La for­za di Gior­gia, li­cea­le sen­za ge­ni­to­ri

Il pa­pà mor­to, la mam­ma lon­ta­na, la ca­sa da man­da­re avan­ti. In clas­se nes­su­no lo sa­pe­va

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Va­len­ti­na San­tar­pia

Suo pa­dre è mor­to tre an­ni fa. La ma­dre è do­vu­ta par­ti­re per la Ro­ma­nia. Gior­gia, 18 an­ni do­ma­ni, a scuo­la col­le­zio­na vo­ti da fuo­ri­clas­se.

«So­no di­ven­ta­ta in­di­pen­den­te, ho im­pa­ra­to quan­to po­te­vo con­ta­re su me stes­sa, ma an­che a ca­pi­re e ad ap­prez­za­re quan­to sia im­por­tan­te ave­re una fa­mi­glia ac­can­to: pri­ma lo da­vo per scon­ta­to».

Gior­gia Ena­che, stu­den­tes­sa qua­si di­ciot­ten­ne (li com­pie do­ma­ni) di Ro­ma, ha un sor­ri­so ra­dio­so e uno sguar­do de­ter­mi­na­to: quan­do è ar­ri­va­ta al­la Luiss per una set­ti­ma­na di al­ter­nan­za scuo­la-la­vo­ro, spe­di­ta dal pre­sti­gio­so li­ceo lin­gui­sti­co Lu­cre­zio Ca­ro, è sta­ta su­bi­to vi­sta co­me una del­le tan­te ra­gaz­ze for­tu­na­te, so­li­de e di buo­na fa­mi­glia che avreb­be avu­to gran­di chan­ce per il fu­tu­ro. Ma in real­tà la sua vi­ta «è sta­ta ab­ba­stan­za dif­fi­ci­le», am­met­te. «Quan­do mi so­no ri­tro­va­ta a do­ver­me­la ca­va­re da so­la non sa­pe­vo da do­ve ini­zia­re e non ave­vo più pun­ti di ri­fe­ri­men­to: ma que­sto pen­so mi ab­bia fat­to ma­tu­ra­re mol­to. La co­sa che mi è pe­sa­ta di più? L’as­sen­za di mio pa­dre, ero mol­to le­ga­ta a lui». Il pa­dre di Gior­gia è mor­to tre an­ni fa, e sua ma­dre è do­vu­ta par­ti­re per la Ro­ma­nia per la­vo­ra­re e con­ti­nua­re a man­te­ne­re i fi­gli.

Ma lei ha pre­so in ma­no la si­tua­zio­ne, ha ini­zia­to a pre­pa­ra­re da man­gia­re, a ras­set­ta­re ca­sa, a or­ga­niz­zar­si con suo fra­tel­lo, che ha 25 an­ni e la­vo­ra, per te­ne­re tut­to in pie­di. E l’ha fat­to sen­za rac­con­tar­lo a nes­su­no, nean­che ai com­pa­gni di scuo­la. Or­go­glio­sa di riu­sci­re a sop­por­ta­re sen­za la­men­tar­si un far­del­lo trop­po gran­de per la sua età. Poi un gior­no, men­tre scri­ve­va una new­slet­ter per l’uf­fi­cio stam­pa del­la Luiss, si è la­scia­ta an­da­re: «La mia vi­ta è in­ca­si­na­ta. Ci so­no gior­ni in cui mi sen­to mol­to so­la». To­no lie­ve, ep­pu­re de­ci­so, co­me se quel­le pa­ro­le non am­met­tes­se­ro re­to­ri­ca: qua­si a zit­ti­re in an­ti­ci­po chiun­que po­tes­se an­che so­lo pen­sa­re di com­pa­tir­la.

Gior­gia è fi­glia di due ro­me­ni, che in Ita­lia han­no tro­va­to la­vo­ro e un’op­por­tu­ni­tà per ti­ra­re su i tre fi­gli: la so­rel­la più gran­de, 28 an­ni, è spo­sa­ta, il fra­tel­lo che vi­ve con lei la­vo­ra, e lei stu­dia, ina­nel­lan­do tut­ti 7 e 8, in at­te­sa di fre­quen­ta­re il quar­to an­no e poi pun­tan­do al­la fa­col­tà di Giu­ri­spru­den­za. «Par­lo ita­lia­no, ro­me­no, fran­ce­se, in­gle­se e spa­gno­lo — spie­ga —. E mi pia­ce stu­dia­re, pen­so che pa­pà sa­reb­be sta­to or­go­glio­so di me».

Il pa­pà, che la­vo­ra­va nel set­to­re edi­le, è sta­to uc­ci­so da un tu­mo­re al­lo sto­ma­co, e da al­lo­ra «la mia fa­mi­glia è an­da­ta in fran­tu­mi», spie­ga Gior­gia. Per lei do­po quel gior­no la vi­ta è cam­bia­ta mol­tis­si­mo: la mam­ma co­stret­ta a tor­na­re in Ro­ma­nia per gua­da­gna­re di più e man­te­ne­re tut­ti, il viag­gio ogni gior­no da Ca­pe­na al cen­tro di Ro­ma per fre­quen­ta­re la scuo­la, la vi­ta quo­ti­dia­na so­li­ta­ria fat­ta di pa­sti fru­ga­li, li­bri, pu­li­zie per man­te­ne­re un po’ di or­di­ne in quel­la ca­sa vuo­ta ma di cui rie­sco­no an­co­ra a pa­ga­re l’af­fit­to sen­za sal­ta­re un me­se. Tan­ti gior­ni ugua­li, sen­za con­fi­dar­si con nes­su­no, sen­za uno sfo­go, una pie­ga, un ce­di­men­to: «So­no mol­to riservata — spie­ga —. È sta­to ab­ba­stan­za dif­fi­ci­le ca­var­me­la, mi so­no sen­ti­ta fra­gi­le. Ma bi­so­gna­va an­da­re avan­ti, co­sa po­te­vo fa­re?». E sen­za ri­pen­sa­men­ti: «In Ro­ma­nia non ci an­drei, per me è un luo­go di va­can­ze non la mia pa­tria. E lo sta­ge mi ha da­to un po’ di si­cu­rez­za: ho aiu­ta­to l’or­ga­niz­za­zio­ne di un even­to sul­la mo­da, scrit­to ar­ti­co­li, co­no­sciu­to il mi­ni­stro Ca­len­da... La mia vi­ta è qui, vo­glio con­fron­tar­mi con que­sto mon­do. So che mam­ma e pa­pà sa­ran­no fe­li­ci e or­go­glio­si di me. E for­se an­che i miei com­pa­gni di scuo­la: non han­no mai sa­pu­to del­la mia sto­ria, ora for­se ca­pi­ran­no». So­gni? «Cer­to, tan­ti. Vor­rei lau­rear­mi, di­ven­ta­re av­vo­ca­to, è il la­vo­ro che ho sem­pre de­si­de­ra­to, e so­prat­tut­to ave­re una fa­mi­glia uni­ta ac­can­to».

Gior­gia, iscrit­ta al li­ceo lin­gui­sti­co, s’è fat­ta no­ta­re du­ran­te uno sta­ge di al­ter­nan­za scuo­la-la­vo­ro

Nel­la Ca­pi­ta­le Gior­gia Ena­che, cit­ta­di­na ro­me­na, stu­dia a Ro­ma

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.