«Usa, re­ces­sio­ne pos­si­bi­le»

L’IN­TER­VI­STA L’eco­no­mi­sta: qui il ce­to me­dio guar­da ai cam­pio­ni dell’an­ti­po­li­ti­ca

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - di Mas­si­mo Gag­gi

L’eco­no­mi­sta li­be­ral Ro­bert Rei­ch, ex mi­ni­stro del La­vo­ro di Bill Clin­ton, sul fu­tu­ro met­te in guar­dia l’Eu­ro­pa: «Tut­ti pun­ta­no sull’ef­fet­to di trai­no dell’eco­no­mia ame­ri­ca­na» ma Rei­ch non esclu­de «che al­la fi­ne del 2016 l’eco­no­mia Usa en­tri in re­ces­sio­ne».

«Per usci­re da que­sta nuo­va cri­si tut­ti pun­ta­no sull’ef­fet­to di trai­no dell’eco­no­mia ame­ri­ca­na, quel­la che ap­pa­re più in sa­lu­te. Ma il no­stro si­ste­ma è mi­na­to da­gli squi­li­bri cre­scen­ti nel­la di­stri­bu­zio­ne del red­di­to che, al di là di tut­te le que­stio­ni di giu­sti­zia so­cia­le, in­ci­do­no in mi­su­ra si­gni­fi­ca­ti­va an­che sul­lo svi­lup­po del red­di­to na­zio­na­le. Nei pros­si­mi me­si ve­dre­mo un si­gni­fi­ca­ti­vo ral­len­ta­men­to e non esclu­do che al­la fi­ne del 2016 l’eco­no­mia ame­ri­ca­na en­tri in re­ces­sio­ne».

Ce­le­bre eco­no­mi­sta li­be­ral dell’uni­ver­si­tà di Ber­ke­ley, in Ca­li­for­nia, mi­ni­stro del La­vo­ro Usa du­ran­te la pre­si­den­za di Bill Clin­ton, Ro­bert Rei­ch per 25 an­ni ha as­se­con­da­to, con le sue ana­li­si, una cre­sci­ta ba­sa­ta sui mec­ca­ni­smi del­la glo­ba­liz­za­zio­ne e sull’au­to­ma­zio­ne dei pro­ces­si pro­dut­ti­vi, pro­po­nen­do so­lo di at­tu­ti­re l’im­pat­to di que­sta evo­lu­zio­ne na­tu­ra­le del si­ste­ma eco­no­mi­co sul mer­ca­to del la­vo­ro con re­ti di pro­te­zio­ne so­cia­le e una mi­glio­re for­ma­zio­ne pro­fes­sio­na­le. Da qual­che tem­po, pe­rò, Rei­ch si è con­vin­to, in­sie­me ad al­tri suoi col­le­ghi, che quel­la del­la po­la­riz­za­zio­ne dei red­di­ti è di­ven­ta­ta una gra­ve pa­to­lo­gia del ca­pi­ta­li­smo e ha co­min­cia­to a bat­ter­si per una sua pro­fon­da ri­for­ma.

Og­gi lei va più in là: so­stie­ne ad­di­rit­tu­ra che que­sto ti­po di ca­pi­ta­li­smo non so­lo ren­de i ric­chi an­co­ra più ric­chi e i po­ve­ri più po­ve­ri, ma ri­schia ad­di­rit­tu­ra di por­ta­re al­la re­ces­sio­ne. Per­ché?

«Con i nuo­vi pro­ble­mi che emer­go­no in Eu­ro­pa, la Ci­na che ral­len­ta bru­sca­men­te, Bra­si­le e Rus­sia in cri­si pro­fon­da, l’Ame­ri­ca non può più pun­ta­re su una cre­sci­ta ba­sa­ta sul­le espor­ta­zio­ni, tan­to più che il dol­la­ro si è raf­for­za­to in mo­do so­stan­zia­le. Lo svi­lup­po do­vreb­be es­se­re so­ste­nu­to dal­la do­man­da in­ter­na che per il 70 per cen­to è co­sti­tui­ta, co­me lei sa be­ne, dal­la do­man­da dei con­su­ma­to­ri, cioè del­le fa­mi­glie. Ma i con­su­ma­to­ri nel 2016 non avran­no ab­ba­stan­za red­di­to di­spo­ni­bi­le per una cre­sci­ta a pie­no re­gi­me: il mo­to­re gi­re­rà a due ci­lin­dri, e que­sto per col­pa dell’au­men­to del­le di­se­gua­glian­ze. Guar­di i dati: il red­di­to me­dio de­gli ame­ri­ca­ni, cor­ret­to al net­to dell’in­fla­zio­ne, è in­fe­rio­re del 4 per cen­to ai li­vel­li del 2000. Ca­la mol­to an­che la re­tri­bu­zio­ne me­dia dei gio­va­ni, com­pre­si i lau­rea­ti. Quin­di ral­len­ta an­che la for­ma­zio­ne del­le fa­mi­glie: più gen­te che ri­ma­ne in ca­sa con i ge­ni­to­ri, me­no ma­tri­mo­ni, me­no fi­gli, me­no ri­chie­sta di nuo­ve ca­se, me­no do­man­da di be­ni e ser­vi­zi».

