Stri­sce pe­do­na­li uno sport estre­mo

La don­na tra­vol­ta a Mi­la­no e il nostro fa­ti­co­so cam­mi­no ver­so la ci­vil­tà ur­ba­na

Corriere della Sera - - DA PRIMA PAGINA - Di Bep­pe Se­ver­gni­ni

La no­ti­zia d’agen­zia è scar­na: una don­na di 74 an­ni è sta­ta tra­vol­ta e uc­ci­sa da uno scoo­ter, nel­la tar­da se­ra­ta di ve­ner­dì, all’in­cro­cio tra via Me­da e via­le Ti­bal­di a Mi­la­no. Sta­va at­tra­ver­san­do la stra­da sul­le stri­sce pe­do­na­li ed è mor­ta nel cor­so del­la not­te al Po­li­cli­ni­co.

Il gio­va­ne in­ve­sti­to­re si è fer­ma­to per pre­sta­re soccorso.

Da gen­na­io ad ago­sto, sul­le stra­de ita­lia­ne, ci so­no sta­ti 1.160 mor­ti in 48.881 in­ci­den­ti: 982 sul­le stra­de or­di­na­rie, 178 in au­to­stra­da. L’epi­so­dio mi­la­ne­se, da do­ma­ni, di­ven­te­rà un nu­me­ro in una sta­ti­sti­ca. Non per la don­na che ha per­so la vi­ta, pe­rò; non per i suoi pa­ren­ti; non per il ra­gaz­zo che l’ha in­ve­sti­ta; non per i suoi fa­mi­glia­ri. Ec­co per­ché ce ne oc­cu­pia­mo: per la sua nor­ma­li­tà. Quel­la don­na avreb­be po­tu­to es­se­re no­stra ma­dre, quel ra­gaz­zo nostro fi­glio. Lei sfor­tu­na­ta; lui, pro­ba­bil­men­te, di­strat­to.

Quan­ti ar­ti­co­li so­no sta­ti scrit­ti sul­la pe­ri­co­lo­si­tà og­get­ti­va del­le stri­sce pe­do­na­li? Mi­glia­ia, al pun­to che ci sen­te qua­si in im­ba­raz­zo a tor­na­re sul­la que­stio­ne. Sem­bra di oc­cu­par­si dell’afa d’esta­te o del­le piog­ge d’au­tun­no: in ago­sto fa cal­do, in set­tem­bre pio­ve, sul­le stra­de si muo­re. C’è un par­ti­co­la­re: que­sto po­treb­be non ac­ca­de­re.

A co­sto di ri­schia­re l’ov­vie­tà, nel­la se­gre­ta spe­ran­za di sal­va­re qual­cu­no, ri­pe­tia­mo­lo: le stri­sce pe­do­na­li, in Ita­lia, so­no di­ven­ta­te in­si­dio­se. Per di­ver­si mo­ti­vi.

Il pri­mo è l’asim­me­tria del­la per­ce­zio­ne: mol­ti pe­do­ni sen­to­no di eser­ci­ta­re un di­rit­to evi­den­te, trop­pi au­to­mo­bi­li­sti (e mo­to­ci­cli­sti) non l’han­no an­co­ra ca­pi­to. O me­glio: lo san­no, non l’han­no an­co­ra me­ta­bo­liz­za­to. Suc­ce­de spes­so di no­ta­re, in cit­tà, au­to­mo­bi­li che — pur di non fer­mar­si — al­lar­ga­no, per an­ti­ci­pa­re il pe­do­ne che at­tra­ver­sa. Al­tri in­chio­da­no, co­me se il gui­da­to­re fos­se sba­lor­di­to: que­sto ha dav­ve­ro at­tra­ver­sa­to la stra­da, in­cre­di­bi­le!

