7 mi­lio­ni di leg­ge­rez­za

Sia­ni: «Cre­do nel­le fia­be e por­to Maradona al San Car­lo Po­le­mi­che sul cam­pio­ne? Io di­fen­do l’ani­ma di Na­po­li»

Corriere della Sera - - SPETTACOLI - Chia­ra Maf­fio­let­ti

«Mi­ster Felicità» Il re de­gli in­cas­si fe­sti­vi

Isol­di non fan­no la felicità, fi­gu­ria­mo­ci la mi­se­ria, di­ce­va To­tò e ri­cor­da og­gi Ales­san­dro Sia­ni. E lui, con il suo Mi­ster Felicità, ne sta in­cas­san­do dav­ve­ro tan­ti: ol­tre 7 mi­lio­ni di eu­ro in me­no di die­ci gior­ni. Ma, ascol­tan­do­lo, si ca­pi­sce che per l’at­to­re, dav­ve­ro i nu­me­ri non so­no tut­to: «La ve­ra felicità per me, è ogni vol­ta che, al ci­ne­ma o a tea­tro, pos­so rac­con­ta­re una mia sto­ria. Ai con­ti eco­no­mi­ci ci pen­sa­no i pro­dut­to­ri, io de­vo fa­re i con­ti con me stes­so...».

Non le fa effetto che sem­pre co­sì tan­ta gen­te non per­da i suoi film?

«Ec­co­me se mi fa effetto. So­no sta­ti pu­re gior­ni di fred­do, di ne­ve... Ma mi ren­do con­to che la vi­ta ve­ra, le co­se che con­ta­no, so­no al­tre. De­di­co tan­to tem­po al la­vo­ro, que­sto sì. La mia è una pas­sio­ne a tem­po in­de­ter­mi­na­to. Ma io non so­no Za­lo­ne: so­no so­lo uno fra i tan­ti che si è in­fi­la­to in quel mec­ca­ni­smo com­ples­so che è il ci­ne­ma».

Non pro­prio uno fra i tan­ti: po­chi fan­no i suoi nu­me­ri

«Co­no­sco e ho avu­to la for­tu­na di la­vo­ra­re con gran­di si­gno­ri del­la com­me­dia: Bi­sio, De Si­ca, De Lui­gi, Aba­tan­tuo­no. I nu­me­ri li con­di­vi­do con lo­ro. Za­lo­ne pe­rò rie­sce a fa­re lu­ce non so­lo sul­la com­me­dia, ma sul ci­ne­ma ita­lia­no: è un gran­de esem­pio per me».

Nel suo film si fin­ge men­tal coa­ch e aiu­ta gli al­tri a tro­va­re la felicità. E’ dun­que una que­stio­ne di eser­ci­zio?

«Cre­do che si è dav­ve­ro fe­li­ci so­lo quan­do non ci chie­dia­mo se lo sia­mo. Del ti­po che ero fe­li­ce ma non me ne so­no ac­cor­to. La felicità può es­se­re an­che una di­stra­zio­ne, lo stac­ca­re il cer­vel­lo dai pen­sie­ri di fron­te a cui la vi­ta ti po­ne».

Fa spes­so ri­fe­ri­men­to al­la «vi­ta ve­ra». Per­ché?

«C’è chi vi­ve “su” e chi vi­ve “tra” la gen­te. Io ho scel­to la se­con­da op­zio­ne, ed è il mo­ti­vo per cui so­no ri­ma­sto a Na­po­li: vo­glio ca­pi­re la mia cit­tà, es­ser­ne in con­tat­to. Suc­ce­de an­che con la re­ci­ta­zio­ne: c’è un me­to­do che per ri­pro­dur­re la real­tà ti sug­ge­ri­sce di en­tra­re in un bar e os­ser­va­re chi or­di­na un caf­fè. E poi c’è il me­to­do che ti di­ce di en­tra­re in un bar e an­da­re a par­la­re con quel­lo che or­di­na il caf­fé: ec­co, que­sto è il mio me­to­do».

