GIOCHIAMO LA PAR­TI­TA DEL­LA VI­TA

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Fran­ce­sco Gia­vaz­zi

In Eu­ro­pa si stan­no pre­pa­ran­do ri­for­me che in­flui­ran­no sul­la no­stra eco­no­mia mol­to più di tut­te le leg­gi che in Par­la­men­to si di­bat­to­no in que­ste set­ti­ma­ne, a co­min­cia­re dal­la pros­si­ma leg­ge di Sta­bi­li­tà. Sot­to­va­lu­tar­ne la por­ta­ta ri­schia di con­di­zio­na­re, sen­za che ci sia sta­ta l’om­bra di una di­scus­sio­ne, l’at­ti­vi­tà di qual­sia­si go­ver­no pos­sa usci­re dal­le ele­zio­ni del­la pri­ma­ve­ra pros­si­ma. Il te­ma so­no le con­di­zio­ni al­le qua­li Ger­ma­nia e Fran­cia stan­no tro­van­do un ac­cor­do che con­sen­ti­reb­be la na­sci­ta di un bi­lan­cio eu­ro­peo comune, cioè fi­nan­zia­to con ti­to­li ga­ran­ti­ti con­giun­ta­men­te da tut­ti i Pae­si dell’eu­ro­zo­na. Si trat­te­reb­be di un ne­ces­sa­rio com­ple­ta­men­to, di quel sal­to di qua­li­tà che mol­ti ri­ten­go­no ne­ces­sa­rio per i 19 Pae­si che ade­ri­sco­no al­la mo­ne­ta uni­ca. Di­spor­re di un bi­lan­cio comune con­sen­ti­reb­be di ar­gi­na­re even­tua­li cri­si di fi­du­cia ver­so un Pae­se mem­bro. Si­tua­zio­ni, co­me quel­la che l’Ita­lia su­bì nell’esta­te del 2011, in cui un Pae­se coin­vol­to po­treb­be non aver al­tra scel­ta che quel­la di ri­pu­dia­re il pro­prio de­bi­to pub­bli­co, pro­vo­can­do shock fi­nan­zia­ri a ca­te­na. Sa­reb­be an­che uno stru­men­to per go­ver­na­re l’eco­no­mia dell’eu­ro­zo­na, so­prat­tut­to quan­do i tas­si di in­te­res­se scen­do­no a ze­ro e di con­se­guen­za la po­li­ti­ca mo­ne­ta­ria del­la Bce per­de in­ci­si­vi­tà. Il pre­si­den­te Ma­cron spin­ge per­ché un bi­lan­cio comune (che fu un suo im­pe­gno elet­to­ra­le) na­sca al più pre­sto. An­ge­la Mer­kel non è pre­giu­di­zial­men­te con­tra­ria ma po­ne una con­di­zio­ne.

Poi­ché un bi­lan­cio comune com­por­ta con­di­vi­sio­ne del ri­schio (ap­pun­to per­ché sa­reb­be fi­nan­zia­to con ti­to­li ga­ran­ti­ti da tut­ti), es­so non può na­sce­re, se­con­do Ber­li­no, pri­ma dell’in­tro­du­zio­ne di re­go­le che ri­du­ca­no l’am­mon­ta­re di quel ri­schio nei mer­ca­ti fi­nan­zia­ri dell’eu­ro­zo­na.

Que­ste re­go­le, che avreb­be­ro con­se­guen­ze di non po­co con­to per i 19 Pae­si, ri­guar­da­no due aspet­ti. Il pri­mo so­no i li­mi­ti da por­re al­la quan­ti­tà di ti­to­li emes­si dal pro­prio Sta­to che una ban­ca può pos­se­de­re. Og­gi non esi­ste al­cun li­mi­te. Se­con­do: le nor­me da se­gui­re per con­sen­ti­re, in ca­so di ri­strut­tu­ra­zio­ne del de­bi­to pub­bli­co, quel­lo che i mer­ca­ti chia­ma­no de­fault, una pro­ce­du­ra or­di­na­ta e che non ab­bia con­se­guen­ze ne­fa­ste per tut­ti.

La quan­ti­tà di ti­to­li pub­bli­ci emes­si dal pro­prio go­ver­no che una ban­ca può de­te­ne­re do­vreb­be di­pen­de­re dal­la lo­ro ri­schio­si­tà. Poi­ché i ti­to­li pub­bli­ci te­de­schi e fran­ce­si so­no giu­di­ca­ti da­gli in­ve­sti­to­ri pri­vi di ri­schio, o qua­si, il lo­ro pos­ses­so con­ti­nue­reb­be a non es­se­re sog­get­to ad al­cun li­mi­te. I ti­to­li ita­lia­ni in­ve­ce, che il mer­ca­to con­si­de­ra più ri­schio­si, avreb­be­ro dei tet­ti di pos­ses­so. Una ban­ca ita­lia­na cioè, non po­treb­be de­te­ne­re Btp ol­tre un cer­to li­vel­lo. Gli ef­fet­ti sui no­stri con­ti pub­bli­ci sa­reb­be­ro pe­san­ti. Si ri­dur­reb­be la do­man­da di Btp da par­te del­le banche ita­lia­ne sen­za che ne au­men­ti la ri­chie­sta da par­te di banche fran­ce­si e te­de­sche. Il ri­sul­ta­to sa­reb­be quel­lo di far sa­li­re il co­sto del nostro de­bi­to.

Il se­con­do ti­po di re­go­le do­vreb­be, co­me di­ce­vo, ren­de­re pos­si­bi­le un «de­fault or­di­na­to». Va­le a di­re quel­lo che non è sta­to pos­si­bi­le in Gre­cia (con le con­se­guen­ze di una cri­si del de­bi­to che an­co­ra stia­mo pa­gan­do) per­ché le re­go­le at­tua­li non pre­ve­do­no che un Pae­se dell’eu­ro­zo­na pos­sa non ri­pa­ga­re il pro­prio de­bi­to se­con­do quan­to pat­tui­to.

Se uno Sta­to non può fa­re de­fault – e quin­di col­pi­re gli in­ve­sti­to­ri che han­no ac­qui­sta­to i suoi ti­to­li co­no­scen­do il ri­schio che cor­re­va­no – è ine­vi­ta­bi­le che i suoi de­bi­ti, co­me è ac­ca­du­to con la Gre­cia, ri­ca­da­no, al­me­no in par­te, sui con­tri­buen­ti de­gli al­tri Sta­ti dell’eu­ro­zo­na. Nel­la pri­ma fa­se del­la cri­si, ad esem­pio, (2010-11) an­che noi con­tri­buim­mo al sal­va­tag­gio del­la Gre­cia con cir­ca 10 mi­liar­di di eu­ro.

Ve­nia­mo al­le con­se­guen­ze per l’Ita­lia di que­sto di­bat­ti­to, che per il mo­men­to ci ve­de as­sen­ti, o per­lo­me­no sen­za la do­vu­ta at­ten­zio­ne da par­te del­la po­li­ti­ca. Pre­mes­so che un bi­lan­cio comune è nell’in­te­res­se di tut­ti, e quin­di an­che nostro, il te­ma è co­me si pro­ce­de­rà al va­ro di quel­le re­go­le. O me­glio quan­to ra­pi­da­men­te es­se en­tre­ran­no in vi­go­re, da­to che è nell’in­te­res­se di tut­ti pri­ma o poi adot­tar­le.

Nes­su­no se­ria­men­te pen­sa che un de­fault sia una pos­si­bi­li­tà con­cre­ta per l’Ita­lia. Il nostro de­bi­to, sep­pu­re mol­to al­to, è per­fet­ta­men­te so­ste­ni­bi­le. Ma il pro­ble­ma è che co­sa ac­ca­dreb­be se si ve­ri­fi­cas­se, co­me nel 2011, un at­tac­co spe­cu­la­ti­vo con­tro i Btp? Se il bi­lan­cio comune non fos­se an­co­ra in fun­zio­ne, men­tre le re­go­le che ren­do­no pos­si­bi­le un de­fault sì, di­ver­reb­be mol­to dif­fi­ci­le ar­gi­na­re un at­tac­co spe­cu­la­ti­vo, e quin­di il de­fault stes­so, con ef­fet­ti pe­san­tis­si­mi sul nostro Pae­se, a co­min­cia­re dal­le fa­mi­glie che ve­dreb­be­ro sva­ni­re una par­te im­por­tan­te del­la lo­ro ric­chez­za fi­nan­zia­ria. Se in­ve­ce la spe­cu­la­zio­ne do­ves­se muo­ver­si do­po la crea­zio­ne di un bi­lan­cio comune, il fat­to stes­so che ta­le bi­lan­cio pos­sa in­ter­ve­ni­re e ac­qui­sta­re ti­to­li ita­lia­ni va­ni­fi­che­reb­be l’at­tac­co, il qua­le quin­di nep­pu­re ini­zie­reb­be.

