«Ca­sa­leg­gio non mi ha chie­sto nes­sun pas­so in­die­tro So­no vo­ci rim­bal­za­te da Ro­ma»

La 5 Stel­le Be­do­ri: ten­sio­ni su di me? Le aspet­ta­vo da de­stra e si­ni­stra

Corriere della Sera - - POLITICA - di Giam­pie­ro Ros­si

«Nes­su­no mi ha chie­sto pas­si in­die­tro. Se voi sa­pe­te di più...». Pa­tri­zia Be­do­ri, can­di­da­ta sin­da­co di Mi­la­no per il Mo­vi­men­to Cin­que stel­le, smen­ti­sce ener­gi­ca­men­te di aver ri­ce­vu­to in­vi­ti a far­si da par­te e con­trat­tac­ca evo­can­do i «po­te­ri for­ti». Do­po gior­ni di «gos­sip» — co­me lei de­fi­ni­sce le no­ti­zie sul­le per­ples­si­tà nei suoi con­fron­ti tra­pe­la­te dai ver­ti­ci del Mo­vi­men­to — ac­cet­ta di far­si in­ter­vi­sta­re. Ma non da so­la: si fa tro­va­re at­tor­nia­ta da al­tre quat­tro per­so­ne: un con­si­glie­re re­gio­na­le, due ad­det­ti stam­pa e un uo­mo del suo staff. E lei stes­sa an­ti­ci­pa la do­man­da: «Vuo­le sa­pe­re co­sa mi ha det­to Ca­sa­leg­gio?».

Cer­to, per­ché sì è par­la­to di un suo pos­si­bi­le ri­ti­ro.

«A me Ca­sa­leg­gio non ha chie­sto al­cun pas­so in­die­tro. Que­sta è una vo­ce che è rim­bal­za­ta da Ro­ma, ma mi ri­sul­ta che Di Bat­ti­sta ab­bia esclu­so di aver sol­le­va­to la que­stio­ne».

E al­lo­ra co­me si spie­ga l’esplo­sio­ne del ca­so?

«For­se per­ché in que­sti pri­mi me­si di cam­pa­gna elettorale non ho avu­to mol­ta vi­si­bi­li­tà. Ma ri­pe­to: nes­su­no mi ha chie­sto di ri­ti­rar­mi. Que­sto, per quan­to mi ri­guar­da, è un ca­so tut­to me­dia­ti­co. Mi di­ca lei se ha no­ti­zie di­ver­se».

Lo stia­mo scri­ven­do da gior­ni. Ma lei av­ver­te at­tor­no a sé un cli­ma di fi­du­cia?

«Tut­ti quel­li che in­con­tro mi in­co­rag­gia­no e mi espri­mo­no il lo­ro ap­pog­gio».

E dal grup­po di­ri­gen­te ha ri­ce­vu­to ma­ni­fe­sta­zio­ni di so­ste­gno?

«Ma qua­le grup­po di­ri­gen­te? Noi non ra­gio­nia­mo co­sì. Do­ve­te met­ter­vi in te­sta che que­sto mo­vi­men­to pun­ta al cam­bia­men­to, noi ab­bia­mo una cre­di­bi­li­tà che al­tri non pos­so­no per­met­ter­si. Io di­co sin da ora che se non do­ves­si es­se­re elet­ta sin­da­co, sa­rò co­mun­que in con­si­glio co­mu­na­le. Do­ve sa­ran­no Pas­se­ra, Sa­la e Bal­za­ni? A pro­po­si­to, mi la­sci di­re: Bal­za­ni chi?».

Ma lei si aspet­ta­va di in­con­tra­re una ten­sio­ne at­tor­no al­la sua can­di­da­tu­ra?

«Cer­to, mi aspet­ta­vo at­tac­chi da de­stra e da si­ni­stra, per­ché Mi­la­no è una cit­tà com­ples­sa e per­ché in cam­po ci so­no i po­te­ri for­ti».

Lei sa che in pas­sa­to si ti­ra­va­no in bal­lo i po­te­ri for­ti quan­do per evi­ta­re di af­fron­ta­re le que­stio­ni? A qua­li po­te­ri si ri­fe­ri­sce?

«Be’ guar­da­te le sto­rie per­so­na­li de­gli al­tri can­di­da­ti e di­te­mi voi se non ca­pi­sce chi han­no al­le spal­le».

Si è par­la­to dell’ipo­te­si di af­fian­car­le il più vo­ta­to tra i can­di­da­ti per il con­si­glio co­mu­na­le per rin­for­za­re al sua cam­pa­gna elettorale. È ve­ro?

«Uno so­lo? Io mi au­gu­ro che me ne af­fian­chi­no die­ci. Lo so che fa­te fa­ti­ca a ca­pir­lo, ma la no­stra è una ve­ra ri­vo­lu­zio­ne cul­tu­ra­le, non sia­mo qui per le pol­tro­ne ma per fa­re l’in­te­res­se dei cit­ta­di­ni. E do­po due man­da­ti ci fer­mia­mo e met­tia­mo la no­stra espe­rien­za a di­spo­si­zio­ne dei nuo­vi elet­ti».

Da­rio Fo ha det­to chia­ra­men­te di es­ser pre­oc­cu­pa­to per la sua can­di­da­tu­ra.

«L’ho chia­ma­to e ci ve­dre­mo. Co­mun­que si ri­cor­di an­che del­la se­con­da me­tà del­la sua fra­se: “Ma­ga­ri ri­mar­re­mo tut­ti di stuc­co”, ha det­to».

Si è po­sta un obiet­ti­vo mi­ni­mo per que­ste ele­zio­ni?

«Io so­no can­di­da­ta sin­da­co

I dub­bi di Fo In que­sti me­si non ho avu­to mol­ta vi­si­bi­li­tà In­con­tre­rò Da­rio Fo do­po i dub­bi su di me

di Mi­la­no. A li­vel­lo na­zio­na­le, per que­ste am­mi­ni­stra­ti­ve il mo­vi­men­to pun­ta al rad­dop­pio. Qui si par­te dal 3 per cen­to dei con­sen­si, ma io vor­rei an­da­re ben ol­tre il dop­pio».

Il suo pro­gram­ma?

« Lo stia­mo met­ten­do a pun­to pro­prio in que­ste ore. Gli al­tri han­no aper­to il li­bro dei so­gni, do­po che per cin­que an­ni non han­no rea­liz­za­to quel­lo che ora pro­met­to­no. Io so­no rea­li­sta. Quin­di am­bien­te, mo­bi­li­tà, si­cu­rez­za, par­ten­do dal­la no­stra cre­di­bi­li­tà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.