«Più ri­sor­se fi­sca­li al­la Lom­bar­dia Con me an­che i sin­da­ci del Pd»

Il go­ver­na­to­re Ma­ro­ni: il re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre non è del­la Le­ga ma del ter­ri­to­rio

Corriere della Sera - - PRIMO PIANO - di Giampiero Ros­si

«La vit­to­ria del Sì sa­rà an­che dei sin­da­ci del Pd che stan­no so­ste­nen­do que­sta sfi­da, an­drò a Ro­ma con lo­ro per ave­re più for­za con­trat­tua­le». Ro­ber­to Ma­ro­ni è mol­to con­cen­tra­to sull’ap­pun­ta­men­to del 22 ot­to­bre. Quel gior­no in Lom­bar­dia e in Ve­ne­to si vo­te­rà per l’«au­to­no­mia» del­le due Re­gio­ni in que­sto mo­men­to go­ver­na­te dal­la Le­ga Nord. Ma il pre­si­den­te del­la Lom­bar­dia in­si­ste nel sot­to­li­nea­re che «non è il re­fe­ren­dum di Ma­ro­ni o del­la Le­ga, ma è la ri­chie­sta di un ter­ri­to­rio e un’oc­ca­sio­ne per tut­te le Re­gio­ni».

Pre­si­den­te, per­ché se­con­do lei è ne­ces­sa­ria que­sta con­sul­ta­zio­ne, che mol­ti han­no de­fi­ni­to inu­ti­le?

«Per­ché a Ro­ma la sta­gio­ne del­le ri­for­me è fal­li­ta, per­ché il nostro li­vel­lo di au­to­no­mia e la sud­di­vi­sio­ne del­le ri­sor­se con lo Sta­to so­no ina­de­gua­ti. Quin­di tor­ne­re­mo a trat­ta­re con il go­ver­no ma con mol­ta più for­za ne­go­zia­le».

Lei ha sem­pre fat­to ri­fe­ri­men­to a sol­di in più che, in ca­so di vit­to­ria del Sì, re­ste­reb­be­ro in Lom­bar­dia. Ma il que­si­to re­fe­ren­da­rio par­la so­lo di «ini­zia­ti­ve isti­tu­zio­na­li» per «ri­chie­de­re al­lo Sta­to» con­di­zio­ni di­ver­se.

«Al­lo­ra, par­tia­mo dai pre­sup­po­sti che han­no con­dot­to a que­sto re­fe­ren­dum. La Lom­bar­dia è una re­gio­ne spe­cia­le sot­to mol­ti pun­ti di vi­sta, non ha lo sta­tu­to spe­cia­le ma ha una sua spe­cia­li­tà che de­ve es­se­re ri­co­no­sciu­ta dal­lo Sta­to».

Cioè de­ve ave­re più sol­di?

«Non sol­tan­to. Pe­rò un al­tro pre­sup­po­sto è pro­prio que­sto: qui si ge­ne­ra­no in­gen­ti ri­sor­se fi­sca­li che do­vreb­be­ro ri­ma­ne­re sul ter­ri­to­rio in mi­su­ra più con­grua. La Ca­ta­lo­gna pun­ta all’in­di­pen­den­za e su un re­si­duo fi­sca­le di 8 mi­liar­di da trat­te­ne­re sul ter­ri­to­rio, qui il re­si­duo è di 54 mi­liar­di. Io pun­to a far­ne ri­ma­ne­re in Lom­bar­dia la me­tà».

Per far­ne co­sa?

«Le fac­cio un esem­pio che aiu­ta a ca­pi­re che stia­mo par­lan­do di un’op­por­tu­ni­tà per tut­ti e non di una scel­ta egoi­sti­ca: di quei 27 mi­liar­di ne de­sti­nia­mo 15 a un fon­do di so­li­da­rie­tà B2B tra Re­gio­ni».

Cioè la Lom­bar­dia di­stri­bui­reb­be sol­di agli al­tri, al po­sto del­lo Sta­to?