Re­ces­sio­ne, al­lo­ra?

«Si­cu­ra­men­te un for­te ral­len­ta­men­to. La re­ces­sio­ne è una for­te pos­si­bi­li­tà, le at­tri­bui­sco un li­vel­lo di pro­ba­bi­li­tà che va da 30 al 50 per cen­to».

Nell’in­ter­vi­sta che fa­cem­mo sei me­si fa, po­co pri­ma dell’usci­ta del suo li­bro

pub­bli­ca­to in Ita­lia da Fa­zi, lei con­clu­se di­cen­do che quel­la di de­fi­ni­re nuo­ve re­go­le non per tra­sfe­ri­re red­di­to dai ric­chi ai po­ve­ri, ma per an­da­re ver­so una di­stri­bu­zio­ne più equa già nel­la fa­se di pro­du­zio­ne del­la ric­chez­za non è so­lo una sfi­da so­cia­le ed eco­no­mi­ca: è una sfi­da per la te­nu­ta del­la de­mo­cra­zia.

sal­va­re il ca­pi­ta­li­smo,

Co­me

«Be’, per con­vin­cer­se­ne ba­sta da­re un’oc­chia­ta al­la cam­pa­gna elettorale ame­ri­ca­na per la Ca­sa Bian­ca. La­sci per­de­re per un at­ti­mo le po­si­zio­ni po­li­ti­che di ognu­no di noi: io con­di­vi­do gran par­te del­le pro­po­ste di Ber­nie Sanders e di cer­to non ap­prez­zo i pro­cla­mi, le idee e lo sti­le bom­ba­stic di Do­nald Trump, l’equi­va­len­te ame­ri­ca­no di Berlusconi. Ma og­gi lo­ro due so­no i gran­di fe­no­me­ni del­la cam­pa­gna elettorale per­ché, in mo­di di­ver­si, so­no i cam­pio­ni dell’an­ti­po­li­ti­ca. Fan­no ap­pel­lo gli stes­si elet­to­ra­ti, di de­stra e si­ni­stra: un ce­to me­dio sfi­bra­to dal con­ti­nuo ca­lo del suo po­te­re d’ac­qui­sto che ha per­so ogni fi­du­cia nell’esta­blish­ment, in chi ge­sti­sce un si­ste­ma, quel­lo at­tua­le, che non tie­ne più».

Cer­to, un eu­ro­peo fa­ti­ca a ca­pi­re co­me un mi­liar­da­rio di New York che ama osten­ta­re la sua ric­chez­za fi­no a co­strui­re grat­ta­cie­li do­ra­ti pos­sa di­ven­ta­re il cam­pio­ne di con­ta­di­ni e ope­rai del Mid-We­st o del pro­fon­do Sud ame­ri­ca­no.

«Esat­ta­men­te per que­sto: i col­let­ti blu con­ser­va­to­ri ti­fa­no Trump per­ché ve­do­no in lui non il mi­liar­da­rio ma una spe­cie di “Su­per­man” che pro­met­te di de­mo­li­re l’esta­blish­ment, com­pre­so quel­lo di Wall Street. Che, in­fat­ti, lo te­me, ma non sa più co­sa con­trap­por­gli. All’estre­mo op­po­sto, lo scenario nel qua­le si muo­ve Sanders è mol­to si­mi­le. Sem­bra­va un ri­vo­lu­zio­na­rio de­sti­na­to a rac­co­glie­re bri­cio­le

