«Ol­tre i dua­li­smi, pen­so bud­d­hi­sta»

Ri­chard Gere e i film ai tem­pi dei ci­ne­si a Hol­ly­wood «La lau­rea ho­no­ris cau­sa al Da­lai La­ma a Pi­sa? Av­vi­ci­na scien­za oc­ci­den­ta­le e fi­lo­so­fie orien­ta­li»

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Mat­teo Per­si­va­le

Ri­chard Gere rac­con­ta al Cor­rie­re la sua ade­sio­ne al bud­d­hi­smo: che «è, an­che, una scien­za del­la men­te».

«Che l’uni­ver­si­tà di Ga­li­leo, a Pi­sa, con il suo pre­sti­gio e la sua sto­ria, ab­bia de­ci­so di con­fe­ri­re al Da­lai La­ma una lau­rea ho­no­ris cau­sa in Psi­co­lo­gia cli­ni­ca e in scien­za del­la sa­lu­te è un mo­men­to di gio­ia per tut­ti. Per noi bud­d­hi­sti che, at­tra­ver­so la me­di­ta­zio­ne e lo stu­dio, sap­pia­mo che il bud­d­hi­smo è, an­che, una scien­za del­la men­te, una neu­ro­scien­za. Ma è una gio­ia an­che per chi ve­de co­me la scien­za oc­ci­den­ta­le si stia av­vi­ci­nan­do sem­pre più a po­si­zio­ni — la co­scien­za è ovun­que, un po’ co­me la gra­vi­tà — del­le fi­lo­so­fie orien­ta­li. Scien­zia­ti, fi­lo­so­fi, mo­na­ci, sem­pli­ci bud­d­hi­sti co­me me: un dia­lo­go straor­di­na­ria­men­te in­te­res­san­te, che cre­sce».

Ri­chard Gere non ha il to­no di vo­ce di chi si sta pren­den­do una ri­vin­ci­ta — «Il bud­d­hi­smo non vuo­le do­mi­na­re, non vuo­le di­re “ec­co noi ab­bia­mo ra­gio­ne e voi tor­to”, è tut­to il con­tra­rio, non c’è nul­la in pa­lio, c’è la gio­ia di di­ven­ta­re più sag­gi» — pe­rò è chia­ro che il viag­gio in Ita­lia del Da­lai La­ma di que­sti gior­ni è un po’ più spe­cia­le de­gli al­tri.

Per la lau­rea pi­sa­na con due gior­na­te di stu­dio (mer­co­le­dì e gio­ve­dì) sud­di­vi­se in tre ses­sio­ni (Scien­ze del­la Men­te e Neu­ro­scien­za, Scien­za del­la men­te nel­la Fi­lo­so­fia Oc­ci­den­ta­le, Scien­za del­la Men­te nel­la Fi­si­ca Quan­ti­sti­ca) e re­la­to­ri im­por­tan­ti co­me Mi­chel Bit­bol, Re­mo Bo­dei, Fe­de­ri­co Fag­gin, Do­nald Hof­f­man, Ste­ven Lau­reys, Mas­si­mo Pre­gno­la­to, Mat­thieu Ri­card e Giu­sep­pe Vi­tiel­lo.

Per il lan­cio del ter­mi­ne «mind­scien­ce», scien­za del­la men­te, co­me al­ter­na­ti­va al ter­mi­ne «neu­ro­scien­ce», neu­ro­scien­za. Il Da­lai La­ma è ar­ri­va­to ie­ri in Si­ci­lia e pro­se­gui­rà poi ver­so Fi­ren­ze e Pi­sa.

«Io ho 68 an­ni or­mai e ri­cor­do che, da ra­gaz­zo, quan­do mi av­vi­ci­nai al bud­d­hi­smo, sen­ti­vo par­la­re di due pro­fes­so­ri di Har­vard che in­da­ga­va­no su­gli sta­ti di co­scien­za, la na­tu­ra del­la per­ce­zio­ne dell’es­se­re noi stes­si. Li con­si­de­ra­va­no due hip­pie. Da ol­tre un de­cen­nio pe­rò è un te­ma cut­ting ed­ge di as­so­lu­ta avan­guar­dia, del­la ri­cer­ca neu­ro­scien­ti­fi­ca, tan­ti gran­di scien­zia­ti se ne oc­cu­pa­no. Al­tro che hip­pie! (ri­de) Io di re­cen­te so­no sta­to in­vi­ta­to a dia­lo­ga­re con un pro­fes­so­re im­por­tan­te, Ri­chard Da­vid­son dell’uni­ver­si­tà del Wi­scon­sin — ha ap­pe­na scrit­to con Da­niel Go­le­man, l’au­to­re di In­tel­li­gen­za emo­ti­va che è un bestsel­ler mon­dia­le, il sag­gio Al­te­red Trai­ts ap­pe­na usci­to ne­gli Sta­ti Uni­ti che con­si­glio a tut­ti — a uno dei di­bat­ti­ti del cen­tro “92nd St Y” di New York».

Cer­ca­re di uni­re scien­za e fi­lo­so­fia non è fa­ci­le: «No, la

Gli stu­di sul­la co­scien­za I do­cen­ti che se ne oc­cu­pa­va­no era­no con­si­de­ra­ti hip­pie, og­gi so­no all’avan­guar­dia

scien­za de­ve po­ter mi­su­ra­re tut­to con stru­men­ti tec­ni­ci: e il cer­vel­lo è co­sì dif­fi­ci­le da ana­liz­za­re che sol­tan­to da qual­che an­no ci so­no stru­men­ti dav­ve­ro ef­fi­ca­ci. Sa che a Har­vard, Ya­le, Mit, mi­su­ra­no le rea­zio­ni del­la cor­tec­cia pre­fron­ta­le del­le per­so­ne che me­di­ta­no? Il pro­ble­ma del bud­d­hi­smo è che è un’espe­rien­za pri­ma di ogni al­tra co­sa, e co­me si co­mu­ni­ca un’espe­rien­za si­mi­le? Non a pa­ro­le, il lin­guag­gio ha li­mi­ti strut­tu­ra­li: per cer­ti ver­si è im­pos­si­bi­le spie­ga­re cos’è il bud­d­hi­smo. For­se con la poe­sia. An­che per que­sto è in­fi­ni­ta­men­te af­fa­sci­nan­te».

