Il Du­ce è tor­na­to? Non se ne è mai an­da­to E Scu­ra­ti ha il me­ri­to di sma­sche­rar­ci

Corriere della Sera - Sette - - Passa Parola -

TAN­TI MI CHIE­DO­NO

(co­me si chie­de al dot­to­re: «Ho ma­le qui, che me­di­ci­na mi con­si­glia?») qual è il li­bro che me­glio rac­con­ta l’Ita­lia di og­gi. Sta­not­te, do­po aver fi­ni­to M. Il fi­glio del se­co­lo di An­to­nio Scu­ra­ti, ho tro­va­to la ri­spo­sta. Leg­ge­te que­sto «ro­man­zo do­cu­men­ta­rio», ba­sa­to cioè su fon­ti ve­re, do­ve Be­ni­to Mus­so­li­ni nar­ra in pri­ma per­so­na la fon­da­zio­ne e l’an­da­ta al po­te­re del fa­sci­smo fi­no all’as­sas­si­nio Mat­teot­ti (il de­pu­ta­to so­cia­li­sta uc­ci­so da­gli squa­dri­sti del du­ce nel 1924). Una vol­ta si sa­reb­be det­to che so­no sto­rie co­no­sciu­te. Non cre­do si pos­sa più di­re. Scu­ra­ti ha il gran­de me­ri­to di ri­da­re for­za e no­vi­tà a quel­le an­ti­che vi­cen­de gra­zie al­lo splen­di­do lin­guag­gio di cui do­ta il suo Mus­so­li­ni. An­che nel­la ve­ri­tà sto­ri­ca il dit­ta­to­re pos­se­de­va un lin­guag­gio ma­gni­fi­co, mo­ti­vo non se­con­da­rio del suo suc­ces­so. Per di­re che por­ta­ta han­no avu­to gli ef­fet­ti del­la sua elo­quen­za (e ma­gni­lo­quen­za), ba­sta pen­sa­re che tut­to­ra la mag­gio­ran­za de­gli ita­lia­ni usa la pa­ro­la “ba­gna­sciu­ga” nell’ac­ce­zio­ne er­ra­ta ado­pe­ra­ta da Mus­so­li­ni in un suo ce­le­bre slo­gan (di gu­sto e di re­to­ri­ca qua­si chur­chil­lia­ni). Il du­ce co­niò neo­lo­gi­smi e mo­di di di­re pas­sa­ti nel lin­guag­gio co­mu­ne (mi ven­go­no in men­te so­lo al­tri tre per­so­nag­gi ca­pa­ci di fa­re lo stes­so: Ga­brie­le D’An­nun­zio, Gian­ni Bre­ra e Mo­gol).

Scu­ra­ti non de­nun­cia in sti­le An­pi un ri­tor­no del fa­sci­smo ai no­stri gior­ni. Il suo ra­gio­na­men­to è più sot­ti­le e pro­fon­do (qua­si asto­ri­co più che sto­ri­co). Mus­so­li­ni non fon­dò so­lo il fa­sci­smo, fon­dò an­che gli ita­lia­ni. Quel­lo che au­spi­ca­va il mar­che­se d’Aze­glio al­la fi­ne del Ri­sor­gi­men­to («Fat­ta l’Ita­lia, bi­so­gna fa­re gli ita­lia­ni»), il du­ce lo mi­se in at­to.

LEG­GEN­DO «M»

si ha spes­so il so­spet­to che l’au­to­re ab­bia truc-

Be­ni­to Mus­so­li­ni (1883-1945) se­du­to nel suo stu­dio

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.