Da bam­bi­no im­ma­gi­na­va che avreb­be fat­to l’at­to­re?

«Tut­to è ca­pi­ta­to un po’ co­me per in­can­to. Sta­vo stu­dian­do Scien­ze Po­li­ti­che e mi so­no la­scia­to tra­sci­na­re dal­la re­ci­ta­zio­ne. An­co­ra ades­so, ogni vol­ta che rie­sco a fa­re qual­co­sa che mi pia­ce, lo ri­ten­go un mi­ra­co­lo: mi ren­do con­to che non è un fat­to nor­ma­le».

La sua fa­mi­glia ha ca­pi­to su­bi­to la sua scel­ta di la­scia­re l’uni­ver­si­tà?

«Non mi han­no ca­pi­to nem­me­no ades­so. E nean­che io so dav­ve­ro se è sta­ta la stra­da giu­sta. Que­sto è un la­vo­ro da eter­ni pre­ca­ri, non c’è mai un sen­so di tran­quil­li­tà. Mio pa­dre era ope­ra­io, mia mam­ma ca­sa­lin­ga e mia so­rel­la si è lau­rea­ta. Ci so­no sta­ti an­ni di gran­di sa­cri­fi­ci ma quan­do og­gi ve­do ne­gli oc­chi di pa­pà che è fie­ro di noi, pos­so di­re di aver fat­to be­ne. E di sen­tir­mi fe­li­ce».

All’ini­zio del film è un ra­gaz­zo che nem­me­no pro­va a cam­bia­re la sua vi­ta per­ché tan­to «non pos­so far­ci nul­la». In mol­ti la ve­do­no co­sì?

«Pen­so che la gen­te sia stan­ca di ar­ran­giar­si, vi­via­mo in un Pae­se com­pli­ca­to. In­ter­pre­to uno che an­ni fa avreb­be­ro de­fi­ni­to un bam­boc­cio­ne, ma al­la fi­ne la­scio uno spi­ra­glio».

Il 16 gen­na­io por­te­rà al San Car­lo Maradona, pro­ta­go­ni­sta del suo spet­ta­co­lo, «Tre vol­te 10». Per­ché lui?

«Per­ché Maradona è la pro­va in­con­fu­ta­bi­le che un uo­mo so­lo può cam­bia­re il vol­to di una cit­tà. So­no pas­sa­ti 30 an­ni dal pri­mo scu­det­to col Na­po­li ed è ri­ma­sto un mi­to. Vi­ve­va­mo nel­la ras­se­gna­zio­ne, ma lui ha cam­bia­to an­che l’eco­no­mia del­la cit­tà: dal­le ban­che al­le ban­ca­rel­le. Maradona ha ri­sa­na­to l’ani­ma dei na­po­le­ta­ni dal­la scon­fit­ta».

I bi­gliet­ti si so­no su­bi­to esau­ri­ti (lo show an­drà in on­da sul ca­na­le No­ve, in pri­ma­ve­ra), ma non le po­le­mi­che: il tem­pio del­la li­ri­ca vio­la­to dal pop. Dispiaciuto?

«I pa­re­ri con­tra­stan­ti vo­glio­no di­re che Na­po­li è vi­va. Guar­do il la­to po­si­ti­vo: se ci so­no per­so­ne con­tra­rie al­lo spet­ta­co­lo, vor­rà di­re che al­me­no lo­ro non mi chie­de­ran­no il bi­gliet­to omag­gio. Già co­sì so­no in gran­de dif­fi­col­tà».

Le mie sto­rie so­no ispi­ra­te dal­la real­tà Ma non pa­ra­go­na­te­mi a Za­lo­ne: io so­no uno fra i tan­ti, lui è uni­co

Sel­fie Die­go Ar­man­do Maradona con la se­ne­ga­le­se Fat­ma Sa­mou­ra, se­gre­ta­ria ge­ne­ra­le del­la Fi­fa

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.