L’im­pat­to del bud­d­hi­smo, del­lo stu­dio, del­la me­di­ta­zio­ne sul­la vi­ta di Gere è «let­te­ral­men­te im­pos­si­bi­le da de­scri­ve­re. Ho su­pe­ra­to il mo­do di pen­sa­re dua­li­sti­co oc­ci­den­ta­le, ho vi­sto che ogni co­sa non è se­pa­ra­ta ma è par­te di un tut­to, ho per­ce­pi­to la pos­si­bi­li­tà di tro­va­re una via che li­be­ri dal­la sof­fe­ren­za. Bud­d­ha in­se­gna che tut­to è re­la­ti­vo: 2500 an­ni pri­ma che ci ar­ri­vas­se an­che la scien­za con Ein­stein».

Qua­li so­no i li­mi­ti di que­sto dia­lo­go? «Map­pa­re il pun­to del cer­vel­lo do­ve al­ber­ga la com­pas­sio­ne? Ma cos’è la com­pas­sio­ne? Si può im­pa­ra­re? Da­vid­son pen­sa di sì. È un cam­mi­no lun­go, ma ci sia­mo abi­tua­ti. Pen­si al cam­mi­no del Ti­bet». Ne­gli an­ni ‘90 una qual­che for­ma di au­to­no­mia da Pe­chi­no se non di in­di­pen­lo den­za sem­bra­va a por­ta­ta di ma­no, ora mol­to me­no. So­no i li­mi­ti del­la non­vio­len­za? «Oh, la vio­len­za nel bre­ve ter­mi­ne fun­zio­na, nien­te da di­re. Ge­ne­ra odio, ter­ro­re, al­tra vio­len­za, al pun­to che non so­lo non fun­zio­na più ma peg­gio­ra tut­to. Ec­co, ve­de, il Da­lai La­ma ama tut­ti, ama an­che i ci­ne­si, pro­prio tut­ti, an­che quel­li che odia­no. Non può non ave­re suc­ces­so, la fi­lo­so­fia di un uo­mo co­me lui. C’era mol­to en­tu­sia­smo an­ni fa, ora c’è mol­ta tri­stez­za. Io di­co che non è cam­bia­to nien­te: il Ti­bet sa­rà au­to­no­mo, nel gi­ro di una ge­ne­ra­zio­ne la si­tua­zio­ne at­tua­le sa­rà fi­ni­ta. È una tra­sfor­ma­zio­ne ra­di­ca­le, ri­chie­de tem­po, ma non si fer­ma».

Ot­ti­mi­smo bud­d­hi­sta? «No, rea­li­smo. Pen­si a Liu Xiao­bo, un eroe, mor­to in car­ce­re per la li­ber­tà di pa­ro­la. Le pa­re una pro­va di for­za? È sta­ta una pro­va di de­bo­lez­za. Pe­chi­no spen­de, in sor­ve­glian­za, più di quan­to spen­da per le for­ze ar­ma­te. So­ste­ni­bi­le? No. Fi­ni­rà».

Gere è di­ven­ta­to un at­to­re più bra­vo, ed è ri­ma­sto mi­ra­co­lo­sa­men­te bel­lo, ma si ve­de mol­to me­no, al ci­ne­ma, in que­sti an­ni. A Hol­ly­wood il po­te­re del­le azien­de ci­ne­si è sem­pre più gran­de, dal­la pro­prie­tà del­la sa­le sta­tu­ni­ten­si al pe­so del mer­ca­to di Pe­chi­no. «L’in­fluen­za ci­ne­se a Hol­ly­wood è un fat­to. Mi ren­de fe­li­ce? No. C’è una li­nea, per ter­ra, trac­cia­ta con chia­rez­za: ol­tre non si va, o si pa­ga­no le con­se­guen­ze. Io le ho pa­ga­te, le pa­go, le pa­ghe­rò: è co­sì. Al­me­no ho un no­me, una fil­mo­gra­fia, co­strui­ti in un’in­du­stria del ci­ne­ma di­ver­sa da quel­la di og­gi. Og­gi fac­cio i film che mi in­te­res­sa­no. I ko­los­sal? Non mi in­te­res­sa­no. An­che se me li la­scias­se­ro fa­re».

(Fo­to­gram­ma/ Ma­ta­raz­zo)

In­sie­me Ri­chard Gere as­sie­me al Da­lai La­ma du­ran­te un in­con­tro av­ve­nu­to a Rho Fiera nel 2016, quan­do all’au­to­ri­tà re­li­gio­sa fu con­fe­ri­ta la cit­ta­di­nan­za ono­ra­ria. L’at­to­re hol­ly­woo­dia­no ha ab­brac­cia­to da an­ni la fe­de bud­d­hi­sta ed è un so­ste­ni­to­re del Da­lai La­ma nel mon­do

(fo­to An­sa)

In Si­ci­lia Ba­gno di fol­la per il Da­lai La­ma ie­ri al Tea­tro An­ti­co di Taor­mi­na nel­la pri­ma tap­pa del suo viag­gio in Ita­lia. In mi­glia­ia si so­no al­za­ti in pie­di al suo in­gres­so nel­la ca­vea

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.