tut­ti che Dio è amo­re e pa­ce, non san­gue. Non proi­bi­rei nien­te ai miei sud­di­ti: pre­mie­rei, in­ve­ce, chi si com­por­ta be­ne. Non in de­na­ro: lo avrei abo­li­to, e le in­te­ra­zio­ni uma­ne sa­reb­be­ro re­go­la­te da al­tri cri­te­ri co­me l’at­ti­tu­di­ne, il ta­len­to, la gio­ia. E a chi fa i la­vo­ri più umi­li lo Sta­to prov­ve­de­rà, dan­do lo­ro più di quan­to è ne­ces­sa­rio. Ci sa­rà pa­ne per tut­ti: non so­no una scien­zia­ta, ma se han­no du­pli­ca­to la pe­co­ra Dol­ly ci sa­rà un mo­do per clo­na­re, mol­ti­pli­ca­re il ci­bo e ri­sol­ve­re il pro­ble­ma del­la fa­me nel mon­do! Avrei un go­ver­no di mi­sti­ci, astro­no­mi, astro­lo­gi. E una co­rol­la di mu­se: Ein­stein, Mo­zart, Vol­tai­re, Mar­co Po­lo, van Go­gh, Mar­tin Lu­ther King, Ma­rie Cu­rie... I mi­li­ta­ri li ter­rei senz’ar­mi, so­lo per rap­pre­sen­ta­re il Re­gno e sa­lu­tar­mi nel­le pa­ra­te. E io smet­te­rei di re­ci­ta­re, ma fa­rei ogni tan­to la tra­pe­zi­sta, per po­ter vo­la­re. In­som­ma il mio re­gno sa­rà co­me una va­can­za in cam­peg­gio: po­chi lus­si, mol­ta ar­mo­nia con la Na­tu­ra, una gran­de pa­ce. Pen­sa­te all’ul­ti­ma vol­ta che sie­te sta­ti be­ne, nel­la na­tu­ra: con qua­li ric­chez­ze scam­bie­re­ste que­sta sen­sa­zio­ne?

An­na Ma­ria Bar­be­ra, 56 an­ni, è un’at­tri­ce co­mi­ca to­ri­ne­se. È di­ven­ta­ta ce­le­bre nel 2002, sul pal­co tv di Ze­lig, co­me Scon­so­la­ta. È in gi­ro per l’Ita­lia fi­no al 5 mag­gio con il suo spet­ta­co­lo Ma voi... co­me stai?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.