Il tre­no del­la stra­ge pas­sa con le sbar­re al­za­te

La de­nun­cia dei pa­ren­ti del­le vit­ti­me L’azien­da: «Si­cu­rez­za mai a ri­schio»

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Giu­si Fa­sa­no a pa­gi­na

La fo­to­gra­fia è piut­to­sto ni­ti­da, scat­ta­ta da una si­gno­ra in co­da al pas­sag­gio a li­vel­lo. Det­ta­glio nu­me­ro uno: le sbar­re so­no al­za­te e non do­vreb­be­ro es­ser­lo per­ché sta pas­san­do il tre­no. Det­ta­glio nu­me­ro due: il se­ma­fo­ro è spen­to e in­ve­ce do­vreb­be es­se­re ac­ce­so, ros­so.

«Ve­de­re quel­la fo­to e quel­la si­tua­zio­ne di ri­schio mi ha scioc­ca­ta» di­ce Da­nie­la Ca­stel­la­no, «ho pen­sa­to a mio pa­dre, al­le la­mie­re del­lo stes­so tre­no gial­lo ac­car­toc­cia­te sul bi­na­rio e al­la di­spe­ra­zio­ne di quel­la mat­ti­na. Mi so­no det­ta: pos­si­bi­le che do­po un di­sa­stro co­sì gra­ve sia­mo an­co­ra a que­sto pun­to con la si­cu­rez­za? E poi pro­prio sul­la stes­sa li­nea del­la stra­ge... è in­cre­di­bi­le».

Suo pa­dre si chia­ma­va En­ri­co, ave­va 74 an­ni ed è mor­to nell’in­ci­den­te fer­ro­via­rio del 12 lu­glio scor­so lun­go la trat­ta fra An­dria e Co­ra­to. Il bi­na­rio era uni­co, fu uno schian­to fron­ta­le fra due tre­ni po­chi chi­lo­me­tri più avan­ti di San­to Spi­ri­to, fra­zio­ne co­stie­ra di Bi­ton­to do­ve, due gior­ni fa, è sta­ta scat­ta­ta la fo­to­gra­fia che ve­de­te in que­sta pa­gi­na.

Quel gior­no di lu­glio mo­ri­ro­no 23 per­so­ne, 50 ri­ma­se­ro fe­ri­te e da al­lo­ra il trat­to dell’in­ci­den­te

Lo schian­to Lo scor­so 12 lu­glio mo­ri­ro­no in 23 nel­lo scon­tro sui bi­na­ri del trat­to An­dria-Co­ra­to

è sot­to se­que­stro quin­di i tre­ni ar­ri­va­no fi­no al­la sta­zio­ne che ha il dop­pio bi­na­rio (Ru­vo di Pu­glia) e poi tor­na­no in­die­tro ver­so Ba­ri. «Tut­to in si­tua­zio­ne di per­fet­ta si­cu­rez­za», giu­ra­no dal­la so­cie­tà Fer­ro­tram­via­ria che ge­sti­sce le li­nee del Nord Ba­re­se, a di­spet­to del­la fo­to­gra­fia che l’au­to­mo­bi­li­sta in co­da ha pub­bli­ca­to su Fa­ce­book e che, a di­re il ve­ro, non tra­smet­te per nien­te il sen­so del­la si­cu­rez­za.

Astip, l’As­so­cia­zio­ne stra­ge tre­ni in Pu­glia del­la qua­le fa par­te an­che Da­nie­la Ca­stel­la­no, ha ri­lan­cia­to sul suo si­to la fo­to­gra­fia con un com­men­to ama­ro: «An­no nuo­vo vec­chie abi­tu­di­ni. Se­ma­fo­ro spen­to, pas­sag­gio a li­vel­lo aper­to. Fer­ro­tram­via­ria ga­ran­zia di incidenti an­co­ra og­gi. A di­stan­za di qua­si sei me­si dal­la stra­ge, nul­la è cam­bia­to! La Re­gio­ne Pu­glia ha in­ten­zio­ne di pren­de­re prov­ve­di­men­ti?».

«Quel­lo che chie­dia­mo è che i tre­ni che pren­dia­mo tut­ti i gior­ni sia­no si­cu­ri. È trop­po?», do­man­da Da­nie­la. «Vor­stra­ge: rem­mo più con­trol­li su que­sta so­cie­tà, la mes­sa in si­cu­rez­za del­la li­nea in­te­ra, in­som­ma: co­se che do­vreb­be­ro es­se­re nor­ma­li. Vor­rei che i ver­ti­ci di Fer­ro­tram­via­ria pen­sas­se­ro per un mo­men­to a ciò che pro­va­no i fa­mi­lia­ri del­le vit­ti­me da­van­ti a un’im­ma­gi­ne co­me que­sta del tre­no che pas­sa a sbar­re al­za­te. Par­lia­mo pro­prio di uno dei due tre­ni del­la ave­te idea del col­po emo­ti­vo che pro­vo­ca una fo­to co­sì per chi ha per­so una per­so­na ca­ra? È au­to­ma­ti­co che il pen­sie­ro va­da ai pro­pri ca­ri co­me per me è an­da­to a mio pa­dre. Quel­la mat­ti­na — rac­con­ta an­co­ra Da­nie­la — io lo aspet­ta­vo a Ba­ri, mia so­rel­la era an­da­ta a pren­der­lo in sta­zio­ne. Se ci pen­so... quel ma­le­det­to tre­no l’ave­va pre­so all’ul­ti­mo istan­te fa­cen­do una gran cor­sa».

La Fer­ro­tram­via­ria non ne­ga, ov­via­men­te, che «con il tre­no in tran­si­to le sbar­re non do­vreb­be­ro es­se­re al­za­te» e che «il se­ma­fo­ro do­vreb­be es­se­re ros­so, è ve­ro», par­la di «ava­ria tem­po­ra­nea», di una «cir­co­stan­za che si può ve­ri­fi­ca­re», com­pli­ci for­se la ne­ve e il ge­lo, e spie­ga che quel­la sca­to­la bian­ca in­stal­la­ta su un pa­lo (a de­stra nel­la fo­to) è un let­to­re ot­ti­co, in gra­do di tra­smet­te­re in an­ti­ci­po al mac­chi­ni­sta un’in­for­ma­zio­ne fon­da­men­ta­le, e cioè se c’è un in­gom­bro sui bi­na­ri. «In quel ca­so — spie­ga una no­ta dif­fu­sa ie­ri se­ra — il pas­sag­gio a li­vel­lo è do­ta­to di un di­spo­si­ti­vo che blocca la mar­cia del tre­no». Se­con­do la so­cie­tà, quin­di, la si­cu­rez­za non è mai sta­ta a ri­schio e il pas­sag­gio del tre­no è av­ve­nu­to una vol­ta «ac­cer­ta­te le con­di­zio­ni di pie­na tran­si­ta­bi­li­tà», se­con­do un pro­to­col­lo che, con le sbar­re al­za­te, pre­ve­de «la mar­cia “a vi­sta”, con ve­lo­ci­tà in­fe­rio­re ai 4 chi­lo­me­tri ora­ri».

(Ca­vic­chi)

Barra sol­le­va­ta Il pas­sag­gio a li­vel­lo al­za­to al­la pe­ri­fe­ria di Ba­ri San­to Spi­ri­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.