«Non si par­la sol­tan­to del­la Lom­bar­dia e non si trat­ta di di­stri­bui­re de­na­ro, ma di fa­re in­ve­sti­men­ti sul mo­del­lo dei fon­di eu­ro­pei. Po­ten­do trat­te­ne­re la me­tà del pro­prio re­si­duo fi­sca­le, ogni Re­gio­ne vir­tuo­sa po­treb­be “adot­ta­re” una Re­gio­ne del Sud e fa­re po­li­ti­che di so­ste­gno, per esem­pio, al­le im­pre­se che vo­glio­no de­lo­ca­liz­za­re: dia­mo age­vo­la­zio­ni a chi va in Cam­pa­nia in­ve­ce che in Po­lo­nia».

Ba­sta per di­re che non è il re­fe­ren­dum del­la Le­ga?

«Guar­di che in con­si­glio re­gio­na­le, a dif­fe­ren­za di quan­to av­ve­nu­to in Ve­ne­to, an­che il Mo­vi­men­to 5 Stel­le ha vo­ta­to per il re­fe­ren­dum. E poi an­che di­ver­si sin­da­ci del Pd han­no co­sti­tui­to un co­mi­ta­to per il Sì: Sa­la di Mi­la­no, Go­ri di Ber­ga­mo e poi quel­li dei ca­po­luo­ghi lom­bar­di da Va­re­se a Mon­za».

Quin­di lei all’in­do­ma­ni del­la vit­to­ria del Sì an­dreb­be in con­fe­ren­za stam­pa in­sie­me a Sa­la e Go­ri?

«Sì, per­ché avre­mo vin­to in­sie­me. Ma le di­co di più: vor­rei an­da­re a Ro­ma in­sie­me a quei sin­da­ci, per­ché in­sie­me avrem­mo più for­za ne­go­zia­le con il go­ver­no. E c’è una bel­la dif­fe­ren­za ri­spet­to agli at­teg­gia­men­ti del Pd. Ma io an­che in que­sto vor­rei in­no­va­re: ba­sta di­vi­sio­ni po­li­ti­che quan­do so­no in gio­co gli in­te­res­si del ter­ri­to­rio».

Pe­rò mol­ti in­vi­ta­no a di­ser­ta­re le ur­ne. Qua­le sa­reb­be la so­glia di af­fluen­za che la la­sce­reb­be sod­di­sfat­to?

«So quan­to è dif­fi­ci­le por­ta­re la gen­te al vo­to, so­prat­tut­to per un re­fe­ren­dum, quin­di non mi do obiet­ti­vi. Mi ba­sta la vit­to­ria del Sì».

Le han­no con­te­sta­to an­che la spe­sa per i 24 mi­la ta­blet per il vo­to elet­tro­ni­co...

«Quel­la non è una spe­sa cor­ren­te, è un in­ve­sti­men­to. Le sche­de elet­to­ra­li van­no al ma­ce­ro, i com­pu­ter an­dran­no al­le scuo­le lom­bar­de».

A pro­po­si­to di sol­di: co­sa pen­sa del bloc­co dei con­ti ban­ca­ri del­la Le­ga?

«Pen­so sia una de­ci­sio­ne spro­por­zio­na­ta. Non c’è una sen­ten­za de­fi­ni­ti­va, si trat­ta di una pre­sun­ta vio­la­zio­ne da 400 mi­la eu­ro e si pa­ra­liz­za di fat­to l’at­ti­vi­tà di un par­ti­to. Spe­ro si ri­sol­va ra­pi­da­men­te que­sta si­tua­zio­ne, al­tri­men­ti co­sa fac­cia­mo con i sol­di rac­col­ti al­le fe­ste del­la Le­ga? Non pos­sia­mo cer­to met­ter­li sul con­to cor­ren­te».

La pri­ma vol­ta Um­ber­to Bos­si il 19 mag­gio 1990 sul pal­co al­le­sti­to sul pra­to­ne di Pontida per il pri­mo ra­du­no del­la Le­ga

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.