Le stri­sce pe­do­na­li so­no si­cu­re nel­le cit­tà — po­che — do­ve tut­ti, con­du­cen­ti e pe­do­ni, ne ri­co­no­sco­no la sa­cra­li­tà; e, pa­ra­dos­sal­men­te, nel­le cit­tà do­ve nes­su­no si fi­da: né i pe­do­ni né gli au­to­mo­bi­li­sti. Ho no­ta­to che a Na­po­li nes­su­no si so­gna d’at­tra­ver­sa­re sul­le stri­sce una stra­da a scor­ri­men­to ve­lo­ce, se non è cer­to d’es­se­re sta­to vi­sto dal­le au­to in ar­ri­vo. A Mi­la­no qual­cu­no lo fa. L’Ita­lia sta cer­can­do la sua stra­da ver­so la ci­vil­tà ur­ba­na: ma è una stra­da lun­ga e fa­ti­co­sa. Il ri­spet­to del­le stri­sce pe­do­na­li è una car­ti­na di tor­na­so­le per in­tui­re l’edu­ca­zio­ne ci­vi­ca di un Pae­se: sul te­ma, co­me sa­pe­te, esi­ste un’ab­bon­dan­te let­te­ra­tu­ra.

Si può cam­bia­re? Cer­ta­men­te sì. Ma oc­cor­re un la­vo­ro in­fa­ti­ca­bi­le. Lo stes­so che è sta­to fat­to, re­cen­te­men­te, con il fu­mo nei lo­ca­li pub­bli­ci; e, pri­ma, con i ri­fiu­ti. Qual­cu­no lo ri­cor­da: sui tre­ni, un car­tel­lo am­mo­ni­va: «È se­ve­ra­men­te vie­ta­to get­ta­re og­get­ti dal fi­ne­stri­no». Og­gi non ce n’è bi­so­gno. L’at­to vie­ne per­ce­pi­to da tut­ti co­me tep­pi­sti­co. An­che dal tep­pi­sta che lo com­met­te.

Do­vreb­be ac­ca­de­re con le stri­sce pe­do­na­li. Ogni au­to­mo­bi­li­sta do­vreb­be ri­spon­de­re a un au­to­ma­ti­smo, lo stes­so che ci spin­ge a fer­mar­ci da­van­ti a un se­ma­fo­ro ros­so. Non ac­ca­de, in­ve­ce. E mol­ti pe­do­ni non si aspet­ta­no che ac­ca­da. Lo si ca­pi­sce dal ge­sto ser­vi­le con cui rin­gra­zia­no il con­du­cen­te che s’è fer­ma­to: il se­gno di un’an­ti­ca ras­se­gna­zio­ne.

Le co­se ri­schia­no ad­di­rit­tu­ra di peg­gio­ra­re. Mol­ti au­to­mo­bi­li­sti, sem­pre di più, so­no di­strat­ti dal­lo smart­pho­ne; e un’oc­chia­ta a un mes­sag­gio può ri­ve­lar­si le­ta­le. Al­tri par­cheg­gia­no sfac­cia­ta­men­te a ri­dos­so del­le stri­sce, ren­den­do­le inu­ti­li. Chi so­prag­giun­ge, in­fat­ti, non co­glie il mo­men­to

Le con­qui­ste Ab­bia­mo smes­so di fu­ma­re nei lo­ca­li o di get­ta­re og­get­ti dai tre­ni È un pro­ces­so lun­go

in cui il pe­do­ne met­te il pie­de sul­le stri­sce; se lo ve­de com­pa­ri­re im­prov­vi­sa­men­te da­van­ti.

Co­sa pos­sia­mo fa­re? Par­lar­ne, a co­sto di ap­pa­ri­re os­ses­si­vi: da­van­ti al­le stri­sce pe­do­na­li, ci si fer­ma. Ri­pe­tia­mo­lo: nel­la lo­ro sem­pli­ci­tà, so­no un gran­de in­di­ca­to­re di ci­vil­tà. Per­ché la te­le­vi­sio­ne pub­bli­ca, cui og­gi non man­ca­no i mez­zi eco­no­mi­ci, non de­di­ca una cam­pa­gna a que­sto pro­ble­ma ir­ri­sol­to? Man­di in on­da una pub­bli­ci­tà in me­no, pen­si a sal­va­re una vi­ta in più.

Non è ve­ro che noi ita­lia­ni non cam­bie­re­mo mai. Chi lo di­ce, ba­nal­men­te, non ha vo­glia di cam­bia­re. E, per giu­sti­fi­car­si, si ri­fu­gia nei luo­ghi co­mu­ni. Di­men­ti­can­do che al­cu­ni uc­ci­do­no: le stri­sce pe­do­na­li, per esem­pio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.