At­ten­zio­ne: di­spor­re di un bi­lan­cio comune non eli­mi­na la ne­ces­si­tà di ri­dur­re gra­dual­men­te il nostro de­bi­to (in rap- por­to al Pil). Al di là del fat­to che que­sto è un im­pe­gno che il Par­la­men­to ha li­be­ra­men­te sot­to­scrit­to ade­ren­do nel 2012 al Fi­scal Com­pact (con 442 fa­vo­re­vo­li, so­lo 3 con­tra­ri e 6 aste­nu­ti al­la Ca­me­ra) ri­dur­re il de­bi­to è ne­ces­sa­rio af­fin­ché nel lun­go pe­rio­do es­so sia so­ste­ni­bi­le. Il bi­lan­cio comune ser­ve so­lo a evi­ta­re cri­si che pos­so­no ve­ri­fi­car­si an­che se il de­bi­to è so­ste­ni­bi­le, co­me ac­cad­de ap­pun­to nel 2011.

In con­clu­sio­ne l’Ita­lia do­vreb­be es­se­re ir­re­mo­vi­bi­le sul­la si­mul­ta­nei­tà fra in­ter­ven­ti per li­mi­ta­re il ri­schio e na­sci­ta di un bi­lan­cio comune. E do­vreb­be an­che ot­te­ne­re che even­tua­li li­mi­ti a quan­ti Btp una ban­ca ita­lia­na può de­te­ne­re ven­ga­no in­tro­dot­ti con gran­de gra­dua­li­tà. Po­trem­mo non es­se­re so­li in que­sto ne­go­zia­to. Poi­ché an­che la Fran­cia, sep­pur me­no di noi, nu­tre si­mi­li pre­oc­cu­pa­zio­ni, c’è la pos­si­bi­li­tà di gua­da­gnar­si spa­zi nel­la trat­ta­ti­va.

Inol­tre, se non si pos­so­no met­te­re in di­scus­sio­ne le re­go­le ap­pro­va­te in pas­sa­to, que­sto de­ve va­le­re per tut­te le re­go­le. An­che per quel­le (sem­pre di­sat­te­se) che im­por­reb­be­ro al­la Ger­ma­nia di ri­spar­mia­re di me­no, ad esem­pio ri­du­cen­do la tas­sa­zio­ne dei sa­la­ri o de­gli in­ve­sti­men­ti.

Una scel­ta in­ve­ce sa­reb­be per noi fa­ta­le. Ac­cet­ta­re que­ste pro­po­ste a sca­to­la chiu­sa, cioè sen­za ne­go­ziar­ne i tem­pi, in cam­bio di un po’ più di fles­si­bi­li­tà nel­le pros­si­me leg­gi di Sta­bi­li­tà. Lo scam­bio tra fles­si­bi­li­tà sui con­ti pub­bli­ci og­gi, e re­go­le che si ap­pli­che­ran­no so­lo in fu­tu­ro, è un er­ro­re che ab­bia­mo già fat­to. Ad esem­pio non ri­chie­den­do un pe­rio­do tran­si­to­rio all’ap­pli­ca­zio­ne del­le re­go­le del bail-in nei sal­va­tag­gi ban­ca­ri. La ces­sio­ne di un po’ di so­vra­ni­tà per co­strui­re un’eu­ro­zo­na più so­li­da è nell’in­te­res­se di tut­ti. Ma que­sto de­ve av­ve­ni­re con con­sa­pe­vo­lez­za e con re­go­le che tut­ti deb­bo­no ri­spet­ta­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.