Corriere della Sera

A Ro­ma la sfi­da an­ti ren­zia­na La si­ni­stra spe­ra in Mo­ras­sut

Pri­ma­rie, si cer­ca la ri­vin­ci­ta. La con­ver­gen­za sul ri­va­le di Gia­chet­ti

- di Ma­ria Te­re­sa Me­li

A Mi­la­no le pri­ma­rie del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co so­no fi­ni­te con la vit­to­ria del can­di­da­to di Mat­teo Ren­zi. Ora toc­ca a Ro­ma e la mi­no­ran­za in­ter­na spe­ra in una ri­vin­ci­ta.

Per que­sta ra­gio­ne i ber­sa­nia­ni si so­no schie­ra­ti con Ro­ber­to Mo­ras­sut, con­tro Ro­ber­to Gia­chet­ti. Un en­dor­se­ment che ha an­che un po’ im­ba­raz­za­to l’ex assessore al­le po­li­ti­che di pro­gram­ma­zio­ne e pia­ni­fi­ca­zio­ne del ter­ri­to­rio del Co­mu­ne di Ro­ma. Già, per­ché Mo­ras­sut, che per mol­to tem­po è sta­to in­de­ci­so se scen­de­re o no in cam­po, tant’è ve­ro che si par­la­va di lui co­me del pos­si­bi­le coor­di­na­to­re del­la cam­pa­gna elettorale di Gia­chet­ti, fa par­te del­la mag­gio­ran­za del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co, ten­den­za Wal­ter Vel­tro­ni.

Il qua­le Vel­tro­ni è sta­to ap­pun­to uno dei gran­di spon­sor di que­sta sua can­di­da­tu­ra. Si rac­con­ta nel Tran­sa­tlan­ti­co di Mon­te­ci­to­rio che l’ex se­gre­ta­rio del Pd, non­ché ex sin­da­co del­la Ca­pi­ta­le, non ab­bia gra­di­to il fat­to di non es­se­re sta­to in­ter­pel­la­to da Mat­teo Ren­zi al mo­men­to del­la scel­ta del no­me per Ro­ma. L’ha vis­su­ta co­me uno sgar­bo.

Ma il pa­ra­dos­so è che Ber­sa­ni e Vel­tro­ni ades­so si ri­tro­va­no dal­la stes­sa par­te del­la bar­ri­ca­ta, con­tro il can­di­da­to ren­zia­no, quan­do nel Par­ti­to de­mo­cra­ti­co era­no av­ver­sa­ri. Di più: Vel­tro­ni pri­ma di di­met­ter­si da se­gre­ta­rio ave­va ac­cu­sa­to Ber­sa­ni di aver­gli la­vo­ra­to ai fian­chi per pren­der­ne il po­sto.

Ma or­mai nel Pd gli schie­ra­men­ti in­ter­ni si for­ma­no non sul­la ba­se di pro­po­ste co­mu­ni: ci si di­vi­de tra chi è con­tra­rio a Ren­zi e chi è fa­vo­re­vo­le. Co­sì è ac­ca­du­to che la mi­no­ran­za, or­ba di un can­di­da­to da con­trap­por­re a Gia­chet­ti, do­po la de­ci­sio­ne dell’ex mi­ni­stro dei Be­ni cul­tu­ra­li Mas­si­mo Bray di non can­di­dar­si, si sia pron­ta­men­te schie­ra­ta con il vel­tro­nia­no Mo­ras­sut. Il qua­le, un po’ a di­sa­gio per que­sto pa­ra­dos­so, ha do­vu­to pre­ci­sa­re di non es­se­re il can­di­da­to di Ber­sa­ni.

Co­mun­que, la si­ni­stra del Pd ora pun­ta sull’ex assessore del­la giun­ta Vel­tro­ni per ten­ta­re di ar­gi­na­re Ren­zi. Gli obiet­ti­vi di que­sta ope­ra­zio­ne an­ti pre­mier so­no due. Uno, più fa­ci­le: di­mo­stra­re che il Pd a tra­zio­ne ren­zia­na non ti­ra co­me quel­lo di un tem­po e per­ciò non è in gra­do di por­ta­re a vo­ta­re nei ga­ze­bo, il pros­si­mo 7 mar­zo, cen­to­mi­la ro­ma­ni. Per­ché tan­ti fu­ro­no i par­te­ci­pan­ti al­le pri­ma­rie che in­co­ro­na­ro­no Igna­zio Ma­ri­no.

Il se­con­do obiet­ti­vo — la scon­fit­ta di Gia­chet­ti ( e di Ren­zi) — ap­pa­re più dif­fi­ci­le da rag­giun­ge­re. È ve­ro che Mo­ras­sut, al pa­ri del­la mag­gior par­te dei suoi so­ste­ni­to­ri, è un ex ds e, quin­di, vie­ne per­ce­pi­to co­me uno del­la «Dit­ta», al con­tra­rio del vi­ce pre­si­den­te del­la Ca­me­ra che pro­vie­ne dal­la Mar­ghe­ri­ta. Ma è an­che ve­ro che con Gia­chet­ti si so­no schie­ra­ti espo­nen­ti del Pd che a Ro­ma han­no una cer­ta in­fluen­za. Un no­me per

La par­ti­ta Il can­di­da­to del se­gre­ta­rio può pe­rò con­ta­re sul so­ste­gno di Ni­co­la Zin­ga­ret­ti

tut­ti, quel­lo del pre­si­den­te del­la re­gio­ne La­zio, Ni­co­la Zin­ga­ret­ti, che ha in­via­to nel co­mi­ta­to per pri­ma­rie del vi­ce pre­si­den­te del­la Ca­me­ra i suoi fe­de­lis­si­mi.

Per­si­no il can­di­da­to di Sel e dei tran­sfu­ghi pd, Ste­fa­no Fas­si­na, che non può es­se­re ac­cu­sa­to di ave­re sim­pa­tie per Mat­teo Ren­zi o per Ro­ber­to Gia­chet­ti, pro­no­sti­ca la vit­to­ria del vi­ce­pre­si­den­te del­la Ca­me­ra al­le pri­ma­rie: «Po­treb­be per­de­re so­lo se an­das­se a vo­ta­re po­ca gen­te». In­som­ma, se si re­cas­se­ro nei ga­ze­bo so­lo i mi­li­tan­ti del­la «Dit­ta» che fu.

 ??  ?? Chi è Ro­ber­to Mo­ras­sut, 52 an­ni, ro­ma­no, de­pu­ta­to Pd, cor­re al­le pri­ma­rie
Chi è Ro­ber­to Mo­ras­sut, 52 an­ni, ro­ma­no, de­pu­ta­to Pd, cor­re al­le pri­ma­rie

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy