Ri­fiu­ta il ta­glio del cor­do­ne om­be­li­ca­le In­ter­vie­ne il pm

Corriere della Sera - - CRONACHE -

Non vo­le­va far­si ta­glia­re il cor­do­ne om­be­li­ca­le, nem­me­no quan­do il suo bam­bi­no, ap­pe­na na­to, ave­va co­min­cia­to a mo­stra­re se­gni di sof­fe­ren­za. Co­sì i me­di­ci di un ospe­da­le di pro­vin­cia si so­no ri­vol­ti al­la Pro­cu­ra di Udi­ne per ca­pi­re co­me com­por­tar­si. È suc­ces­so l’al­tro ie­ri: una ma­dre, se­guen­do il suo cre­do re­li­gio­so, vo­le­va che il cor­do­ne om­be­li­ca­le si stac­cas­se da so­lo, spon­ta­nea­men­te. Quan­do pe­rò il neo­na­to, par­to­ri­to in buo­na sa­lu­te in mo­do na­tu­ra­le, ha co­min­cia­to a peg­gio­ra­re, i dot­to­ri han­no te­le­fo­na­to al ma­gi­stra­to di tur­no. «Ov­via­men­te ab­bia­mo ri­spo­sto che do­ve­va­no sal­va­re il bam­bi­no», ha spie­ga­to il pro­cu­ra­to­re ca­po di Udi­ne, An­to­nio De Ni­co­lo, che ha par­la­to dell’epi­so­dio co­me di un «se­gno tri­ste dei tem­pi: di­mo­stra a che pun­to è ar­ri­va­ta la me­di­ci­na di­fen­si­va». L’uf­fi­cio del ma­gi­stra­to non ha adot­ta­to al­cun prov­ve­di­men­to, ma ha ri­cor­da­to ai me­di­ci la lo­ro mis­sio­ne: «È quel­la di sal­va­re vi­te. Nel mo­men­to in cui sus­si­ste un pe­ri­co­lo di vi­ta, il trat­ta­men­to sa­ni­ta­rio va fat­to. I me­di­ci de­vo­no es­se­re li­be­ri e se­re­ni nel­lo svol­ge­re il lo­ro la­vo­ro per sal­va­re i pa­zien­ti. Evi­ta­re le de­nun­ce è im­pos­si­bi­le, ma qua­lo­ra ar­ri­vas­se, chia­ra­men­te ar­chi­vie­re­mo. Se al con­tra­rio il neo­na­to fos­se mor­to in as­sen­za di in­ter­ven­to, in quel ca­so sì che avrem­mo aper­to un fa­sci­co­lo d’in­da­gi­ne». «Chiun­que — ha ag­giun­to De Ni­co­lo — è espo­sto al ri­schio del­le de­nun­ce. Non lo si può evi­ta­re. Ma se uno fa il suo do­ve­re non de­ve chie­de­re il pre­ven­ti­vo aval­lo del­la ma­gi­stra­tu­ra».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.