Don Sot­giu, che da ra­gaz­zo fu in­da­ga­to per il ca­so Mac­chi: «Mai for­ni­to ali­bi a Bin­da»

Corriere della Sera - - CRONACHE - di Mar­co Bar­de­so­no

Non si na­scon­de, ma il cel­lu­la­re squil­la a vuo­to, ri­spon­de so­lo ai nu­me­ri che co­no­sce, di­ce un suo par­roc­chia­no. In ca­no­ni­ca ri­fe­ri­sco­no che non c’è, che «è da un po’ che non si ve­de». Do­po gior­ni d’in­si­sten­za e chia­ma­te a vuo­to, don Giu­sep­pe Sot­giu, for­se per er­ro­re, ri­spon­de. Par­la del de­lit­to di Li­dia Mac­chi e di Ste­fa­no Bin­da, pre­sun­to omi­ci­da del­la ra­gaz­za. «Non cre­do as­so­lu­ta­men­te a tut­ta que­sta sto­ria, nean­che un po’. Co­no­sco Ste­fa­no da quan­do ave­vo die­ci an­ni: stan­no in­ven­tan­do un mo­stro. La sua vi­ta, for­se, non è del­le più li­nea­ri, ma que­sto non lo fa di­ven­ta­re un as­sas­si­no».

Il no­me di don Giu­sep­pe Sot­giu è fi­ni­to nel­le car­te dell’in­chie­sta sull’omi­ci­dio del­la stu­den­tes­sa di Cl per­ché, scri­ve il Gip nell’or­di­nan­za, «si sa­reb­be ado­pe­ra­to per of­fri­re un ali­bi si­cu­ro al pre­sun­to kil­ler»: una va­can­za stu­dio a Pra­ge­la­to. Sei gior­ni di vi­ta co­mu­ni­ta­ria con un grup­po di ra­gaz­zi di Gio­ven­tù Stu­den­te­sca in un ho­tel del­la Val Chi­so­ne, la Ca­sa Al­pi­na don Bar­ra. Nell’al­ber­go, pe­rò, del suo pas­sag­gio non ci so­no trac­ce. Il re­gi­stro de­gli ospi­ti, ha spie­ga­to il sa­cer­do­te che ge­sti­va la strut­tu­ra, non c’è più. La stan­za in cui il pre­sun­to kil­ler ha det­to di aver dor­mi­to è sta­ta can­cel­la­ta dai la­vo­ri di ri­strut­tu­ra­zio­ne. L’uni­ca pos­si­bi­li­tà per ve­ri­fi­ca­re se il 5 gen­na­io di 29 an­ni fa Bin­da si tro­vas­se o me­no lon­ta­no dal luo­go del de­lit­to, so­no le te­sti­mo­nian­ze di chi par­te­ci­pò a quel­la va­can­za.

«È un pe­rio­do lon­ta­nis­si­mo — spie­ga don Sot­giu — e non sa­pe­vo tut­to quel­lo che fa­ce­va Ste­fa­no. Lui par­te­ci­pa­va agli in­con­tri di Gs, io fa­ce­vo già l’uni­ver­si­tà, quin­di ave­va­mo ri­fe­ri­men­ti di­ver­si. La va­can­za a Pra­ge­la­to? Sin­ce­ra­men­te non ri­cor­do». Nei gior­ni scor­si il no­me di don Sot­giu è fi­ni­to su tut­ti i gior­na­li, lui ha de­ci­so di non leg­ger­li. L’eco di quel­lo che il pre­te de­fi­ni­sce un «bai­lam­me di no­ti­zie im­pres­sio­nan­te» è ar­ri­va­to an­che nel­la par­roc­chia to­ri­ne­se in cui ri­sie­de (San Be­ne­det­to Aba­te), «ma in for­ma pri­va­ta, sen­za in­ca­ri­chi pa­sto­ra­li. E rin­gra­zio Dio, in que­sto mo­men­to, di non es­se­re espo­sto co­me per­so­na pub­bli­ca, al­tri­men­ti non sa­prei co­sa spie­ga­re a chi do­ves­se ri­ce­ver­mi co­me sa­cer­do­te». Ma se ac­ca­des­se, se fos­se an­co­ra par­ro­co di­reb­be «che non c’en­tro nien­te, che non ha sen­so di­re che ho crea­to un ali­bi a Bin­da, vi­sto che so­no sta­to io a chia­ma­re Ste­fa­no den­tro que­sta si­tua­zio­ne».

Era il 1987, un me­se e mez­zo do­po il ri­tro­va­men­to del cor­po del­la stu­den­tes­sa il sa­cer­do­te, ai tem­pi an­co­ra lai­co, ven­ne in­ter­ro­ga­to da­gli in­qui­ren­ti. «Ero in­da­ga­to — spie­ga don Sot­giu —. Ave­vo ri­ce­vu­to un av­vi­so di ga­ran­zia, an­che se al­lo­ra, a 20 an­ni, non sa­pe­vo nep­pu­re co­sa fos­se. Ave­vo no­mi­na­to un av­vo­ca­to, mi ave­va­no pre­le­va­to il Dna, mi chie­de­va­no co­sa ave­vo fat­to quel­la se­ra e io ho cer­ca­to di ri­co­struir­lo. Dis­si che pro­ba­bil­men­te mi tro­va­vo con Ste­fa­no e un al­tro ami­co». Ep­pu­re, gli in­qui­ren­ti sa­reb­be­ro con­vin­ti che il sa­cer­do­te ab­bia co­per­to quel­lo che il gip ha de­fi­ni­to il suo «ami­co del cuo­re», tant’è che non è esclu­so che nei pros­si­mi gior­ni il sa­cer­do­te pos­sa es­se­re an­co­ra in­ter­ro­ga­to. E la ce­na a ca­sa dei Mac­chi? La mam­ma di Li­dia ha ri­fe­ri­to che Sot­giu e Bin­da man­gia­ro­no da lei la se­ra del fu­ne­ra­le del­la fi­glia: «An­dam­mo il po­me­rig­gio con il grup­po di Cl a ca­sa sua e sin­ce­ra­men­te non ri­cor­do nean­che se Ste­fa­no fos­se lì, ma se era lì è pos­si­bi­le che fos­se ve­nu­to con me in mac­chi­na per­ché sia­mo del­lo stes­so pae­se. La ce­na, in­ve­ce, no. Quel­la non me la ri­cor­do».

In real­tà fui io a chia­ma­re in cau­sa Ste­fa­no ma a que­sta sto­ria non ci cre­do, stan­no in­ven­tan­do un mo­stro

A To­ri­no Don Giu­sep­pe Sot­giu, ami­co di Ste­fa­no Bin­da

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.