Ro­bert Rei­ch, 69 an­ni, pro­fes­so­re di Po­li­ti­che pub­bli­che all’Uni­ver­si­tà del­la Ca­li­for­nia, Ber­ke­ley, è sta­to se­gre­ta­rio del La­vo­ro de­gli Sta­ti Uni­ti con la pre­si­den­za di Bill Clin­ton nel mer­ca­to del­la po­li­ti­ca e in­ve­ce la sua pro­po­sta di cam­bia­men­to ra­di­ca­le, una ve­ra ri­vo­lu­zio­ne po­li­ti­ca, sta ri­ce­ven­do con­sen­si a va­lan­ga nel mon­do de­mo­cra­ti­co, met­ten­do in pe­ri­co­lo la can­di­da­tu­ra del­la Clin­ton che pro­po­ne con­ti­nui­tà, pur con qual­che mi­glio­ra­men­to, ri­spet­to all’era Oba­ma. Gli elet­to­ra­ti so­no mol­to di­ver­si, ma lo scon­ten­to, il ri­fiu­to dell’esta­blish­ment, è lo stes­so nel cam­po de­mo­cra­ti­co co­me in quel­lo re­pub­bli­ca­no».

Ep­pu­re il bi­lan­cio di Oba­ma non è poi co­sì ne­ga­ti­vo. Ha ti­ra­to fuo­ri il Pae­se dal­la Gran­de re­ces­sio­ne del 20082009, ha evi­ta­to una nuo­va de­pres­sio­ne, ha ri­por­ta­to il mer­ca­to del la­vo­ro qua­si a una con­di­zio­ne di pie­na oc­cu­pa­zio­ne coi di­soc­cu­pa­ti ri­dot­ti al 5 per cen­to.

«I pro­gres­si ci so­no sta­ti, non c’è dub­bio. Ma die­tro quei dati del la­vo­ro co­sì po­si­ti­vi, co­me i qua­si 300 mi­la po­sti in più a di­cem­bre, c’è la real­tà di me­stie­ri si­cu­ri e ad al­to red­di­to che spa­ri­sco­no, so­sti­tui­ti da la­vo­ri as­sai più pre­ca­ri e pa­ga­ti as­sai me­no. Mol­ti ame­ri­ca­ni so­no ad­di­rit­tu­ra usci­ti dal mer­ca­to del la­vo­ro e mol­ti de­gli im­pie­ga­ti di quel­le sta­ti­sti­che han­no so­lo un la­vo­ro part time. Il red­di­to me­dio non cre­sce o cre­sce di po­co ri­spet­to all’an­no pre­ce­den­te men­tre il con­fron­to con 15 an­ni fa, co­me le di­ce­vo pri­ma, è de­pri­men­te. È per que­sto che c’è tan­to scon­ten­to in gi­ro, no­no­stan­te dati sta­ti­sti­ci co­sì po­si­ti­vi».

Il red­di­to me­dio de­gli ame­ri­ca­ni, al net­to dell’in­fla­zio­ne, è sce­so ri­spet­to al 2000. Lo scon­ten­to è lo stes­so nel cam­po de­mo­cra­ti­co e re­pub­bli­ca­no Il ral­len­ta­men­to ci sa­rà di cer­to Die­tro i 300 mi­la po­sti in più re­gi­stra­ti a di­cem­bre c’è la real­tà di me­stie­ri si­cu­ri ad al­to red­di­to che spa­ri­sco­no

Lei si è con­vin­to, e lo ha scrit­to nel suo li­bro, che l’au­men­to del­le di­se­gua­glian­ze in Oc­ci­den­te non di­pen­de so­lo da fat­to­ri og­get­ti­vi co­me la glo­ba­liz­za­zio­ne che fa en­tra­re nel mer­ca­to la for­za-la­vo­ro dei Pae­si a bas­so red­di­to. È cam­bia­ta so­prat­tut­to la bi­lan­cia del po­te­re po­li­ti­co: più in­fluen­za dei ric­chi, del­la fi­nan­za, del­le gran­di im­pre­se con­tra­rie a ri­for­me de­sti­na­te ad ave­re un im­pat­to sul­la di­stri­bu­zio­ne del red­di­to. Una evo­lu­zio­ne sua e di qual­che al­tro espo­nen­te del­la cul­tu­ra

o ve­de un mo­vi­men­to più am­pio nel­la scien­za eco­no­mi­ca?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.